Contenuto sponsorizzato

Musicoterapia, convegno a Rovereto per la Giornata europea

Martedì 15 novembre l'appuntamento organizzato da Associazione italiana dei professionisti della musicoterapia, in collaborazione con l'Università di Trento e OdfLab

Pubblicato il - 11 novembre 2016 - 10:00

ROVERETO. La musica come terapia. Di questo si discuterà martedì 15 novembre a Rovereto, presso la sala convegni di palazzo Fedrigotti. “Sounds of change – Suoni di cambiamento” è il titolo dell'iniziativa che l'Associazione italiana dei professionisti della musicoterapia, in collaborazione con l'Università di Trento e OdfLab, organizzano in occasione della Giornata europea della musicoterapia.

 

Grazie alla collaborazione con il Laboratorio di osservazione, diagnosi e formazione (OdfLab) guidato da Paola Venuti sarà possibile fare un importante focus su musicoterapia e disturbi dello spettro autistico, parlando di ricerca e di clinica con Stefano Cainelli.

Si parlerà del progetto di musicoterapia nel reparto di pediatria dell'ospedale Santa Chiara di Trento con Chiara Acler e in generale dell'importanza di ritmo e suono nello sviluppo del bambino. Ma non solo bambini: si affronterà il tema dell'intervento sonoro-musicale nell'ambito del deterioramento cognitivo, nella clinica psichiatrica e nella relazione d'aiuto.

 

E visto che si parla di musica, la musica verrà anche eseguita. “Mente Locale”, un gruppo di ragazzi di OdfLab condotti da Stefano Cainelli sui esibirà prima della ripresa dei lavori del convegno di metà pomeriggio assieme agli allievi del Centro didattico musica teatro danza di Rovereto.

 

Ma cos'è la musicoterapia? “E' una professione strutturata rivolta alla salute delle persone e basata sulla ricerca – si legge nel flyer distribuito dagli organizzatori – e in Europa ci sono cinquemila professionisti che lavorano in istituzioni sanitarie, scuole, case di cura o nella pratica professionale privata. E la musicoterapia si rivolge a bambini con disabilità intellettiva, autismo o disturbi del comportamento, adulti con depressione, traumi o crisi d'ansia, anziani con Parkinson o demenza”.

 

Il tema della Giornata della Musicoterapia 2016, come dicevamo, è “Sounds of Change”. “Come professionisti vorremmo mostrare a tutti il potere di connessione attraverso la musica e come essa possa aiutare le persone, che per qualche ragione sono bloccate, a procedere nuovamente verso il cambiamento”.

 

Per questo, i professionisti della musicoterapia della Provincia di Bolzano e della Provincia di Trento si mettono a disposizione, per tutto il mese, per incontrare gratuitamente le realtà territoriali, per coinvolgere strutture, enti, istituzioni nella speranza che questa disciplina possa essere maggiormente diffusa e praticata. Tutte le informazioni e il programma della giornata a questo link.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato