Contenuto sponsorizzato

Niente tasse universitarie per gli studenti residenti nei comuni colpiti dal terremoto lo scorso 24 agosto

Verrà chiesta anche un’autocertificazione per attestare di essere stati effettivamente colpiti dal sisma

Di Giuseppe Fin - 19 settembre 2016 - 17:37

In linea con quanto fatto già da altre università italiane, l’Ateneo trentino, recepisce in questo modo l’appello lanciato dalla Conferenza del Rettori per dare un sostegno concreto alle popolazioni colpite e per aiutare i giovani a intraprendere o proseguire la propria formazione universitaria nonostante le difficoltà.  Nella seduta di oggi del Consiglio di amministrazione l’Università di Trento ha deciso di garantire l’esonero totale dalle tasse universitarie per le studentesse e gli studenti residenti nelle zone interessate dal sisma.

 

La richiesta del provvedimento era arrivata anche dai rappresentanti dell'Udu (l'Unione degli Universitari). 

 

L’esonero riguarderà l’iscrizione all’anno accademico 2016/17. A beneficiare del provvedimento saranno sia i nuovi immatricolati, sia chi rinnova l’iscrizione.

 

Gli studenti e le studentesse che potranno beneficiare dell’esonero dovranno essere residenti nei comuni colpiti di Marche (Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, Montefortino, Montegallo, Montemonaco), Abruzzo (Montereale, Capitignano, Campotosto, Valle Castellana, Rocca Santa Maria), Lazio (Accumoli, Amatrice, Cittareale) e Umbria (Cascia, Monteleone di Spoleto, Norcia, Preci).

 

A loro verrà chiesta anche un’autocertificazione per attestare che sono stati effettivamente colpiti dal sisma.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

06 marzo - 15:14

Ha preso avvio il progetto pilota per effettuare l'autotest nasale nelle scuole primarie altoatesine. Dopo il no della Ripartizione italiana, sono state 11 le strutture che hanno preso parte, con 1145 bambini su 1673 testati, di cui 3 risultati positivi. L'assessore alla Salute Thomas Widmann: "Il metodo sembra funzionare"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato