Contenuto sponsorizzato

Incentivi tra i 500 e 1.500 euro per acquistare le colonnine di ricarica per auto elettriche e ibride

Nuova disposizione della Provincia dopo quella per favorire l'acquisto dei mezzi "green" (ecco i nomi dei concessionari presso i quali si può usufruire delle agevolazioni). Le domande si potranno presentare dal 20 novembre

Pubblicato il - 16 novembre 2017 - 13:06

TRENTO. Dopo le agevolazioni per acquistare auto elettriche e ibride la Provincia parte anche con quelle per le colonnine per la ricarica dei mezzi. Un contributo pari al 60% della spesa con un massimo di 1.500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per autoveicoli elettrici o ibridi plug in, nel limite di 5 stazioni per ciascun richiedente e di 500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per e-bike, dotate di multipresa tipo Schko, nel limite di 1 stazione per ciascuna azienda richiedente.

 

Prosegue, quindi, a marce spedite il piano provinciale per la mobilità elettrica. Si è partiti con gli incentivi da 4.000 a 6.000 euro per chi compra autoveicoli elettrici o ibridi plug-in. Operativi dal primo di novembre al momento sono utilizzabili in sei concessionarie del Trentino: 

 

Rotalnord Auto Srl, S.S. 12 del Brennero, Cadino di Faedo - Nissan
Activa Spa, via Fersina 6, Trento - BMW 
Sighel Bruno & Figlio Srl, via Lavisotto 8, Trento - Piaggio 
Dorigoni Spa, via San Vincenzo 42 Trento - Audi, Volkswagen, Seat, Skoda
Gruppo Alpin, via Stella 9, Trento - Renault
Autoindustriale Srl, via Stella 13 Trento - Smart, Mercedes

 

Il tutto per un totale di 300.000 euro stanziati sul 2017 che potranno essere utilizzati da cittadini e enti privati, tra i quali anche le Onlus, che non svolgano attività d’impresa e residenti in Trentino. Oggi la Giunta provinciale, su proposta dell'assessore alle infrastrutture e all'ambiente Mauro Gilmozzi, ha approvato anche i criteri per l'acquisto di colonnine per la ricarica di autoveicoli elettrici e ibridi plug-in e biciclette elettriche.

 

Gli incentivi sono rivolti a cittadini e aziende. Il contributo è del 60% della spesa, con un massimo di 1.500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per veicoli elettrici o ibridi plug in, nel limite di 5 stazioni per ciascun richiedente, e di 500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per e-bike nel limite di una stazione per ciascuna azienda richiedente. "Questa seconda tornata di incentivi - sottolinea l'assessore Gilmozzi - va a completare il primo pacchetto di agevolazioni veicoli elettrici e infrastrutturazioni di ricarica per un Trentino più sostenibile". Le informazioni sugli incentivi sono disponibili sul sito www.provincia.tn.it/mobilitasostenibile.

Da quando si potrà fare domanda? Dal 20 novembre. Chi potrà beneficiarne? Persone fisiche ed enti privati, residenti in Trentino, con o senza personalità giuridica, tra i quali gli organismi non lucrativi di utilità sociale (Onlus). Imprese, consorzi di imprese, reti d'impresa con soggettività giuridica, enti e associazioni per le attività di impresa, nonché le associazioni di categoria aderenti a Confederazioni presenti all'interno del Cnel, aventi sede legale o operativa in Provincia di Trento. Come fare? Sarà sufficiente presentare domanda alla Provincia autonoma di Trento - Apiea entro un anno dalla data di acquisto e produrre copia della fattura/e o documento/i di spesa di data successiva al 20 novembre 2017.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato