Contenuto sponsorizzato

Incentivi tra i 500 e 1.500 euro per acquistare le colonnine di ricarica per auto elettriche e ibride

Nuova disposizione della Provincia dopo quella per favorire l'acquisto dei mezzi "green" (ecco i nomi dei concessionari presso i quali si può usufruire delle agevolazioni). Le domande si potranno presentare dal 20 novembre

Pubblicato il - 16 novembre 2017 - 13:06

TRENTO. Dopo le agevolazioni per acquistare auto elettriche e ibride la Provincia parte anche con quelle per le colonnine per la ricarica dei mezzi. Un contributo pari al 60% della spesa con un massimo di 1.500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per autoveicoli elettrici o ibridi plug in, nel limite di 5 stazioni per ciascun richiedente e di 500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per e-bike, dotate di multipresa tipo Schko, nel limite di 1 stazione per ciascuna azienda richiedente.

 

Prosegue, quindi, a marce spedite il piano provinciale per la mobilità elettrica. Si è partiti con gli incentivi da 4.000 a 6.000 euro per chi compra autoveicoli elettrici o ibridi plug-in. Operativi dal primo di novembre al momento sono utilizzabili in sei concessionarie del Trentino: 

 

Rotalnord Auto Srl, S.S. 12 del Brennero, Cadino di Faedo - Nissan
Activa Spa, via Fersina 6, Trento - BMW 
Sighel Bruno & Figlio Srl, via Lavisotto 8, Trento - Piaggio 
Dorigoni Spa, via San Vincenzo 42 Trento - Audi, Volkswagen, Seat, Skoda
Gruppo Alpin, via Stella 9, Trento - Renault
Autoindustriale Srl, via Stella 13 Trento - Smart, Mercedes

 

Il tutto per un totale di 300.000 euro stanziati sul 2017 che potranno essere utilizzati da cittadini e enti privati, tra i quali anche le Onlus, che non svolgano attività d’impresa e residenti in Trentino. Oggi la Giunta provinciale, su proposta dell'assessore alle infrastrutture e all'ambiente Mauro Gilmozzi, ha approvato anche i criteri per l'acquisto di colonnine per la ricarica di autoveicoli elettrici e ibridi plug-in e biciclette elettriche.

 

Gli incentivi sono rivolti a cittadini e aziende. Il contributo è del 60% della spesa, con un massimo di 1.500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per veicoli elettrici o ibridi plug in, nel limite di 5 stazioni per ciascun richiedente, e di 500 euro per l'acquisto di stazioni di ricarica per e-bike nel limite di una stazione per ciascuna azienda richiedente. "Questa seconda tornata di incentivi - sottolinea l'assessore Gilmozzi - va a completare il primo pacchetto di agevolazioni veicoli elettrici e infrastrutturazioni di ricarica per un Trentino più sostenibile". Le informazioni sugli incentivi sono disponibili sul sito www.provincia.tn.it/mobilitasostenibile.

Da quando si potrà fare domanda? Dal 20 novembre. Chi potrà beneficiarne? Persone fisiche ed enti privati, residenti in Trentino, con o senza personalità giuridica, tra i quali gli organismi non lucrativi di utilità sociale (Onlus). Imprese, consorzi di imprese, reti d'impresa con soggettività giuridica, enti e associazioni per le attività di impresa, nonché le associazioni di categoria aderenti a Confederazioni presenti all'interno del Cnel, aventi sede legale o operativa in Provincia di Trento. Come fare? Sarà sufficiente presentare domanda alla Provincia autonoma di Trento - Apiea entro un anno dalla data di acquisto e produrre copia della fattura/e o documento/i di spesa di data successiva al 20 novembre 2017.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato