Contenuto sponsorizzato

"Quando arriva il cancro si comincia a tirare le somme della propria vita e lì c’è veramente la svolta": 9 donne raccontano il loro 'faccia a faccia' con la malattia

Nato dall'iniziativa di un'operatrice della cooperativa sociale Kaleidoscopio di Trento, il volume "Faccia a faccia con il cancro e con noi stesse" racconta in prima persona la fragilità e la forza di queste donne, in cui domina la speranza e il coraggio di guardare al futuro

Presentano il libro: da sinistra, il presidente di Kaleidoscopio Michele Odorizzi e due protagoniste del volume Norma e Maddalena
Pubblicato il - 29 December 2017 - 20:24

TRENTO. “Essere malati ci rende meno perfetti – afferma Maddalena, una delle protagoniste del libro 'Faccia a faccia con il cancro e con noi stesse' -. Ho avuto il coraggio di aprire il mio cuore e raccontare il mio percorso. È stato come aprire un vaso di Pandora, perché quando arriva il cancro si comincia a tirare le somme della propria vita e lì c’è veramente la svolta. Questo è un messaggio di speranza rivolto a tutte le donne: non siete sole”.

 

In momenti in cui lo sconforto prende piede, quelli della malattia, per di più di una malattia come il cancro al seno che va a intaccare il senso di femminilità, le donne sentono il bisogno di fare rete. E' a questo bisogno che ha cercato di dare risposta Norma Chistè, una donna con la 'D' maiuscola che è anche operatrice della cooperativa sociale Kaleidoscopio, promotrice di un cambiamento sociale basato sul miglioramento della qualità della vita degli individui e dei gruppi, principalmente i più deboli e emarginati.

 

A Norma l'idea di raccogliere in un libro le esperienze comuni a donne affette dal cancro al seno è venuta mentre lei stessa si sottoponeva alle cure contro il tumore nel reparto oncologico di un ospedale. Le altre pazienti che, come lei, combattevano con tutte le loro forze contro questo male tanto terribile quanto diffuso (nel 2016, un caso al giorno solo in Trentino) hanno espresso il desiderio di condividere il proprio percorso.

 

E' così che è nato 'Faccia a faccia con il cancro e con noi stesse', la raccolta delle storie di Ania, Anna, Antonella, Donata, Maddy, Marta, Norma, Paola e Serena, presentato venerdì 29 dicembre al Centro Servizi Anziani di via Belenzani a Trento. Prima donne, poi pazienti, talvolta insicure ma senza dubbio, come hanno dimostrato, fortissime. Le loro storie raccontano di difficoltà e conquiste, percorsi personali impegnativi, ma riflettono anche sull'importanza di rielaborare l’esperienza, di farne patrimonio comune, di rompere un silenzio che crea imbarazzi.

“Questo libro – spiega la coordinatrice di Kaleidoscopio Anna Giacomoni - è frutto di un progetto, nato dall'incontro tra vissuti, professionalità e riflessione all'interno della cooperativa sociale Kaleidoscopio. L’incontro tra il bisogno di relazione, di rielaborazione e di valorizzazione dell’esperienza vissuta da queste donne si è incrociato con una riflessione sui ruoli di genere e sulla valorizzazione delle differenze personali”.

 

“Queste sono storie di fragilità e di forza – aggiunge il presidente della cooperativa Michele Odorizzi – in cui emerge il coraggio e la voglia di guardare al futuro”. Tutti i proventi raccolti da questa pubblicazione verranno investiti in azioni di sostegno a donne che stanno affrontando il tumore al seno.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 maggio - 19:13
Il bilancio del comune dopo i grande evento di venerdì sera. Per tutti è stato chiaro che è andato davvero tutto bene perché si è trattato di [...]
Politica
23 maggio - 16:30
L’esponente di Fratelli d’Italia è intervenuta sulle “pesanti ingiurie da parte dello staff della sicurezza” dicendosi “profondamente [...]
Cronaca
23 maggio - 17:44
Secondo una prima ricostruzione l’uomo alla guida di un’Alfa che stava procedendo in direzione sud, verso Rovereto, non si è fermato a un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato