Contenuto sponsorizzato

Addio all'enologo trentino Rudy Buratti, anima del Brunello di Montalcino dirigeva Castello Banfi

Nato a Comano aveva studiato a San Michele. Dall'83 era sceso in Toscana e da lì non se n'era più andato rendendo grande uno dei vini italiani più amati e apprezzati al mondo

Rudy Buratti
Di L.P. - 14 January 2018 - 14:08

SIENA. Era considerato uno degli enologi più importanti e capaci del panorama vitivinicolo internazionale. Rudy Buratti è morto ieri mattina a soli 56 anni. Si è dovuto arrendere a un grave male dopo una difficilissima battaglia e dopo una vita passata a rendere la cantina Castello Banfi uno dei "marchi" più importanti e stimati di tutto il mondo del vino. 

 

Nato a Comano nel '61, aveva frequentato l'Istituto Agrario di San Michele. Dall'83 si trovava in Toscana dove era sceso per uno stage a Montalcino e da quel momento aveva deciso di non spostarsi più. A Castello Banfi c'era Ezio Ravello, enologo-manager di grande fama, e Buratti per 20 anni lo ha affiancato imparandone segreti e nozioni. Poi, dal 1999 ha assunto la totale responsabilità produttiva della cantina diventandone il direttore.  

 

Insomma, 35 anni a lavorare nel "cuore" del Brunello di Montalcino. 35 anni che coincidono proprio con il periodo di massima fama e crescita di questo straordinario vino. Fama e crescita che indiscutibilmente dipendono anche dall'operato di Buratti che oggi tutti i giornali toscani e molti nazionali ricordano come "una delle anime del Brunello" o lo definiscono "il signore del vino". "Dotato di una forte personalità - si legge in una nota della cantina -, in questi trentacinque anni si è dedicato all'azienda con un amore totale e indiscusso, regalando alla stessa alcuni tra i vini più rappresentativi ed emozionanti nel mondo. La sua scomparsa crea un vuoto immenso tra i colleghi che ne danno il triste annuncio".

 

Rudy Buratti lascia la moglie e due figlie e tecniche e progetti unici nel panorama vitivinicolo. Su tutti il concetto di vinificazione Horizon con un tino di fermentazione metà in legno e metà in acciaio. Meno di un anno proprio Buratti aveva sottoscritto l'accordo con la Fondazione Mach di San Michele per lo sviluppo e la cooperazione tecnologica nel campo del miglioramento varietale viticolo. Un progetto che prevede la creazione di un campo sperimentale in Toscana di varietà selezionate dall'attività di miglioramento genetico Fem.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
08 febbraio - 05:01
Fra incongruenze e accuse reciproche in Consiglio provinciale è andata in scena una battaglia su date e numeri attorno alla mancata assegnazione [...]
Cronaca
07 febbraio - 20:18
Le lunghe operazioni portate avanti dai pompieri nei tre giorni necessari a spegnere le fiamme nei boschi sopra Marlengo, tra chi ha dovuto rompere [...]
Politica
07 febbraio - 19:05
La polemica è legata all'iniziativa del Bellunese, presente a Casa Sanremo, anche con risorse attinte dal Fondo dei Comuni confinanti. L'assessore [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato