Contenuto sponsorizzato

Centoquaranta uova per sessanta persone. La #carbogang a Trento onora il Carbonara Day ''rigorosamente con guanciale''

Quattro diciannovenni trentini hanno creato una profilo Instagram che in pochi mesi ha già raggiunto gli 8.000 follower. Postano solo immagini di carbonara "per onorare questo piatto e farlo conoscere nel mondo". Ecco allora la vera ricetta e il mondo che c'è dietro

Di Luca Pianesi - 06 aprile 2018 - 17:26

TRENTO. Sono come i quattro moschettieri solo che al posto delle spade intrecciano le forchette. Oggi hanno radunato una sessantina di amici nel giardino di una casa privata in via Carlo Esterle e, forti di 140 uova, hanno onorato il "Carbonara Day" come meglio non si poteva "rigorosamente col guanciale". Si chiamano Alessio Tomarelli, Alex Valle, Sebastiano Dalsasso ed Emanuele Riccardo Costella e sono quattro diciannovenni trentini, studenti universitari, che da due mesi hanno trasformato la loro passione in un profilo Instagram dal nome #carbogang che da inizio anno a questa parte ha già collezionato la bellezza di circa 8.000 follower

 

"E' nato tutto un po' per scherzo questa estate - spiega uno di loro, Emanuele -. Siamo tutti e quattro dei grandi appassionati della carbonara però quando abbiamo visto l'attenzione che c'era dietro a questo piatto tipico della tradizione italiana abbiamo deciso di dedicarvi più tempo e di fare le cose per bene. Infatti dietro la carbonara c'è un mondo, anzi tanti mondi. Ci sono discussioni infinite se vada messo o meno un ingrediente, piuttosto che un altro, se vada servita con la pasta corta o lunga, ci sono gli stranieri che tentano, per esempio, di metterci la panna e vengono, giustamente, massacrati dai cultori del piatto".

 

Ed effettivamente ci sono varie scuole di pensiero su come vada cucinata una buona pasta alla carbonara. "Per noi la ricetta è quella romana - prosegue Emanuele - con il guanciale, assolutamente non con la pancetta, con i tuorli d'uovo e non gli albumi, il pecorino romano e non il parmigiano e poi il pepe. D'altronde il pepe è quello che dà il colore alla pasta e da quel colore deriverebbe il nome". E anche sull'origine di questo piatto ci sono teorie e narrazioni differenti. C'è quella dei quattro di #carbogang ma poi c'è quella che vuole che fosse il piatto dei congiurati iscritti alla carboneria, c'è quella che vuole fosse stata inventata da un cuoco di Carbonia, quella che fosse il pranzo dei carbonai dell'Appennino.

 

C'è chi la ricollega alla "pasta Cace 'e ova" e chi vuole che sia stata rielaborata negli anni '40 con l'arrivo dei soldati americani che in dotazione avevano nella "Razione K" uova in polvere e bacon. Insomma, come raccontano i quattro di #carbogang ci sono davvero tanti mondi dietro questo grande piatto della tradizione italiana. "Ora stiamo pensando di depositare il marchio - spiega ancora Emanuele Riccardo Costella - perché vediamo che il successo del profilo è davvero grande, seguiamo e siamo seguiti da grandi aziende legate al cibo e abbiamo follower anche dall'estero. Il tutto con l'obiettivo di onorare la ricetta originale e portarla in tutto il mondo".

 

Insomma, verrebbe da dire tutti per uno e uno per tutti ma forse, in questo caso, meglio fermarsi a buon appetito

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato