Contenuto sponsorizzato

Corridoi umanitari, un'altra famiglia di profughi siriani ospitata a Trento. ''Scappano dalla guerra, hanno bisogno di aiuto''

Fanno parte del primo gruppo arrivato in Italia legalmente attraverso le associazioni umanitarie. Civico: "Queste persone si sentono accolte ancora prima di partire,modello che funziona e che permette viaggi sicuri"

Di Donatello Baldo - 30 gennaio 2018 - 17:45

TRENTO"Benvenuti in Italia". C'era scritto questo sullo striscione appeso all'interno dell'aeroporto di Fiumicino. I profughi siriani arrivati a Roma dal Libano, dal Paese dove per troppo tempo hanno abitato nelle baraccopoli degli sfollati della guerra, erano veramente i benvenuti.

 

La loro storia inizia tra le macerie delle loro case e arriva fino in Trentino. Passa attraverso un corridoio umanitario aperto dalla Comunità di Sant'Egidio, dalla Tavola Valdese, dalla Federazione delle Chiese Evangeliche.

 

Un salvacondotto legale, un percorso sicuro che evita a coloro che scappano dalla guerra la tragedia dell'attraversamento del mare che uccide, o di confini e fili spinati che di cui è disseminata, purtroppo, anche la civile Europa

 

In Italia sono arrivati in 31, altri sono atterrati o atterreranno presto anche a Parigi, in Belgio, anche ad Andorra, nel piccolo Stato sui Pirenei che seppur piccolo ha deciso di accogliere chi ha bisogno di aiuto. Il modello dei corridoi umanitari funziona ed è 'copiato' anche da altri Paesi europei. 

 

Nel novembre scorso il Governo ha rinnovato il protocollo d'intesa con le associazioni umanitarie. Il primo era scaduto, era stato siglato nel 2015 e ha portato in Italia mille profughi siriani. La famiglia ospitata a Trento faceva parte di questo primo gruppo. 

 

A questa ora se ne aggiungerà un'altra, un'altra famiglia siriana a Trento. Saranno accolti due adulti e cinque bambini, tra i primi arrivati in Italia in seguito a questo nuovo accordo che porterà nel nostro Paese altre mille persone.  

 

Persone che hanno visto la guerra, che hanno conosciuto la prigionia, che hanno provato sui loro corpi la violenza e la tortura. Tra loro molti bambini segnati dal conflitto che non ha risparmiato niente e nessuno, che ha obbligato migliaia di uomini e donne a lasciare le loro abitazioni. 

 

Bambini che ora hanno bisogno di cure mediche, e due di loro - appena sbarcati a Fiumicino - sono stati ricoverati all'ospedale Bambino Gesù. Tra questi uno dei piccoli che arriveranno con la famiglia, con gli altri quattro fratelli e con i due genitori.

 

I corridoi umanitari permettono a queste persone di arrivare qui in piena sicurezza, di sbarcare sul territorio italiano con un titolo di soggiorno in mano: richiedente protezione umanitaria. La trafila dell'identificazione, dell'istruttoria dei singoli casi è già stata fatta in Libano.

 

Il visto è dato dall'ambasciata italiana in Libano e la pratica per l'ottenimento dell'asilo politico è già avviata. A queste famiglie, a questi bambini, si cercherà di dare un futuro in Italia, una speranza di vita migliore che altrimenti non avrebbero mai potuto nemmeno immaginare.

 

Ma anche i corridoi umanitari producono i trauma della separazione. Si salvano vite, è vero, si dà speranza: ma qui non inizia una vita nuova, non da zero. E l'errore più grande che si possa fare è quello di sentirci, ancora una vota, gli europei che hanno in mano i destini degli altri.

 

Ma c'è anche un altro errore imperdonabile, quello di festeggiare gli arrivi in pompa magna e poi lasciare queste persone al duro percorso di adattamento. Sono persone che hanno lasciato la casa, gli affetti, la loro cultura e la loro lingua. 

 

Anche Mattia Civico era tra i trentini che si sono recati in Libano per accompagnare nel viaggio verso l'Italia i 31 profughi siriani. Il consigliere provinciale ha spiegato con parole semplici la validità di questo progetto: "Queste persone si sentono accolte ancora prima di partire".

 

Ad aspettarle, ad andare loro incontro, non sono burocrati sconosciuti ma operatori e volontari che hanno già predisposto l'accoglienza, che con queste famiglie stipulano un'alleanza. Che incontrano i profughi in Libano, che con loro costruiscono il percorso e il progetto, che accolgono e raccolgono le vite difficili di chi è obbligato alla fuga. 

 

"Questo è il presupposto della buona integrazione", spiega il consigliere provinciale. Ma non sarà facile dimenticare la guerra, lasciare il luogo in cui si è nati e cresciuti. Toccherà a tutta la comunità accogliere queste persone. Il presupposto all'integrazione siamo tutti noi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato