Contenuto sponsorizzato

L'Unicef racconta la storia della piccola profuga siriana accolta a Trento grazie ai corridoi umanitari

Rossi: "Grazie a Mattia Civico e alla Diocesi. Un messaggio per ciascuno di noi che ci dice che tentare di alleviare le sofferenze di chi vive tragedie come queste è doveroso ed è sempre possibile"

Di Donatello Baldo - 22 marzo 2018 - 08:56

TRENTO. "I corridoi umanitari hanno portato Badia a Trento ed è nata un'amicizia. Una bella storia racconta dall'Unicef che ci rende felici di aver fatto la nostra piccola parte". Scrive questo su Facebook il consigliere provinciale Mattia Civico, postando il video diffuso dall'Agenzia dell'Onu che racconta la storia della piccola profuga siriana ospite in Trentino.

 

Lui, con la Diocesi e con tante altre istituzioni del territorio, è uno degli artefici dell'esperienza dei corridoi umanitari, salvacondotti che garantiscono l'accoglienza in sicurezza di persone in fuga dalla guerra, tra cui la piccola protagonista del filmato.

 

C’è stata la guerra, Badia mi ha raccontato che è stata brutta e non vuole viverla più”, spiega con la semplicità disarmante dei bambini Noelle. Ora sono diventate grandi amiche e vivono entrambe la loro infanzia nella “normalità”, come dovrebbe essere per tutti i bambini del mondo.

 

È la più bella risposta che queste bambine ci regalano - commenta il governatore del Trentino Ugo Rossi che conferma l’impegno delle istituzioni a fianco di chi, come il consigliere Mattia Civico e la Diocesi di Trento si stanno spendendo per questi progetti di accoglienza - un messaggio per ciascuno di noi che ci dice che tentare di alleviare le sofferenze di chi vive tragedie come queste è doveroso ed è sempre possibile”.

 

Qui  il video:

Sul progetto dei corridoi umanitari avevamo già scritto, raccontando dell'ultimo, reso possibile dal rinnovo della firma del protocollo d'intesa con le associazioni umanitarie avvenuto lo scorso novembre. Il primo era scaduto, era stato siglato nel 2015 e ha portato in Italia mille profughi siriani, tra cui una famiglia ospitata a Trento. 

 

A questa nel mese di gennaio se n'era aggiunta un'altra, due adulti e cinque bambini, tra i primi arrivati in Italia in seguito a questo nuovo accordo che porterà nel nostro Paese altre mille persone.  

 

Persone che hanno visto la guerra, che hanno conosciuto la prigionia, che hanno provato sui loro corpi la violenza e la tortura. Tra loro molti bambini segnati dal conflitto che non ha risparmiato niente e nessuno, che ha obbligato migliaia di uomini e donne a lasciare le loro abitazioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

07 luglio - 08:51

Il cartello è stato rilanciato sulla pagina Facebook dell'associazione Azzurro Ionio: "Ci dispiace ma bisogna fare qualcosa". Nei giorni scorsi sempre per protesta con il Trentino erano stata bloccata la corsia d'entrata ad un casello in A22 

06 luglio - 21:42

Fuori dalla discussione sembra esserci la "Strada dei fiori". Abbozzata nel 2016 dalla Giunta precedente in collaborazione con l'Associazione floricoltori trentini per valorizzare i prodotti dei floricoltori trentini sembra essersi un po' arenata. La strada del vino sulla Trento turistica: "I fatti possono aiutare a cambiare status. Si deve discutere per rientrare tra i Comuni che possono aprire"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato