Contenuto sponsorizzato

L'impegno del Trentino a Kobane in Siria per realizzare una scuola e un dormitorio per bambini orfani

Il nome del progetto è "Alan's Rainbow", Alan è il nome del bimbo di 3 anni annegato nel Mediterraneo nel settembre del 2015. Il progetto è stato portato avanti con la collaborazione dell'associazione Docenti Senza Frontiere 

Pubblicato il - 05 luglio 2018 - 19:14

TRENTO. Si chiama “Alan's rainbow” l'importante progetto che la Provincia di Trento sta portando avanti con l'associazione Docenti Senza Frontiere -DSF a Kobane in Siria . Un nome molto significativo perchè Alan è infatti il nome del bimbo di 3 anni annegato nel Mediterraneo nel settembre del 2015, le cui immagini avevano suscitato una sollevazione umanitaria in tutta Europa.

 

Con la conclusione del conflitto in quella specifica area, è la condizione dei bambini ad aver suscitato l’attenzione dell’associazione DSF che, in contatto con i responsabili locali, in particolare con la Kobane Reconstruction Board, ha compreso come vi fosse un aumento preoccupante dei bimbi rimasti orfani, bisognosi di aiuto e cura, soprattutto in relazione alla loro salute mentale, con la necessità di un sistema di protezione e supporto psicologico per superare i traumi vissuti durante la guerra.

 

DSF si è fatta quindi promotrice, in collaborazione con Uiki (Ufficio informazione Kurdistan di Roma) con il sostegno della Provincia di Trento, della costruzione di un edificio destinato a divenire dormitorio per circa 100 orfani, asilo e scuola per circa 500 alunni, attorniato da un parco, con spazio giochi accessibile a tutti i bambini della città. La visita a Kobane, nelle scorse settimane, ha consentito all'associazione di apporre la targa della donazione all'ingresso dell’edificio, pressoché completato, in attesa delle ultime rifiniture e dell’inserimento degli arredi: si prevede l’accoglienza dei primi bambini e l’apertura della scuola per il prossimo settembre.

"E' un'occasione importante per dimostrare come il Trentino non sia isolato dalla dinamiche globali - ha detto l'assessora Sara Ferrari. Dopo la nostra partecipazione alla costruzione dei corridoi umanitari, abbiamo colto l'opportunità di poter investire sul futuro dei bambini siriani, con la costruzione di una scuola e di un orfanotrofio, garantendogli così una possibilità di futuro nel loro territorio".

 

Con la qualificata guida della dottoressa Jeen Khaled dell'Università di Aleppo, nel quadro di una possibile valorizzazione culturale di tutta l'area, è stata presentata alla delegazione di DSF parte dell'inestimabile patrimonio custodito in apposito caveau nella città di Kobane. Si tratta di materiale storico e archeologico risalenti soprattutto al periodo assiro (2000 a.C. ca) e a quello degli indoeuropei Mitanni che proprio in Nord Siria avevano la loro capitale. Vasi di vari materiali, manufatti, sculture e molto altro che dovrebbero trovare la migliore presentazione e promozione in un apposito centro museale, per il momento solo negli auspici dei tecnici e degli studiosi locali. Su questo progetto, Docenti Senza Frontiere, intende lavorare coordinandosi per futuri concreti interventi con l'Università di Tubinga (D).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 ottobre - 22:14
L'allerta è scattata nella serata di oggi a Montevaccino. Svariate unità dei vigili del fuoco in azione per gestire l'emergenza
Politica
20 ottobre - 19:13
Gli autonomisti Michele Dallapiccola e Paola Demagri hanno presentato una mozione che si inserisce sulla riforma della Comunità di valle della [...]
Politica
20 ottobre - 18:30
Il consigliere del Movimento 5 Stelle ha fatto un'interrogazione per sapere quanto ha pesato sulle casse pubbliche la scelta del presidente del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato