Contenuto sponsorizzato

Primo giorno di scuola per i bimbi ucraini a Brentonico: il benvenuto con una sacca e un quaderno con colori: ''Grande sensibilità di tutta la comunità''

Una giornata di inserimento all'istituto comprensivo di Brentonico per i bambini provenienti dall'Ucraina. Diverse le iniziative e molti gli enti coinvolti per l'accoglienza e l'ospitalità dei profughi in fuga dalla guerra

Di Luca Andreazza - 18 marzo 2022 - 15:04

BRENTONICO. Primo giorno di scuola in Trentino per alcuni bambini provenienti dall'Ucraina. Una giornata di inserimento all'istituto comprensivo di Brentonico. Salutati da un "Benvenuto" in italiano e in cirillico, i piccoli hanno, inoltre, ricevuto in dono con la collaborazione dei Docenti senza frontiere una sacca e un quaderno con colori

 

"E' stato un primo approccio e in queste ore viene anche definito un orario delle lezioni. C'è stata un'ottima collaborazione tra l'assessorato politiche sociali, associazioni, protezione civile e sicurezza guidato da Marco Mazzurana, quello della cultura e istruzione con Cecilia Nubola e dirigente scolastica dell'istituto Enrica Rigotti. Una condivisione - spiega Dante Dossi, sindaco di Brentonico - per garantire, per quanto possibile, un ritorno alla normalità ai bimbi".

Una decina di bambini è stata accolta dai docenti e da alcuni genitori, un piccolo tour con l'aiuto di alcune facilitatrici di lingua per conoscere l'edificio e per vedere gli spazi. Nei prossimi giorni i ragazzi entreranno nelle aule per seguire le lezioni e per riprendere l'attività scolastica. "Viene organizzato anche un corso di italiano aperto a tutti - aggiunge Dossi - ma soprattutto rivolto ai profughi ucraini per superare la barriera linguista e agevolare la socialità".

A seguito dell'aggressione militare della Russia con l'invasione dell'esercito del Cremlino, fin da subito il Trentino si è attivato in una gara di solidarietà: l’invio in Ucraina di generi di prima necessità e di medicine e l’accoglienza dei rifugiati, in gran parte donne e bambini, in strutture pubbliche e appartamenti privati. La colonna mobile della Protezione civile intanto è pronta per partire alla volta della Moldavia per realizzare un campo di accoglienza da 500 posti (Qui articolo); nonostante sia il Paese più povero dell'Europa, Chisnau ha aperto le porte ai profughi e ora si trova in difficoltà (Qui articolo).

Ma tante sono le iniziative avviate nelle ultime settimane anche in forma privata per sostenere la popolazione ucraina. Oltre a donazione e raccolte di beni, Brentonico si è attivata, per esempio, anche per l'accoglienza. Il Comune si è proposto come ente di coordinamento delle varie iniziative promosse da associazioni, enti e privati.

 

Il Comune di Brentonico è intermediario con Cinformi per le pratiche relative agli arrivi di cittadini ucraini, nonché per l’utilizzo dei servizi sanitari. L’Apsp effettua i tamponi a tutti i profughi ucraini in arrivo sull'Altipiano. Anche i privati hanno riposto positivamente con la messa a disposizione di appartamenti e in questo caso all’affittuario vengono pagati i costi relativi alle utenze, grazie alle donazioni che verranno effettuate alla Caritas di Brentonico.

 

I versamenti delle donazioni dovranno essere fatti sul conto corrente della Caritas di Brentonico specificando la causale “Raccolta aiuti per Ucraina” (Iban: IT26V0801634420000027421377). Il denaro verrà usato per pagare le utenze degli alloggi che i privati danno in uso gratuito alle famiglie; con le donazioni rimanenti verranno acquistati beni di prima necessità.

 

Inoltre, il circolo Arci Ugo Winkler è in campo per organizzare delle attività ludico didattiche per i bambini e i ragazzi. Continua poi la raccolta di alimenti (esclusa pasta) tramite la profumeria Bellavita di Elena Kardash in collaborazione col circolo Arci e il gruppo Ana Brentonico. Tramite la Farmacia Ottaviani procede la raccolta dei farmaci, mentre alla Famiglia cooperativa si raccolgono beni di prima necessità. Per i trasporti dei beni si è resa disponibile la Croce Rossa Italiana di Brentonico.

 

"Il Comune cerca di coordinare le varie attività ma c'è una grande condivisione e tanta sensibilità di tutta la nostra comunità", conclude Dossi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 1 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
02 luglio - 21:22
Il 36enne stava affrontando una highline, una apposita fettuccia assicurata e tesa tra due sostegni a una quota di circa 1.400 [...]
Cronaca
02 luglio - 19:19
Le fiamme si sono sviluppate tra i vigneti nei pressi di un bunker della Seconda guerra mondiale, l’intervento dei vigili del fuoco complicato [...]
Cronaca
02 luglio - 20:41
Confesercenti del Trentino: "Ci ha lasciato Loris Lombardini: una persona dal grande cuore e dalla grande personalità"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato