Contenuto sponsorizzato

Da "Lettere dal carcere, a Marassi'' all'insospettabile storia del più grande argentino di Rosario, il tris Martinelli, Narciso e Barozzi protagonisti di un reading

L'appuntamento è per mercoledì 3 ottobre alle 21 nella splendida cornice della Vineria Baroldi di Mori. L'incontro accompagnato dalla chitarra di Paolo Bertolini Giazera

Di Luca Andreazza - 01 ottobre 2018 - 13:38

MORI. Una serie di racconti sul calcio, storie quasi dimenticate e alcune chicche tra la Coppa intercontinentale del 1982, la vicenda di Guido Tieghi, partigiano e calciatore, e Rosario in Argentina, patria di grandissimi calciatori.

 

Tutto affidato alle voci di Giancarlo Narciso, Carlo Martinelli e Maurilio Barozzi per un reading accompagnato dalla chitarra di Paolo Bertolini Giazera. Un appuntamento previsto per mercoledì 3 ottobre alle 21 nella splendida cornice della Vineria Baroldi di Mori.

 

Si parte con Giancarlo Narciso, conosciuto anche come Jack Morisco, vincitore del Premio Scerbanenco con "Incontro a Daunanda" e autore anche di "Sankhara" (Fazi, 2002), "Singapore Sling" (Premio Tedeschi, Fazi 2003), "Le zanzare di Zanzibar" (Fazi, 2004).

 

E' il 1982 quando a Tokyo, si trova a fare la cronaca di Flamengo-Liverpool 3-1 per Il Corriere dello Sport. quindi spazio al giornalista Carlo Martinelli, già autore di  “Storie di pallone e bicicletta”, “Un orso sbrana Baricco” e “Campo per destinazione. 70 storie dell’altro calcio”.

 

L'attenzione è per “In carcere, a Marassi”, un racconto che rientra nell'antologia dedicata al Grande Torino, e parla di Guido Tieghi, partigiano e calciatore, ingiustamente incarcerato per mesi e mesi. "Una vicenda - spiega - che ho ricostruito in forma di racconto dopo aver consultato i giornali dell’epoca tra il 1948 e il 1951".

 

Il giornalista ricostruisce la passione sportiva e quella civile nel binomio calcio e politica, ma anche fedeltà alle idee, vita e morte, speranza e dolore, che si incrociano e incontrano.

 

Un ritorno a scrivere sul calcio. "Il calcio - dice Martinelli - è anche poesia, letteratura, economia, politica, arte e vita quotidiana. Per dirla con una celebre citazione di Bill Shankly: chi pensa che il calcio sia questione di vita o di morte, si sbaglia. E’ molto di più".

 

Si chiude con Maurilio Barozzi, che ha pubblicato i romanzi "Spagna" (Giunti,  2003) e "Seme di Metallo" (Curcu&Genovese), mentre alcuni suoi saggi sono stati tradotti e pubblicati in Francia, Canada e Polonia.

 

"Una storia - commenta - ispirata alla vicenda di un calciatore argentino che, a Rosario e in tutta la provincia di Santa Fe, è ancora considerato il più grande giocatore argentino, nonostante Maradona. E pensare che anche Messi è di Rosario".

 

Il protagonista è insospettabile, una sorpresa. "Cerco - aggiunge - di trattare il tema dell’impossibilità di avere successo senza piegarsi alle regole. Ma, mi chiedo, è davvero il successo a rendere felice un uomo?". 

 

Una riflessione sul calcio e le sue prerogative. "Il calcio con la sua grammatica universale che raggiunge tutte le latitudini e appassiona a ogni età, parla di noi. Nella vita - conclude Barozzi - possiamo essere tattici o arrembanti, eleganti o opportunisti, poetici o pragmatici, leali o disonesti, tifosi o contemplatori. Ecco, come pensiamo il calcio – o come lo giochiamo - riflette come siamo. E, forse, s'immerge nel profondo di una parte ancora più intima di noi: come vorremmo essere".

 

Queste le coordinate del reading per una serata piacevole, ma in grado di far riflettere perché il calcio è sempre sullo sfondo delle principali vicende a scandire tempi e ritmi delle epoche.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 dicembre - 05:01

Il Lockdown, la legge Failoni sulle chiusure domenicali e ora un nuovo Dpcm che blinda il Natale, le attività dei centri commerciali sono messe a dura prova: “Provvedimenti che minano l’equa concorrenza, se noi siamo chiusi la gente affollerà i centri storici. Noi negozianti non siamo il male assoluto”

05 dicembre - 10:03

L'incidente è avvenuto questa mattina poco prima delle 9.30. L'auto si è cappottata e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i sanitari

05 dicembre - 09:26

Il video realizzato da Local Team in diretta mostra la grande quantità di neve caduta nella zona di Madonna di Campiglio nel corso della notte. Mezzi spazzaneve al lavoro 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato