Contenuto sponsorizzato

Da Santoro a Rai2, i Bitcoin portano a Rovereto i media italiani. E venerdì arrivano le Iene

L'11 gennaio su Rai 3 è stato ospite il roveretano Marco Amadori deus ex machina della starup trentina inbitcoin. Pochi giorni dopo è toccato alla troupe di "Storie" intervistare a Rovereto il Ceo di Comproeuro Federico Monti e domani sarà il turno di Matteo Viviani e di Italia1

A sinistra Michele Santoro e a destra in primo piano il roveretano Marco Amadori
Di L.P. - 25 gennaio 2018 - 12:46

ROVERETO. Da Michele Santoro alle Iene passando per Tg2 Storie. Rovereto negli ultimi dieci giorni è al centro dell'attenzione mediatica italiana. La Bitcoin Valley che si sta sviluppando in Trentino è sempre più una realtà e l'interesse di giornali e televisioni verso questo fenomeno, che è la criptovaluta e il sistema di transazione che utilizza, il blockchain, è in costante aumento.

 

Su Rai3, nello studio di Michele Santoro, durante la trasmissione "M" andata in onda l'11 gennaio, è intervenuto direttamente il roveretano Marco Amadori (deus ex machina di inbitcoin, startup trentina leader nei bitcoin Pos) che ha parlato dei fallimenti delle banche e dei problemi che si sono avuti in passato dopo la crisi con le "monete tradizionali" per spiegare come i sospetti nei confronti della criptovalute in realtà siano quei giusti e normali dubbi che si dovrebbero avere verso qualsiasi forma di investimento. Amadori ha quindi fatto un ottimo discorso sulle responsabilità e sulla necessità di sapersi informare spiegando che se con i Bitcoin, approfondendo e studiando, si può sapere tutto visto che non ci sono sovrastrutture che fanno da intermediarie, il concetto "fideistico" che si ha verso le banche è, invece, molto rischioso. L'idea che "io mi fido della banca e se mi frega con degli investimenti è colpa sua e non mia", infatti, è sbagliato perché "l'ignoranza non va mai scusata", ha detto il roveretano.

 

 

Due giorni dopo è toccato alla troupe di Rai 2 di "Storie" recarsi direttamente a Rovereto, nel primo Comproeuro d'Italia. Uno spazio che si trova in via Rialto 21 in centro alla città della Quercia e nel cuore della Bitcoin Valley, che "cambia" euro in Bitcoin e fa da punto informativo, per spiegare, raccontare e sponsorizzare la criptovaluta. In questo caso è toccato al Ceo di Comproeuro Federico Monti spiegare ai giornalisti della Rai cos'è un Bitcoin e come funziona. 

 

E venerdì sarà il turno delle Iene di Italia1. Alle 10 Matteo Viviani si troverà in via Rialto e per raccontare come mai a Rovereto si stia tentando di sviluppare l'equivalente della Silicon Valley ma in "salsa" blockchain. Insomma l'attenzione per i Bitcoin è altissima e il fatto che la Città della Quercia (grazie, va detto, alla spinta, prima di tutto, di Matteo Amadori, tra i pionieri italiani della criptovaluta) sia uno dei territori più avanzati in questo campo un primo effetto lo sta già avendo: far parlare di Rovereto promuovendone l'immagine come centro d'avanguardia. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 luglio - 19:26

Il presidente della Pat dopo aver dichiarato che si procederà con l'abbattimento a vista se l'orso dovesse anche solo avvicinarsi alle case dopo il duro intervento del ministro Costa chiarisce il suo messaggio. In suo sostegno arrivano gli Autonomisti popolari di Kaswalder: ''Ben venga la cattura o l'abbattimento di M49''

15 luglio - 14:29
I tecnici di Ispra sono già diretti verso il Trentino. L'ipotesi di abbattere il plantigrado non deve essere presa in considerazione per Roma: "Assurdo e paradossale". Ironico l'ex governatore: "Scelta che appare ancor più lungimirante in quanto potrebbe essere direttamente interessata la zona di abitazione, Civezzano, dell’ex assessore all’agricoltura e veterinario Michele Dallapiccola"
15 luglio - 19:28

L'incidente è avvenuto intorno alle 18.15, il veicolo scendeva dalla Val Rendena in direzione Tione lungo la strada statale 239, quando è avvenuto l'incidente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato