Contenuto sponsorizzato

Dal professor Carotenuto all'editore Mazzeo e al giornalista Louassini: tre eventi speciali per il Contest di giornalismo

Le iscrizioni sono aperte fino al 31 gennaio. In calendario, 14 incontri formativi e tre eventi speciali aperti alla cittadinanza. Il primo premio del contest è una collaborazione con il Dolomiti

Un incontro della precedente edizione del contest di giornalismo partecipativo (Foto Facebook Tempora Onlus)
Di Cinzia Patruno - 23 gennaio 2018 - 20:32

TRENTO. "Un'opportunità notevole per i giovani - così la project manager  di Tempora Onlus, Giovanna Venditti, descrive il contest di giornalismo partecipativo, la cui seconda edizione decollerà i primi di febbraio -, perché coniuga formazione, lavoro e la possibilità di mettersi in gioco grazie all'elaborato finale. Non da meno, la possibilità di intrecciare contatti, fondamentali nel lavoro del giornalista, grazie alla rete di partner già consolidati". Aperte fino al 31 gennaio le iscrizioni al contest rivolto ai giovani tra i 18 e 35 anni che desiderano affacciarsi al mondo del giornalismo: 14 saranno gli incontri formativi tenuti da professionisti del mondo dell'informazione e tre saranno gli eventi speciali, tra febbraio e marzo, a Trento, Rovereto e Pergine Valsugana. In palio, oltre a premi tecnologici fino al sesto classificato, un contratto di collaborazione con il nostro giornale.

 

"Le tante iscrizioni dell'anno scorso (120, ndr) - spiega Giovanna Venditti - hanno portato l'associazione a fare un investimento, presentando in calendario questi 'eventi speciali' aperti al pubblico che, inizialmente, non erano previsti". Un investimento di valore visto che, quest'anno, gli incontri collaterali con grandi ospiti internazionali sono stati richiesti tenendo conto del grande interesse riscosso nel corso dell'edizione precedente.

 

"Eventi speciali - spiega la project manager dell'associazione promotrice dell'iniziativa - non solo per i nomi dei relatori, ma anche perché saranno aperti alla cittadinanza". Un'occasione unica per tutti per affrontare tematiche legate al giornalismo e all'attualità. Il primo, una lectio magistralis sul giornalismo partecipativo, si terrà lunedì 19 febbraio a Trento, al Centro di Cooperazione Internazionale. La lezione sarà tenuta da Gennaro Carotenuto,  professore e ricercatore di storia contemporanea all’Università di Macerata. La sua attività di storico riguarda la politica internazionale, i fascismi e le dittature di destra, la storia contemporanea dell’America latina, la storia orale e la storia del giornalismo in particolare quella degli ultimi trent’anni.

 

Il secondo evento speciale aperto alla cittadinanza è previsto lunedì 19 marzo a Trento, nella stessa sede del precedente, e verterà sul tema del rapporto tra giornalismo e letteratura in compagnia dello scrittore e editore Riccardo MazzeoEditor storico della Erickson, casa editrice di Trento, è stato editor in chief di undici riviste scientifiche e scrive sulle pagine culturali del Manifesto. Si occupa dei diritti internazionali, spesso e volentieri traduce, cura i rapporti con i mezzi di informazione. Conosciuto come traduttore dall’inglese del rinomato filosofo contemporaneo Zygmunt Bauman. Ha pubblicato quest’anno, edito Einaudi, 'Elogio della Letteratura', scritto con Bauman.

 

Il terzo evento si terrà mercoledì 28 marzo nella Sala Video di via Cavour a Rovereto. "Si tratterà qui - spiega Giovanna Venditti - il tema, importantissimo nel panorama geopolico, delle religioni con il giornalista Zouhir Louassini". Louassini è scrittore, giornalista Rai ed editorialista de L’Osservatore Romano. Ha collaborato con diversi quotidiani arabi e ha pubblicato vari articoli sul mondo arabo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:55

Diverse le valanghe, due in particolare di grandi dimensioni, che sono piombate sulla carreggiata lungo la strada statale 42, diversi i veicoli sfiorati, mentre due vetture sono state centrata dallo scivolamento della neve dalla rampa dell'arteria

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato