Contenuto sponsorizzato

Iscrizione ancora aperte per la terza edizione del contest di giornalismo partecipativo dedicato a Megalizzi

L’obiettivo del contest, che vede anche Il Dolomiti tra i partner dell'iniziativa, è quello di incentivare le prospettive di sviluppo locale. Un’ottica innovativa e tecnologica, con un particolare occhio di riguardo al mondo giovanile

Pubblicato il - 04 febbraio 2019 - 20:37

TRENTO. Si avvicina la scadenza delle iscrizioni al contest di giornalismo partecipativo ideato e promosso da Tempora Onlus. Il giorno ultimo per registrarsi è quello di domenica 10 febbraio (Qui info e iscrizioni). Un'iniziativa alla terza edizione e dedicata al giovane reporter Antonio Megalizzi, tra i partecipanti alla primo contest.  

 

Il giornalismo partecipativo è riconosciuto dalla Carta Europea e aderisce ai valori di democrazia, partecipazione consapevole, solidarietà e cittadinanza attiva. L’obiettivo del contest, che vede anche Il Dolomiti tra i partner dell'iniziativa, è quello di incentivare le prospettive di sviluppo locale. Un’ottica innovativa e tecnologica, con un particolare occhio di riguardo al mondo giovanile. In questo contesto, per alcuni, si sono aperte anche delle opportunità professionali.

 

Proprio per questo il concorso è aperto ai giovani tra i 18 e i 35 anni, che a fronte di una quota di adesione simbolica (25 euro), possono seguire 16 incontri formativi, quattro di questi aperti al pubblico. Questi appuntamenti, oltre a fornire crediti formativi per istituti accademici e pubblicisti, sono tenuti da professionisti nei settori di giornalismo, editoria, letteratura e comunicazione.

 

Oltre agli incontri di formazione, i giovani possono partecipare ai percorsi esperienziali messi in campo dai partner di progetto. Alla fine del ciclo di incontri, gli iscritti possono avere la possibilità di cimentarsi nella redazione di uno "scritto tematico inedito" (tre le tracce indicate) che sarà valutato da una giuria di esperti.

 

Alla sede di Arco, già giovedì 14 febbraio, si tiene l'incontro tematico sull'Europa, aperto alla cittadinanza e una serata speciale per ricordare Antonio Megalizzi. Le sedi sono il Centro per la cooperazione internazionale in via San Marco 1 a Trento, il Centro giovani in via Filzi 2 sull'Altopiano della Vigolana e la sala degli Stemmi alla Comunità Valle di Cembra in piazza San Rocco 9 per Cembra Lisignago

 

E ancora la sala comunale in frazione Scancio 64 a Segonzano, il Centro giovani smart lab in viale Trento 47/49 a Rovereto e il Centro giovani cantiere 26 in via Paolina Caproni Maini 26/E in quel di Arco

 

Oltre al primo premio, una collaborazione con il quotidiano Il Dolomiti, gli altri sono un iPad per il primo, il secondo e terzo classificato, quindi un tablet per il quarto, quinto, sesto e settimo in graduatoria. A tutti gli ammessi al contest (massimo 5 assenze su 16 incontri) viene consegnato un attestato di partecipazione e il libro con ebook "Lavoro, dunque scrivo!" (ed. Zanichelli) di Luisa Carrada.

 

Il contest è sostenuto da Provincia di Trento, i comuni di Trento, Altopiano della Vigolana, Rovereto, Arco, Cembra Lisignago, Segonzano, Forum Trentino per la pace e i diritti umani, Comunità Alta Valsugana e Bernstol, Comunità della Valle di Cembra, Apt Valsugana, Sistema bibliotecario trentino, Fondazione Alcide Degasperi, UnderTrenta, Centro per la cooperazione internazionale e Cassa rurale Alta Valsugana.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato