Contenuto sponsorizzato

Festival dello sport, il primo bilancio di Gazzetta è positivo: ''Che risposta da Trento. E nessun atleta è stato pagato''

Il direttore scientifico Gianni Valenti esprime grande soddisfazione per la "prima" della kermesse. Anche Trentino Marketing, Comune e Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi promuovono città e evento: "Non è solo un'operazione mediatica"

Di Luca Andreazza - 15 ottobre 2018 - 19:32

TRENTO. "E' una prima edizione e quindi non potevamo sapere a priori il punto di arrivo, ma ora possiamo dire che siamo andati oltre ogni aspettativa", queste le parole di Gianni Valenti, vice direttore di Gazzetta e direttore scientifico del Festival dello sport.

 

"Siamo felici di aver organizzato il Festival dello Sport - commenta Urbano Cairo, presidente di Rcs - è stata una magnifica festa di popolo, con centinaia di momenti appassionanti, tutti gratuiti, straordinariamente partecipati. L’idea chiave di questo successo è quella di portare direttamente alle persone le grandi emozioni dello sport. Un’impresa che è riuscita per l'impegno di tante realtà".

 

Tra i primi dati del Festival dello sport, ecco quello relativo ai giornalisti: sono 527 quelli accreditati, 19 dei quali stranieri e 327 della stampa nazionale. Un centinaio i comunicati inviati e oltre 300 service tra foto e video.

(Staff dell'Ufficio stampa della Provincia)

Insomma, buona la prima per la kermesse targata Gazzetta e Trentino, Provincia e Comune, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi che stima 50 mila presenze tra i vari eventi, senza contare le migliaia e migliaia di persone che hanno riempito la città. Serpeggia un primissimo bilancio positivo per gli organizzatori, le sensazioni sono buone. "Siamo riusciti a creare un palinsesto per tutti i gusti - prosegue Valenti - tantissimi eventi e molta partecipazione: la città è riuscita a rispondere alla grande. Tutti appuntamenti di livello elevato e almeno tre incontri di caratura e respiro internazionale: i grandi maestri Arrigo Sacchi, Carlo Ancelotti e Pep Guardiola, Steve Nash e l'Inter del triplete".

 

Le code non sono mancate per assistere live ai personaggi, il meglio dello sport si è dato appuntamento a Trento per raccontarsi tra uomo, carriera e aneddoti, lungo il filo-conduttore del record, un primato costruito intorno a fatica, sacrificio e abnegazione. "Tra gli obiettivi - dice il vice direttore - quello di incamerare la cultura sportiva e allargare quei valori alla base dello sport nella vita quotidiana. Un messaggio valido per tutti i lavori".

 

E arriva anche la puntualizzazione che nessun atleta è stato pagato per raggiungere il capoluogo. "Non hanno ricevuto nessun ingaggio o gettone - evidenzia Valenti - non avrebbe senso pagare gli sportivi. Sono arrivati a Trento perché hanno fiducia in Gazzetta, perché hanno riconosciuto la bontà del progetto e tanti poi conoscono il Trentino tra eventi e raduni federali".

Un Festival che si è articolato tra incontri e interviste, workshop e spettacoli, camp e innovazione. "E' un anno che lavoriamo intorno alla proposta di questo grande evento - spiega il direttore scientifico - unico nel suo genere a livello europeo: non esiste un'esperienza simile e quindi ci siamo trovati a inventare un concept nuovo che può rappresentare un ramo futuro nell'editoria. Prima ci siamo concentrati sui cardini, poi abbiamo lavorato agli appuntamenti collaterali tra spazi indoor e outdoor, cinema, libri e tecnologia".

 

La certezza è quella di poter assistere anche alle prossime due edizioni. Una città che è riuscita ad accettare anche questa sfida con grande entusiasmo e che è sembrata piccola dal punto di vista logistico. Un Festival che avrebbe successo in qualunque piazza italiana.

 

"Abbiamo scelto Trento - dice Valenti - per l'affidabilità e l'esperienza in questo settore dei partner istituzionali, quali Provincia e Trentino. Ma questa città può vantare due società di primissimo piano tra volley e basket, senza dimenticare che è sempre sul podio nell'indice di sportività de IlSole24Ore. Inoltre avevamo in mente un Festival da scoprire a piedi: ambiente e sostenibilità sono valori da promuovere, anche attraverso questi eventi".

 

Festival dello Sport 2018

Publish at Calameo

 

Ora è tempo di rifiatare per oliare la macchina in vista della seconda edizione. "Provincia e Trentino - spiega Maurizio Rossini, amministratore unico di Trentino Marketing - posseggono i diritti al 50% e abbiamo trovato un accordo per tre anni in questo format, poi si faranno le valutazioni e si deciderà se proseguire in questo matrimonio. Intanto possiamo essere soddisfatti di questo avvio e non posso che ringraziare tutti. E' ancora presto per il titolo dell'anno prossimo e dovremo ragionare sulle strutture, anche le piazze possono diventare teatro e palcoscenico degli eventi".

 

Promossi anche i camp. "Bellissimo - riconosce Rossini - vedere l'entusiasmo dei visitatori e le piazze vissute in questo modo. Dall'arrampicata al basket, dall'atletica allo skiroll, dal ciclismo a scherma e volley, colori e emozioni, ma soprattutto tanta partecipazione". 

 

Parla di scommessa vinta anche l'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, in prima linea in questa macchina organizzativa. "La città - spiega la direttrice Elda Verones - dimostra ancora una volta di saper fare le cose in grande. Nulla è impossibile per l'intraprendenza di istituzioni e aziende private. Le ricadute in termini di immagine e indotto tra hotel della città praticamente sold out e esercizi commerciali sono tangibili: i grandi eventi non sono più solo operazioni mediatiche".

 

Un binomio ormai assodato tra sport e cultura. "Nonostante la chiara connotazione sportiva - conclude Verones - le sinergie permettono di trovare la valenza culturale. Un grande successo anche i camp, dove i cittadini hanno potuto scoprire numerosi sport in location d'eccezione come le piazze cittadine. Mi sento in dovere di ringraziare di cuore tutte le istituzioni e le forze dell’ordine, i partner, i numerosi collaboratori e volontari per la riuscita di questa manifestazione".

 

Trapela soddisfazione anche in sede di amministrazione comunale. L'assessore Roberto Stanchina si affida ai social. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

27 ottobre - 11:49

Continuano a crescere i numeri dei contagi da Coronavirus in Alto Adige, dove nella giornata di martedì 27 ottobre si registra un indice contagi/tamponi decisamente alto (13,66%). Con un nuovo decesso, la cifra delle vittime avute da inizio pandemia sale a 300

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato