Contenuto sponsorizzato

Il centro giovani ''Cantiere 26'' si rinnova e cambia veste, via alla cogestione

Il "Cantiere 26" si rinnova, la gestione del bar affidata all’associazione "Smarmellata" mentre per le attività culturali ecco "LuHa". Venerdì 28 dicembre l’evento di inaugurazione del nuovo spazio 

Di Tiziano Grottolo - 27 dicembre 2018 - 19:48

ARCO. Con il nuovo anno arrivano tante novità per il "Cantiere 26", il centro giovani dell’Alto Garda. L’azienda pubblica di servizi alla persona "Casa Mia", che gestisce il centro dal 2015, ha intavolato una serie di collaborazioni con alcune associazioni del territorio nell’ottica di ampliare l’offerta culturale e di intrattenimento.

 

Fino ad ora il centro giovani ha dato l’impressione di non riuscire a sfruttare appieno le potenzialità del territorio, ma con l’ingresso nella gestione della struttura di queste nuove associazioni la musica dovrebbe cambiare. Non cambia invece il metodo di approcciarsi con le altre realtà del territorio che possono comunque richiedere gli spazi per singoli eventi.

 

È la prima volta che si sperimenta questa gestione associata degli spazi. Il centro, nel suo complesso, resterà in gestione a "Casa Mia" che però ha scelto di delegare alcuni servizi, mentre continuerà a curare direttamente l’organizzazione degli eventi musicali, che anche in passato hanno riscosso un notevole successo tra i giovani del posto.

 

Il concorso per idee lanciato in estate dall’azienda ha premiato due associazioni locali: "LuHa", che già negli anni passati aveva portato corsi e spettacoli teatrali molto apprezzati, dal prossimo anno avrà in gestione l’intera rassegna culturale del "Cantiere 26". Ma la grande novità è rappresentata sicuramente dall’affidamento degli spazi del bar e dei relativi servizi all’associazione "Smarmellata".

 

Il direttivo dell’associazione che ha visto la sua idea premiata è composto da una squadra molto eterogenea che abbraccia diversi settori anche molto diversi tra loro, dalla biologia allo studio della arti figurative passando per l’antropologia.

 

“Siamo molto entusiasti di questa possibilità che ci viene offerta - ha affermato Marco Penner, presidente dell’associazione - speriamo di coinvolgere sempre più volontari con l’obbiettivo di creare un’offerta alternativa e di livello per il territorio e la sua comunità”.

 

Alcuni dei cambiamenti sono già visibili, l’associazione ha messo in campo un importante investimento per rinnovare gli interni del locale. “È nostra intenzione - ha spiegato Penner - caratterizzare questi spazi e connotarli con una forte personalità”. Un occhio di riguardo sarà riservato anche all’offerta gastronomica che privilegerà prodotti di qualità e a chilometro zero.

 

“L’idea è che in futuro il ‘Cantiere 26’ possa diventare un punto di riferimento per start up e progetti di imprenditoria giovanile incentrati sul territorio”, hanno concluso i vertici di Smarmellata.

 

L’evento di inaugurazione "Work in Progress Party" per il nuovo bar del "Cantiere 26" si terrà domani, venerdì 28 dicembre, alle 17. Ad alternarsi sul palco saranno una serie di Dj, tra questi Marcello Orlandi, Remo’o, Juan Moretti e Luca Fronza

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
15 maggio - 06:01
Amarezza e delusione dei sindacati sul provvedimento preso dalla Provincia. La Uil: "Non sono nemmeno riusciti a scendere in piazza per [...]
Cronaca
15 maggio - 09:54
Gli investigatori si sono messi alla ricerca di Mia e hanno controllato le telecamere comunali dopo le segnalazioni di una ragazza.  In [...]
Cronaca
15 maggio - 08:13
L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio attorno alle 18 a Moena. L'uomo stava lavorando in un cantiere post Vaia quando il ragno meccanico su cui si [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato