Contenuto sponsorizzato

Riva del Garda Fierecongressi festeggia 30 anni di successi, da un'intuizione a punto di riferimento in Trentino

Lanciata da quattro soci, oggi la realtà rivana vanta circa 40 dipendenti e un ventaglio di eventi di carattere nazionale e internazionale. Nell'ambito di Fierecongressi sono passati anche grandi artisti come Morandi e Raffaella Carrà, Tina Turner e Pippo Baudo

Expo Riva Schuh nel 1980 - foto Biatel
Di Luca Andreazza - 04 dicembre 2018 - 11:39

RIVA DEL GARDA. La società Riva del Garda Fierecongressi festeggia trenta anni. Tanto è trascorso da quel 5 dicembre 1988, quando quattro soci si riunirono per costituire una realtà per organizzare, per via diretta o tramite enti terzi, eventi congressuali e fieristici. Un modo per sostenere e promuovere l'economia del territorio.

 

La società oggi presieduta da Roberto Pellegrini e diretta da Giovanni Laezza è il punto di riferimento del Trentino, ma questa macchina perfetta prende le mosse dall'intuizione di Sergio Matuella per contro di Atesina, Giuseppe Degara per Alberghi Atesini, Giovanni Bort per l'Unione del commercio, turismo e attività di servizio della Provincia e Carlo Modena, commissario straordinario dell'allora Azienda autonoma di soggiorno di Riva del Garda

Un traguardo importante per questa società che nel giro di 30 anni è diventata una realtà solidissima, forte di numeri importanti e in costante crescita: Riva del Garda Fierecongressi è reduce da un incremento dell'8% del valore di produzione nel 2017, un dato che si attesta intorno ai 14 milioni e 900 mila euro. Il 76% dei ricavi è stato prodotto nell'attività fieristica, mentre il restante 24% è da ricondurre all'attività congressuale e incoming. Un ottimo risultato in termini di fatturato deriva dalle attività fieristiche e congressuali. 

 

Brilla l'andamento dei proventi dall'attività congressuale: +42% rispetto all'attività precedente. Positivo anche il risultato dell’attività fieristica: i dati gestionali testimoniano che continua, anche per il 2017, il trend per la marginalità degli eventi fieristici: +5% nel triennio 2015-2017.

 

L’utile netto realizzato nell'esercizio 2017 è di 545.679 euro: i soci, cioè Lido Riva del Garda (44,445%), Garda Trentino Sviluppo (43,040%) e Garda Trentino (5,994%) hanno deliberato di destinare 27.284 euro, il 5%, alla riserva legale, mentre 418.295 euro alla riserva straordinaria presente all’interno del patrimonio netto. Il residuo pari, 100.100 euro, quale dividendo da assegnare agli azionisti.

 

E ora è in fermento per ampliare la propria area espositiva dopo il recente via libera dell'amministrazione provinciale al progetto di riqualificare l'area tra un nuovo padiglione, parcheggi e un palasport (Qui articolo) a puntellare la perfetta sinergia tra pubblico-privato e la capacità di attrarre eventi di portata nazionale e internazionale. 

"La celebrazione dell'anniversario della società - commenta Roberto Pellegrini, numero uno di Riva del Garda Fierecongressi - è un momento che porta a riflettere non solo sulla propria storia professionale e personale per fare un bilancio sul percorso compiuto, ma è soprattutto stimolo per guardare avanti con fiducia e per progettare al meglio il futuro".

 

In 30 anni il settore fieristico e congressuale italiano e internazionale è cambiato radicalmente, ma Riva del Garda Fierecongressi è riuscita sempre cogliere le sfide per aggiornarsi e restare all’avanguardia in un contesto sempre più competitivo. I festeggiamenti entrano nel vivo in particolare la prossima primavera, con un evento ufficiale durante il quale sarà rievocato il passato, ma saranno anche presentati gli obiettivi strategici d’indirizzo per i prossimi dieci anni, mentre è già tutto pronto per la "Christmas dinner", un momento nel quale dipendenti e famigliari si riuniscono per brindare all'anno di attività.

 

"L’evento di Natale - dice il direttore generale Giovanni Laezza - si trasforma anche in un’occasione per festeggiare i significativi traguardi raggiunti insieme alle persone che con il loro impegno quotidianamente contribuiscono alla crescita della società, condividendone finalità e obiettivi. Celebrare la storia significa in primo luogo ricordare e rivolgere un ringraziamento a coloro che si sono avvicendati all’interno di questa realtà".

 

Una ricorrenza che invita a compiere un tuffo nel passato, mediante una retrospettiva storica utile a delineare le linee strategiche che guideranno la società in futuro. Spunti non mancheranno nel corso del prossimo anno, che sarà scandito da diversi momenti dedicati alla celebrazione dell’anniversario, valorizzato anche attraverso la revisione grafica del logo istituzionale che marcherà tutte le iniziative e le attività del 2019.

 

Lo staff di Fierecongressi oggi è costituito da oltre 40 persone. Non mancano dipendenti “storici” come Silvino Santoni, andato recentemente in pensione dopo una carriera lunga 41 anni nella realtà rivana, Gianni Simonelli, che lo staff ha salutato proprio in questi giorni per il raggiungimento della pensione, e Alberta Santorum, la quale come i suoi due colleghi ha vissuto e contribuito all’evoluzione della società fin dagli esordi.

 

Ricordano la sinergia di un piccolo gruppo iniziale costituito da una manciata di dipendenti e di come questo si sia poi sviluppato, parallelamente all’espandersi degli spazi espositivi. Ora le redini sono in mano dal 2007 a Roberto Pellegrini, ultimo di sei presidenti da Carlo Modena (nominato il 05/12/1988) a Bruno Santi (dal 05/05/1992), da Lorenzo Lorenzi (dal 14/07/1994) a Giovanni Zontini (dal 24/06/1995), da Alberto Bertolini (dal 28/03/2003) a Mauro Mafler (dal 23/03/2004).

Ripercorriamo dunque il passato attraverso alcuni momenti salienti, l’esperienza professionale di Riva del Garda Fierecongressi prende il via ancor prima della sottoscrizione dell’atto costitutivo. Torniamo al 1972, quando l’allora azienda di promozione turistica fece erigere il Palazzo dei Congressi per ospitarvi eventi congressuali, subito seguiti dal primo embrione di Expo Riva Schuh.

 

La fiera internazionale dedicata alla calzatura, oggi “core” della società, andò per la prima volta in scena nel 1974. Siamo alla fine degli anni Settanta quando si aggiunge Expo Riva Hotel, un’altra manifestazione organizzata direttamente della società cresciuta negli anni in maniera esponenziale.

 

Successivamente, nel 1988, nasce la Società denominata inizialmente Palacongressi (divenuta nel 2002), che porterà nel gennaio 1996 alla realizzazione del Quartiere fieristico sito a pochi chilometri dal centro città in zona artigianale. Avviene già nel 1989 la costruzione del Palameeting, avviata nell’ambito di un appuntamento tanto atteso quanto seguito in quel periodo: la "Vela d’oro", kermesse musicale che portò a Riva del Garda nomi di spicco del mondo della musica e dello spettacolo – da De Gregori a Gianni Morandi, da Tina Turner a Renato Zero e Donatella Rettore, da Raffaella Carrà a Pippo Baudo, giusto per citarne alcuni. Una manifestazione di una tale ricchezza che nel giro di poche settimane generò un efficace restyling della tensostruttura che la ospitava, che venne alzata e trasformata nell’attuale Palameeting.

A cavallo del nuovo millennio si aggiunge un’altra tappa significativa, quando il volto del Palazzo dei Congressi muta completamente e si trova pronto ad ospitare nel 2003 un meeting di rilievo quale quello del Consiglio dei ministri degli esteri europei. Nel 2005 cambia la ragione sociale in Riva del Garda Fierecongressi per dare il meritato risalto ad entrambe le attività di riferimento, ovvero la realizzazione di manifestazioni fieristiche e l’organizzazione di congressi sul lago supportate entrambe dal punto di vista ricettivo dall’agenzia di incoming Rivatour.

 

Risale al 2006 la nascita di Expo Riva Caccia Pesca Ambiente, che va ad affiancarsi ad altre manifestazioni ormai più che consolidate. Nel frattempo il successo di Expo Riva Schuh consente di esportare questo format, per tre anni dal 2008 a Dubai e dal 2011 in India.

 

Parallelamente, in ambito congressuale, si arriva a raggiungere la media odierna dei 70-80 eventi all’anno, complice l’incremento dei convegni ospitati di carattere medico-scientifico. Nel 2017 i riflettori sono puntati sul PalaVela, la nuova struttura moderna ed eco-friendly inaugurata nel mese di giugno. Anche il 2018 rappresenta un anno significativo nel percorso della Società che, a seguito del recente Accordo di Programma siglato lo scorso ottobre con l’ente pubblico, si appresta a scendere nuovamente in campo nella partita di riqualificazione del Quartiere Fieristico della Baltera.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 12:03

E' successo questa mattina. I due uomini stavano risalendo il canalone con i ramponi quando, probabilmente, sono stati investiti da una scarica di sassi e Zenatti ha perso l'equilibrio

26 maggio - 12:18

Partito dal paese natale di Puos d'Alpago, in provincia di Belluno, Mario Cimarosti ha compiuto in vent'anni oltre 24mila chilometri, esplorando l'Asia lungo la via che fu percorsa da Marco Polo. Tutte le esperienze le ha raccolte in "Ai confini dell'Asia. Avventure e incontri tra zar, sultani e maioliche", libro disponibile in libreria e online, per viaggiare con la mente in questo momento di chiusura dei confini

27 maggio - 12:27

Nel quotidiano aggiornamento sulla situazione Coronavirus in provincia, l'Azienda sanitaria altoatesina non ha registrato nessun nuovo contagio su 738 tamponi effettuati. Ancora 0 il numero dei decessi. Il bilancio, ben differente da Trentino, rimane dunque stabile a 2593 infetti e 291 vittime

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato