Contenuto sponsorizzato

Dopo 15 anni si conclude l'era Laezza a Riva del Garda Fierecongressi: ''Anni importanti ma guardiamo avanti. Ancora tante sfide, a cominciare dall'ampliamento''

Un accordo comune e consensuale di interrompere il rapporto professionale. Il presidente Pellegrini: "E' stato un periodo ricco di reciproche soddisfazioni durante il quale la società è riuscita a consolidare il radicamento sui mercati nazionali e internazionali"

Di Luca Andreazza - 23 gennaio 2020 - 16:35

RIVA DEL GARDA. E' finita un'era in casa Riva del Garda Fierecongressi. Dopo 15 anni si separano le strade tra l'ente e Giovanni Laezza, ormai ex direttore generale. Un accordo comune e consensuale di interrompere il rapporto professionale. "E' stato un periodo ricco di reciproche soddisfazioni durante il quale la società è riuscita a consolidare il radicamento sui mercati nazionali e internazionali", commenta il presidente Roberto Pellegrini.

 

Nonostante la maturità, la società è riuscita, infatti, a crescere costantemente, una realtà leader indiscussa e per distacco in Trentino: i dati raccontano di 73 eventi congressuali14 dei quali di livello internazionale, e 10 manifestazioni fieristiche, 111 Paesi rappresentati5.458 aziende coinvolte e 200 mila presenze di pubblico. E ancora un fatturato di 14,5 milioni di euro e un risultato operativo di gestione di circa 800 mila euro (Qui articolo).

 

Negli ultimi anni Riva del Garda Fierecongressi è riuscita a guadagnare in affidabilità e importanza in Italia, così come all'estero, per la capacità di analizzare il mercato, rafforzare i settori e andare in controtendenza in quasi in tutti i campi. Nonostante la crisi del settore calzaturiero, per esempio, Expo Riva Schuh è sempre cresciuta nell'attrattività e nei numeri. tanto che proprio Laezza ha preso la guida di Aefi, l'associazione esposizioni e fiere italiane.

 

"Ottimi risultati raggiunti anche per il buon lavoro del direttore, al quale va il ringraziamento della società, del Consiglio di amministrazione, mio e di tutti i collaboratori, unito all’augurio di un sereno e positivo futuro". Un futuro che guarda al 2022, quando ci sarà il taglio del nastro della prima espansione verso l'area ex Sicom, quindi nel 2023 si dovrebbe concludere l'intervento della Provincia dopo un 2019 che si è chiuso tra le conferme e l'importante ricapitalizzazione, riassetto societario e innovazione di prodotto (Qui articolo).

 

Un passo indietro nell'aria all'interno della società e trapelato all'esterno solo dopo che si è abbassato il sipario di Expo Riva Schuh. "Questa mia scelta - dice Laezza - è dettata da ragioni del tutto personali, legate all’esigenza di intraprendere nuove esperienze personali e professionali. Un ringraziamento al presidente, al Consiglio di amministrazione per la proficua collaborazione, alla Comunità rivana per il clima sempre costruttivo instauratosi e un abbraccio particolare va ai miei collaboratori ai quali mi lega un particolare vincolo di gratitudine e affetto". 

 

Ora parte l'iter per trovare un successore, mentre in questo momento la direzione della società è affidata ad interim al presidente Roberto Pellegrini. "Questo è un momento importante - conclude il numero uno di Fierecongressi - ma siamo preparati per proseguire con entusiasmo e spirito di sviluppo alla luce della nuova sfida e degli scenari di sviluppo e ampliamento ormai prossimi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

17 febbraio - 19:45

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

17 febbraio - 20:04

Uno spazio nuovo, contemporaneo, che si troverà all'inizio di via Suffragio in piazzetta Nicolò Rasmo. L'iniziativa è di Filippo Sartori e l'apertura è prevista tra aprile e maggio. Piatti della cucina italiana/mediterranea, anche per palati vegetariani

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato