Contenuto sponsorizzato

Sacchetti per la frutta, dalle fake news (anche in Trentino) alle gif divertenti ecco cosa c'è da sapere per Altroconsumo

E' la stessa associazione dei consumatori a "spiegare" che la normativa nasce per tutelare l'ambiente e che il costo di 2 centesimi potrebbe comunque far risparmiare gli utenti. Ecco come e perché 

Di Luca Pianesi - 07 gennaio 2018 - 20:13

TRENTO. Sacchetti per la frutta a pagamento , o sacchetti per la frutta a pagamento no. Più plastica o meno plastica? Due centesimi sono troppi o troppo pochi? Il nuovo anno è cominciato da una settimana e ha portato con se questa piccola novità che però, tra social e fake news, s'è trasformata in una battaglia da barricate (virtuali). L'indignazione è esplosa caricata dalle bufale che sono circolate su Facebook e Whatsapp su ipotetici intrallazzi tra chi produce i sacchettini e chi ha fatto approvare la legge (bufala ovviamente ripresa anche in Trentino dal solito sito di voci che riferisce come "beneficiaria dell’operazione è un’azienda di Novara che produce il materiale per i sacchetti bio, la cui amministratrice delegata Catia Bastioli è notoriamente legata al giglio magico renziano". Questa volta lasciamo a Repubblica spiegare le cose come stanno e anche a Legambiente).

 

E, al tempo stesso, sono nate decine e decine di gif e gag divertenti e sagaci, veicolate sempre tramite i social, che hanno fatto da contraltare a rabbia e frustrazione. Una di queste è la seguente semplice e simpatica: 

 

 

 

 

Il tema fondamentale, in realtà, è sapere se il consumatore riceverà un danno da questa novità o meno, se dietro questa riforma si nasconda chissà quale inconfessabile segreto e spietato gruppo di pressione o, più semplicemente, ci sia una normativa europea e un ambiente da difendere.

 

Ebbene le risposte le lasciamo ad Altroconsumo, l'associazione italiana di consumatori senza fini di lucro, più antica e più diffusa, che spiega proprio come "il tema dei bio shopper si è fatto piuttosto caldo nelle ultime ore" fomentato da "vere e proprie fake news diventate virali. 'La legge favorisce un'amica di Renzi che è l'unica che produce quel tipo di sacchetti biodegradabili', recita così la fake news più popolare a riguardo e che è stata prontamente già smentita dagli altri organi di stampa".

 

La realtà, anche per Altroconsumo, è semplicemente che "l'obbligo dei sacchetti biodegradabili è previsto dalla legge 123/2017, emanata anche per recepire una direttiva dell'Unione europea in tema di materiali di imballaggio". E aggiunge che il tutto è nato per trasformare in biodegradabili e compostabili tutti i sacchetti per gli alimenti visto che "solo in Europa sono oltre 8 miliardi i sacchetti di plastica che ogni anno si disperdono nell'ambiente (QUI I DETTAGLI DEL COMUNICATO CHE SPIEGA PASSO PASSO ANCHE I DANNI)".

 

E il costo? "I sacchetti - spiega Altroconsumo - devono essere prodotti con materie prime rinnovabili in proporzione crescente negli anni. Si parte dal 40% previsto per il 2018 e si passa poi al 50% nel 2020, per arrivare al 2021 con sacchetti composti al 60% da materie prime rinnovabili. Per scoraggiarne l'abuso e il 'self service', questi sacchetti vengono distribuiti a pagamento e il loro costo viene riportato direttamente sullo scontrino fiscale. Ogni singolo bio shopper ha un costo che può variare a seconda del punto vendita da 1 a 10 centesimi. Un costo che è sembrato spropositato per tanti, ma non bisogna sottovalutare la possibilità di riutilizzarli per la raccolta dei rifiuti umidi. Infatti, se il prezzo unitario dei bio shopper dovesse attestarsi sui 2 centesimi, considerando anche che il costo medio per un sacchetto compostabile si aggira intorno ai 22 centesimi, riutilizzarlo consentirebbe comunque di risparmiare".

 

"Il vantaggio di questi sacchetti - prosegue ancora l'associazione che tutela i consumatori - sta anche nel fatto che si deteriorano in tempi molto più rapidi (scompaiono in circa 12 settimane) rispetto a quelli tradizionali, senza accumuli nelle acque e senza costituire un rischio per le specie animali". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 10:59

Come previsto è accaduto quello che doveva accadere: una norma senza né capo né coda fatta nel modo e nei tempi più sbagliati possibili è stata impugnata dal consiglio dei ministri. Ovviamente va a ledere l'articolo 117 della Costituzione ''eccedendo dalle competenze statutarie e violando la competenza esclusiva dello Stato in materia di concorrenza''

08 agosto - 05:01

La Giunta ha eseguito quanto previsto dal Governo Conte per ''risarcire'' coloro che avevano abbonamenti al servizio pubblico e non li hanno utilizzati per via dell'interruzione anticipata dovuta al Covid. Le modalità di ristoro sono differenziate per categorie di utenti (ecco i dettagli per le diverse classi di studenti e per i privati). Cgil, Cisl e Uil: ''Al di là delle buone intenzioni del governo nazionale sarebbe stato opportuno, però, che Roma finanziasse questa misura con risorse adeguate''

08 agosto - 10:10

Il gruppo, composto da adulti e bambini , è stato raggiunto da una quindicina di soccorritori . Dopo averli assicurati, tutti sono stati accompagnati in sicurezza fino al termine del sentiero attrezzato e poi alle macchine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato