Contenuto sponsorizzato

Turismo, Trentino Alto Adige al top per capacità di attrarre gli stranieri, nel 2018 potrebbe fare meglio di Lazio e Toscana

La nostra regione gioca un ruolo di traino per il settore, in compagnia di Veneto, Lazio e Lombardia. Queste le aree a maggiore rilevanza per gli stranieri nell'ultimo studio dell'Istituto Demoskopika

Di Luca Andreazza - 16 agosto 2018 - 20:29

TRENTO. Cresce l'appeal dell'Italia quale meta turistica, soprattutto sui mercati esteri: le previsioni per questo 2018 indicano in oltre 2 milioni i turisti stranieri in più in arrivo nel Bel Paese, un dato che si traduce in +3,7%.

 

Anche il Trentino Alto Adige gioca un ruolo di traino per il settore, in compagnia di Veneto, Lazio e Lombardia. Queste le regioni a maggiore rilevanza per gli stranieri nell'ultimo studio dell'Istituto Demoskopika.

Le stime del World travel and tourism council, cioè l'industria turistica nel suo complesso, mostrano che questo comparto avrebbe contribuito al 9,4% del Pil nazionale, un valore da 147 miliardi di euro e 2,5 milioni di persone impiegate, che si traduce nel 10,9% dell'occupazione italiana.

 

Certo, tra isole e città d'arte, laghi e montagne, mare e enogastronomia, unite ai segmenti religiosi, naturalistici e sportivi, ma anche a base di eventi e affari, questo non dovrebbe sorprendere.

 

L'Italia  già nel XVIII secolo era tra le rotte del Grand Tour, quando i nobili d'Europa scendevano nello Stivale per scoprire il nostro Paese. Italia che nel frattempo può vantare la più alta concentrazione al mondo di beni che rientrano nel patrimonio dell'umanità tutelati dall'Unesco

 

Insomma, le potenzialità ci sono, ma nel tempo qualcosa si è inceppato. L'Italia non è forte quanto potrebbe e dovrebbe, tanto che a livello mondiale siamo scesi al quinto posto, dietro a Francia (83,7 milioni di turisti l'anno, 15 milioni dei quali solo a Parigi), Stati Uniti (74,8 milioni), Spagna (65 milioni) e Cina (55,6 milioni). Davanti alla Turchia, nonostante i problemi internazionali.

 

Complice anche la flessione di alcuni mercati per l'instabilità politica, da alcuni anni il turismo italiano è ritornato a crescere e l'anno 2018 dovrebbe confermare questo trend. Oltre al Trentino, l'andamento riguarda tutta quasi tutta la nazione che dovrebbe attestarsi tra il +2,7% di arrivi e +1,3% di presenze, trascinato soprattutto dai vacanzieri stranieri.

 

A registrare la crescita più sostenuta a livello regionale, in termini percentuali, la Basilicata con un incremento previsto pari al 5,7% arrivi e al 3,7% delle presenze.

 

Alle sue spalle Sardegna (+4% arrivi, +2,7% presenze), Valle d’Aosta (+3,7% arrivi, +1,9% presenze), Lombardia (+3,45% arrivi, +2,8% presenze), Liguria (+3,4% arrivi, +1,6% presenze), Trentino Alto Adige (+3,25% arrivi, +1,6% presenze) e Veneto (+3% arrivi, +1,3% presenze).

Una tendenza confortante, quella della riscoperta da parte dei mercati esteri. I risultati previsionali per il 2018 confermano un andamento costantemente in crescita della domanda turistica, soprattutto negli ultimi anni: dal 2010 l'aumento medio è del 3,4% delle presenze e proprio quest'anno si dovrebbe raggiungere un picco con una crescita media dal 2010 ad oggi pari al 4,6% per gli arrivi e al 3,4% per le presenze.

 

Risultati buoni e margini di miglioramento abbondanti, anche se gli ultimi fatti di cronaca tra Bologna e Genova potrebbero raffreddare la proiezione a causa della sicurezza e dei disagi lungo le arterie. E se il sistema turismo trentino e quello altoatesino sembrano all'avanguardia, così non si può dire a livello centrale, dove Enit non riesce a cambiare passo.    

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 settembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 06:01

Ha 22 anni ed è tra i più giovani candidati che si presenteranno per le elezioni del prossimo 21 ottobre. E' consigliere circoscrizionale a Villazzano. "Il rinnovamento in agraria è la lavorazione di profondità che libera terra nuova. Come per l'agricoltura, anche la politica ha bisogno di liberare 'terra nuova', ha bisogno di liberare nuove forze, nuove generazioni che sono al momento espulse da questo mondo"

22 settembre - 21:06

L'operazione della polizia del Tirolo che ha visto finire nei guai 4 italiani

23 settembre - 08:32

La vicenda risale a dicembre scorso. La padrona di Ciuffo era uscita con il proprio cane per una passeggiata quando gli sono piombati addosso dei pitbull

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato