Contenuto sponsorizzato

Anffas ritira la disdetta del contratto integrativo. I sindacati: ''Importante assunzione di responsabilità. Ora si può dialogare per trovare le soluzioni''

Le parti sociali avevano fin da subito criticato tempi, modi e motivazioni, che non consentivano a Cgil e Cisl di poter entrare nel merito delle questioni, ma soprattutto di avviare un confronto serio sui molteplici interessi in gioco, servizi per persone particolarmente fragili da salvaguardare, circa 600 lavoratrici e lavoratori professionalmente preparati e competenti, risorse pubbliche e tariffe degli affidamenti

Pubblicato il - 01 novembre 2019 - 19:12

TRENTO. Anffas del Trentino ha rinunciato alla disdetta del contratto integrativo aziendale che avrebbe dovuto comunicare entro ieri, 31 ottobre. Una disdetta a soli 7 giorni dai tempi previsti che era arrivata come un fulmine a ciel sereno e per la quale i sindacati Fp Cgil e Cisl Fp erano subito scesi in campo per bloccare questa ipotesi (Qui artiolo). 

 

"Un risultato importante e che auspicavamo. Tutte le parti coinvolte - spiega Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp - si sono assunte la responsabilità per fare sistema e trovare una soluzione. Siamo pronti a fare la nostra parte, ma chiediamo che il dialogo prosegua nel solco della collaborazione e della serietà per mantenere la qualità del servizio e mantenere gli adeguati livelli occupazionali per una realtà fondamentale del tessuto sociale del territorio".

 

Le parti sociali avevano fin da subito criticato tempi, modi e motivazioni, che non consentivano a Cgil e Cisl di poter entrare nel merito delle questioni, ma soprattutto di avviare un confronto serio e rispettoso dei molteplici interessi in gioco, servizi per persone particolarmente fragili da salvaguardare, circa 600 lavoratrici e lavoratori professionalmente preparati e competenti, risorse pubbliche e tariffe degli affidamenti.

 

Anche l'assessora Stefania Segnana si era subito mossa per incontrare le parti e chiedere ai vertici di Anffas di aprire una contrattazione per il trovare il modo di salvaguardare i dipendenti che si occupano di persone deboli e disabili. Tra le motivazioni della cooperativa sociale nel disdire il contratto integrativo provinciale, la rescissione dell'accordo nazionale e i nuovi oneri Irap sul personale dipendente a tempo indeterminato

 

Un problema, quest'ultimo, legato alla tassazione sul personale delle cooperative sociali, che per norma nazionale devono versare l'Irap anche sul personale a tempo indeterminato: un appesantimento forte sul conto economico, che fino al 2018 era compensato dalla Provincia. Per l'anno in corso la normativa europea prevede che questa compensazione venga considerata parte del contributo de minimis, un plafond oltre il quale non è possibile intervenire.

 

Questo comporta che una parte del contributo sia a carico della cooperativa sociale. Nel frattempo i servizi provinciali si sono mossi con Bruxelles e avrebbero ricevuto segnali positivi che per il 2020 la situazione venga a risolversi. Per il 2019 invece si dovrebbe prevedere una revisione del sistema tariffario.

 

Una situazione considerata delicata dall'assessorato e l'impegno di trovare una soluzione per garantire il livello di assistenza a diversamente abili e famiglie. Intanto dopo una lunga trattativa Anffas del Trentino ha ritirato la disdetta e il contratto integrativo viene confermato anche per tutto il 2020 con piena operatività

 

Le parti poi si aggiornano al prossimo 7 novembre per definire un calendario di ulteriori incontri per trovare una sostenibilità aziendale nel tempo, tutelare l'occupazione e pianificare soluzioni contrattuali per favorire maggior equità verso i nuovi assunti. Una interlocuzione che prevede anche la partecipazione della Provincia per il riconoscimento dei costi derivanti dalla contrattazione collettiva e conseguente adeguamento delle rette dei servizi offerti per garantire qualità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 19:13

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 14 decessi di cui 9 in ospedale

18 gennaio - 17:39

Le Stelle alpine prendono in considerazione l'ultima analisi di Bassi, il quale ha esaminato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss. La lettera del segretario politico del Patt: "Il governo della Provincia è in qualche modo responsabile del ritardo nella comunicazione dei dati a Roma? E se così non fosse cosa intende fare, presidente Fugatti, per correre ai ripari e ripristinare la verità?"

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato