Contenuto sponsorizzato

Ferie e permessi dei vigili del fuoco per il concerto di Rossi, previste eccezioni e salta la sospensione: ''Accettate le richieste per trovare soluzioni tra mezzi e concorsi''

L’assessore Spinelli ha incontrato il personale e i sindacati Cgil, Cisl e Uil: "C'è un accordo e sono stati accettati i nostri 4 punti". La Pat: "Garantite risorse e strumenti, al lavoro sulle soluzioni per valorizzare il corpo dei vigili del fuoco permanenti"

Di Luca Andreazza - 28 April 2022 - 09:46

TRENTO. "C'è stata una piena adesione sui 4 punti proposti". A dirlo i sindacati Cgil, Cisl e Uil dopo il vertice con la Provincia e il raggiungimento di un accordo per risolvere quei nodi critici che avevano spinto le parti sociali a dichiarare lo stato di mobilitazione e quindi ipotizzare un possibile sciopero. A far alzare la tensione era arrivata poi la disposizione di sospendere ferie, permessi e salta-turno nelle due settimane a cavallo del concerto di Vasco Rossi.

 

"La Pat - commenta Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp - ha manifestato una piena adesione a queste direttrici per continuare garantire alla popolazione un altissimo livello degli standard tra i permanenti di Trento. E' stato sottoscritto un accordo che prevede di arrivare alle soluzioni richieste dalle parti sociali".

 

C'è una specie di passo indietro della Pat su quest'ultimo punto. Un tema che aveva portato anche a un botta e risposta tra le parti sociali e il presidente Maurizio Fugatti (Qui articolo).

 

"Sono previste eccezioni - dice Pallanch - le situazioni vengono valutate a seguito di un confronto interno. Ma in generale è stato raggiunto un ottimo risultato: un passo importante nella direzione di chiudere la vertenza e arrivare all'equiparazione con quanto avviene a livello nazionale".

 

E le Funzioni pubbliche di Cgil, Cisl e Uil incassano, infatti, la volontà di piazza Dante di approfondire tutte quelle questioni aperte evidenziate nel corso dell'assemblea dei lavoratori del 28 marzo scorso (Qui articolo).

 

"Dopo un'ampia discussione - spiega Luigi Diaspro, segretario della Fp Cgil - c'è stata una piena adesione sui 4 punti da noi posti da parte dell'assessore Spinelli e dell’ingegner De Col. Per questo abbiamo sottoscritto l’accordo che prevede la modifica dell’ordinamento professionale per l’accesso alla qualifica di ispettore antincendi e la sospensione del bando di concorso per l’accesso alla qualifica di vice ispettore, che dovrà essere emesso coi nuovi requisiti. L'apertura di un tavolo di confronto per definire le materie che saranno oggetto di relazioni sindacali e che invece, finora, non erano individuate nella legge 7 del 97. Quarto la richiesta di un’accelerazione per le nuove acquisizioni e l’aggiornamento del parco mezzi, tale da garantire efficienza e messa in sicurezza; questo anche in considerazione del fatto che i fondi necessari sono già stati stanziati. Sulla base di questi impegni confidiamo di poter lavorare speditamente nell’interesse di questo settore, che merita maggiore attenzione rispetto a quanto si è visto fino a oggi".

 

I sindacati avevano, infatti, evidenziato la necessità di recepire le disposizioni relative al comparto pubblicistico dei vigili del fuoco e adeguarle con quanto previsto nel resto d’Italia; poi la revisione delle voci relative alle entrate e uscite del fondo unico di amministrazione e la necessità di sanare il mancato accordo sui requisiti di accesso al ruolo di Ispettore antincendio di cui all’Ordinamento professionale come previsto a livello nazionale e valutare in modo approfondito la situazione dei mezzi di servizio e della relativa sicurezza del personale durante le procedure ordinarie e d’emergenza. Tutto è stato accettato

 

"L’Amministrazione provinciale - commenta l'assessore Achille Spinelli - è al lavoro per garantire l’adeguata dotazione di risorse e strumenti che consenta al personale di continuare ad operare al meglio e in piena sicurezza, così come per proseguire l’aggiornamento dei mezzi operativi, seguendo il piano del Dipartimento provinciale Protezione civile".

 

Le questioni aperte sono state affrontate per la parte tecnica da Raffaele De Col, dirigente generale di dipartimento Dipartimento protezione civile, foreste e fauna, Ilenia Lazzeri, comandante dei vigili del fuoco permanenti e responsabile del servizio antincendi e protezione civile della Provincia, e Stella Giampietro, dirigente del Servizio personale.

 

In particolare De Col d’intesa con l’assessore ha ribadito la volontà della Giunta provinciale di continuare a garantire la dotazione in termini di risorse e strumenti operativi. Il piano per il rinnovo dei mezzi con riguardo al corpo permanente, è stato sottolineato, c’è ed è attivo. Nell’ultimo periodo preso in considerazione sono stati autorizzati quattro milioni di euro di acquisti.

 

"La Provincia ha manifestato una piena adesione a queste direttrici per garantire alla popolazione un altissimo livello degli standard tra i permanenti di Trento. E' stato sottoscritto un accordo che prevede di arrivare alle soluzioni richieste dalle parti sociali. Siamo certamente soddisfatti ma questo è solo l'inizio del percorso. L'auspicio è che si possa arrivare a risposte e piani di attuazione il più rapidamente possibile", conclude Pallanch.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 giugno - 12:34
In questi giorni, nonostante i divieti, alcune persone hanno scelto le sponde del lago di Tenno per piantare le loro tende. Il sindaco: “Questo [...]
Cronaca
26 giugno - 11:11
Gli esperti di Meteotrentino confermano che tra oggi e domani (lunedì 27 giugno) le condizioni rimarranno sostanzialmente stabili sul territorio [...]
Cronaca
26 giugno - 11:58
Lo scontro è stato molto violento, l’automobile è stata colpita su un fianco. Le conseguenze più gravi sono per il motociclista, disarcionato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato