Contenuto sponsorizzato

E' la solitudine il tema della Settimana dell'accoglienza. In Trentino il 31,7% delle persone è sola. Bassetti: ''Nel Regno Unito hanno un ministero ad hoc''

La quinta edizione della Settimana dell'accoglienza è in agenda tra il 28 settembre e il 6 ottobre in regione. Bassetti: "I valori quali solidarietà e accoglienza vengono disumanizzati, sono sotto attacco quotidianamente. Ma se non siamo accoglienti, empatici e solidali siamo destinati a restare soli tutti quanti: serve una risposta significativa e si deve agire sui piani dei contenuti e della cultura"

Di Luca Andreazza - 08 maggio 2019 - 00:06

TRENTO. E' la solitudine il tema della Settimana dell'accoglienza in agenda tra il 28 settembre e il 6 ottobre, un appuntamento arrivato alla quinta edizione e delineato alla sede dell'Associazione Ama a Trento. "Un aspetto complesso e difficile - dice Claudio Bassetti, presidente di Cnca - un argomento di grandissimo interesse perché tocca tutti, compreso i volontari e gli operatori del Terzo settore. Sono tante le tipologie di solitudine che attraversano la società".

 

E le ricerche mostrano dati preoccupanti. Anche l'Italia è abitata da una popolazione di persone sole. "Sono 8,5 milioni - prosegue il numero uno di Cnca - le persone che vivono in solitudine. Non solo, il 31,6% delle famiglie è composta da una persona sola, nel 1997 il dato si fermava al 20,8%. Nel Regno Unito il 22% della popolazione dichiara di soffrire di solitudine e lì è stato istituito un ministero ad hoc per gestire questa criticità".

 

Un dato nazionale che trova conferme anche in regione: 31,7% in Trentino e 31,8% in Alto Adige. A Trento le persone che vivono solo sono 21.720 su 118.288 unità, cioè il 18% dell'intera popolazione. "Il Rapporto annuale dell'Istat 2018 - aggiunge Bassetti - evidenzia che circa 3 milioni di persone affermano di non avere una rete di amici e di sostegno, non partecipano alle azioni delle organizzazioni di volontariato".

 

Le fragilità maggiori si riscontrano nella popolazione anziana, ma anche i giovani sono sempre più soli. "I valori - commenta il presidente - quali solidarietà e accoglienza vengono disumanizzati, sono sotto attacco quotidianamente. Ma se non siamo accoglienti, empatici e solidali siamo destinati a restare soli tutti quanti: serve una risposta significativa e si deve agire sui piani dei contenuti e della cultura".

 

Le ragioni? "Un aspetto - evidenzia Bassetti - è legato alle politiche neoliberiste che hanno determinato le condizioni per questo sgretolamento sociale: l'individualismo è stato esasperato, siamo semplici consumatori. Poi il nostro essere diventati soggetti planetari ha portato di indifferenza: siamo tutti abitanti del mondo, ma portiamo addosso un senso di distanza da quanto accade. Si perdono i diritti di partecipazione, la voglia di dibattito e l'impegno civile, che sono beni comuni".

 

Un altro punto è legato all'empatia (cioè la capacità di "mettersi nei panni dell'altro"), il livello è sceso del 48% tra il 1979 e il 2009. Il terzo fattore è il declino dei legami sociali quali le forme di vicinato, di convivenza, di socialità urbana, ma anche la coscienza sindacale e sociale. "Tutto questo - continua il presidente - ha comportato un forte ritiro nel privato per un effetto solitudine molto potente, come l'Hikikomori (Qui articolo)".  

 

E' quindi sempre più urgente la necessità di ridare il giusto spazio alla collettività e ridefinire la libertà individuale partendo dall'impegno collettivo per tornare a interrogarsi e le sofferenze private possono essere pensate come problemi condivisi, comuni e politici. 

 

"Questo evento è nato in modo semplice - dice Sandra Venturelli, responsabile della Settimana dell'accoglienza - ma è cresciuto negli anni tanto da essere molto atteso e invidiato da altre regioni d'Italia per la capacità di unire gli attori del settore. Una componente forte, vitale e positiva. Nel 2018 hanno partecipato in modo attivo circa 200 enti e lavorare insieme, anche con i cittadini, è sempre un valore aggiunto. Una manifestazione che non si chiude nelle città, ma raggiunge anche le valli".

 

Una Settimana dell'accoglienza che vuole promuovere sensibilità e fornire la dimensione culturale sul tema proposto. "Un'azione di tipo culturale - spiega Michelangelo Marchesi della cooperativa Progetto 92 -  per arginare questa semplificazione e brutalizzazione dei temi ai quali stiamo assistendo. Lavoriamo per essere propositivi, un momento per costruire idee e progetti, iniziative e reti. Un modo per trovare risposte e sollecitare la politica, attraverso le testimonianze e le storie".

 

Un evento per mettere in rete anche le tante associazioni di volontariato. "E' sempre importante - evidenzia Mauro Tommasini della cooperativa La Rete - dialogare e trovare sinergie tra le realtà sociali che accolgono le vulnerabilità di questa società impoverita e incattivita. La solitudine è un termine negativo, partiamo da qui per fare un passo in avanti e trovare soluzioni. Se perdiamo i valori, collassiamo tutti. E' difficile dialogare con la pancia, ma serve una nuova stagione del fare, autentica e per fermare strumentalizzazioni e comunicazioni non vere".

 

Singoli, associazioni, enti, classe di governo, ognuno per la sua parte, per le sue competenze e per le sue capacità può proporre eventi e iniziative per la Settimana dell'accoglienza. "Le adesioni - conclude Venturelli - devono arrivare entro il 31 luglio per i tempi di pianificazione. Una manifestazione completamente auto-organizzata e auto-finanziata. Non riceviamo contributi pubblici, l'unico intervento finanziario è quello della Federazione trentina per il volontariato sociale che sostiene i costi della stampa del materiale promozionale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 11:54

Il 13 novembre l'ultimo episodio con la ragazza finita in ospedale per una frattura composta dell’orbita oculare. All'arrivo degli agenti della polizia la giovane ha cominciato a raccontare cosa sono stati i 4 anni passati con quel 39enne imprenditore agricolo trentino ed è scattata la denuncia

03 dicembre - 11:43

Crescono i numeri del contagio in Alto Adige. Nelle ultime 24 ore i positivi sono stati 460 (sommando i 374 dei molecolari e gli 86 con gli antigenici), 16 i decessi. Anche negli ospedali la situazione continua a essere critica: 280 i ricoverati nelle strutture pubbliche, 148 in quelle private e 35 in terapia intensiva

02 dicembre - 19:20

L'uomo è residente nel feltrino. L'episodio è avvenuto nel 2018 e dopo essere stato individuato è stato portato in tribunale. Nelle scorse ore la condanna 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato