Contenuto sponsorizzato

E' una trentina di 14 anni la sorpresa di Ruttosound, la gara di rutti più famosa d'Italia

Il suo nome di ''battaglia'' è stato ''Cappuccetto Rutto'' ed è riuscita ad entrare nella top ten della manifestazione di Reggiolo davanti a migliaia di persone, conquistando i titoli dei giornali del posto  

Pubblicato il - 22 giugno 2019 - 13:32

REGGIO EMILIA. Si chiama Elisa ed è di Trento la campionessa mondiale di rutto (titolo conquistato nel 2009 a Potenza) mentre è un'altra trentina giovanissima ''la vera sorpresa'' dell'edizione 2019 di ''Ruttosound'' la competizione di rutti, avete capito bene, più famosa d'Italia. Un evento che richiama migliaia di persone da tutta Italia a Reggiolo (provincia di Reggio Emilia) e che vede sfidarsi i migliori ''ruttatori'' del Paese. E quest'anno la grande sorpresa è stata ''Cappuccetto Rutto'' una 14enne trentina che ha scalato la classifica andando a inserirsi tra i migliori dieci. Ottava la posizione finale raggiunta dall'angelica trentina (nella pagina Fb dell'evento potete anche vederla esibirsi) che si è conquistata titoloni sulla Gazzetta di Reggio (QUI ARTICOLO) a Reggionline (QUI ARTICOLO).

 

L'evento viene così descritto dagli organizzatori sulla pagina internet: ''Più di diecimila, su un grande prato, tra gli stand di una festa della birra che ha lo stesso ordinato formato delle feste dell’Unità, ad aspettare la finale. Nelle serate precedenti, in un Rutto Point, i ruttatori potenzialmente forti si sono sottoposti ad un provino di selezione. Due minuti per mettere in mostra le proprie capacità. Si sono presentati in 50 e i 20 migliori sono sul palco stasera. Il più giovane ha 14 anni ed è accompagnato dai genitori. Il più maturo 32. La maggior parte tra 20 e 25. E’ quella l’età migliore. Anche nel rutto l’atleta deve essere giovane e molti, nel retropalco, tra emissioni di riscaldamento, confermano che con l’età si perde sempre qualcosa. I finalisti sono di tutti i ceti sociali. Vengono dalle provincie di Reggio, Modena, Mantova e Parma. E, dice Morselli, “sono il meglio del rutto del Nord Italia. Gente che rutta normalmente alle feste della birra e stasera ha la possibilità di farlo in modo agonistico” . Perché il rutto è fenomeno sociale, che non è normale esibire in pubblico ma che comunque esiste. Tanto vale dargli dignità - concludono- almeno sportiva''.

 

Per la cronaca a vincere è stato Alessio Masoni di Campogalliano (Modena), al secondo posto Rutt Mysterio di Savignano sul Panaro (Modena) e al terzo il Porco di Cadè. 

Questa la classifica finale: 

 

  1. Alessio Masoni (Campogalliano)
  2. Rutt Mysterio (Savignano sul Panaro)
  3. Il Porco di Cadè (Reggio Emilia)
  4. Alessio Caciolari (Medolla)
  5. Mark Spaccarutto (Rimini)
  6. Lorenzo Corno (Milano)
  7. Martin Dave Lombardo Zanella (Milano)
  8. Cappuccetto Rutto (Trento)
  9. Ruttolo (Taranto)
  10. Andrea Carra (Reggio Emilia)
  11. Danny Di Leo (Milano)
  12. Jasmine Francesca Serra (Reggio Emilia)
  13. Putelo Buelo (Cologna Veneta, Verona)
  14. Simone Moretti (Sassuolo)

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'11 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 maggio - 19:18
Trovati 44 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 69 guarigioni. Sono 848 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
11 maggio - 18:31
Bocciata dalla Corte Costituzionale la norma voluta dalla Lega del Trentino e attaccata duramente dall'opposizione. Il Pd: "Noi da sempre contrari, [...]
Cronaca
10 maggio - 17:29
Fino al 30 giugno è possibile presentare la domanda online per ottenere uno dei 25 alloggi a canone moderato nella Circoscrizione di Gardolo. Sul [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato