Contenuto sponsorizzato

Erano i Dogo Argentini che avevano ucciso un bimbo di 18 mesi. Asia è stata rieducata a Rovereto e ora ha trovato famiglia

Era successo a Catania nel 2016. I due cani avevano aggredito il bimbo davanti alla madre ed erano poi stati affidati all'Arcadia Onlus di Rovereto

Di L.P. - 20 marzo 2019 - 13:55

ROVERETO. Avevano sbranato un bambino di un anno e mezzo sotto gli occhi della madre nella loro villetta a Mascalucia, in provincia di Catania. Ora sono passati molti anni da quel drammatico evento e uno dei due Dogo Argentini, Asia ha trovato una nuova famiglia. I due molossoidi, Asia e Macchia, vennero affidati al Parco canile gestito dall'associazione Arcadia onlus dopo che furono trasferiti da Catania al Trentino.   

 

''Come spessissimo capita – spiega oggi il presidente di Arcadia Pierluigi Raffo – terminato il clamore mediatico, che al tempo fu di livello nazionale vista la gravità dei fatti, gli animali vengono dimenticati. Ebbene, quei due cani hanno continuato a vivere e, per fortuna, hanno potuto fare un percorso con noi. L’episodio che li ha visti protagonisti non può essere unicamente archiviato come cronaca: deve al contrario diventare un campanello d’allarme, aprire orizzonti educativi e culturali, al fine di applicare quanto richiesto dalle leggi e dalle normative. Serve educare al rispetto di specie differenti per garantire il benessere e la salute di entrambe, nonché la sicurezza pubblica''.

 

Il processo per quella terribile vicenda (avvenuta nell'agosto 2016) vide imputata la mamma per omicidio colposo visto che il bimbo, quando avvenne l'aggressione dei due cani, si trovava con lei. La mamma, nel 2017, ha patteggiato, distrutta dalla dolore, una condanna a 18 mesi per omicidio colposo, con la pena sospesa e la non menzione con la precisa motivazione di non voler rivivere la cosa all'infinito in un processo altrimenti estenuante. Il Gup ha disposto che i cani non fossero abbattuti dopo che una perizia ha accertato che sarebbero stati recuperabili. 

 

I due cani, comunque, sono stati presi in carico da Arcadia e , prosegue ancora Raffo, ''ci teniamo a evidenziare che oggi, dopo un percorso rieducativo, Asia ha trovato adozione. Questo è un successo non solo dell’associazione, ma della collettività diffusa che si deve sentire tutelata e assistita perché solo in questo modo può essere rispettato il diritto alla vita e alla libertà che troppo spesso viene leso o tolto per superficialità e mancanza di competenza''.

 

Ampliando il discorso, Raffo conclude aggiungendo che ''il valore sociale e socio sanitario di una associazione onlus come la nostra si vede proprio da questi successi, che rimettono in gioco cani e persone senza prendere posizioni di giudizio ma sempre e solo di assunzione di responsabilità e supporto al benessere degli animali e della collettività. Auguriamo ad Asia una buona nuova vita con la sua nuova famiglia''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 giugno - 06:03
Un aumento di costi anche a fronte di accordi annuali e più onerosi per il Trentino stipulati sul finire della Giunta Rossi, legislatura ormai in scadenza di mandato e che quindi non si era impegnata in accordi pluriennali per lasciar spazio al nuovo governo provinciale (oppure per riprendere le fila del discorso se il centrosinistra avesse vinto le elezioni). La stima della ricaduta è di 10 milioni
04 giugno - 15:37

Prende il via la nuova graphic novel di Flavio Rosati ambientata a Trento che avrà come protagonisti Daniel, Nina e i commercianti del capoluogo. Enrico Faes, Consorzio Trentino Iniziative: "Un modo diverso e originale per farsi conoscere e conoscere la bellezza del capoluogo, in questo momento più che mai". Sono aperte ora le iscrizioni per tutte le attività che vorranno prendere parte al progetto e vedersi "trasformare" in fumetto

 

04 giugno - 20:29

Il decesso è avvenuto a Campitello di Fassa, un lutto che ha scosso la comunità. Ci sono 5.438 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato