Contenuto sponsorizzato

Il fantasma di Priebke continua a colpire: devono pagare i costi del processo anche se dichiarati innocenti. Malfer: “E' un obbrobrio giuridico”

Il presidente dell'Associazione Italia-Israele di Trento ha commentato così l'arrivo di un'altra ingiunzione di pagamento a Pacifici (presidente della Comunità ebraica di Roma) e Vecellio (Tg2), accusati dal criminale di guerra nazista di sequestro di persona. I due, usciti vincitori dal processo, dovranno lo stesso pagare i costi, essendo Priebke morto da nullatenente

Di Davide Leveghi - 07 ottobre 2019 - 21:52

TRENTO. Ci sono volte – nemmeno così poche – in cui burocrazia e sistema giudiziario portano con la loro inflessibilità a esiti assurdi. In questo caso, invece, si è arrivati al limite dell'offensivo: il presidente della Comunità ebraica romana Riccardo Pacifici e il giornalista del Tg2 Valter Vecellio dovranno pagare allo stato italiano i costi del processo intentato loro per sequestro di persona dal criminale di guerra Erich Priebke, tra i responsabili della pianificazione e della realizzazione dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, in cui per rappresaglia all'uccisione in un attentato dei Gap di 33 soldati del reggimento Bozen – formata nei ranghi più bassi da soli sudtirolesi – vennero trucidati 335 cittadini italiani.

 

Poco importa che il processo abbia visto vincitori gli accusati, in tutti e tre i gradi di giudizio. Il defunto e nullatenente Priebke non può pagare, e qualcuno, per lo Stato italiano e il suo sistema giudiziario, lo deve fare. A sei anni dalla prima ingiunzione, Pacifici e Vecellio si sono visti recapitare un'altra busta da Equitalia con quasi 300 euro di imposta di registro per la trascrizione della sentenza, bolli annessi.

 

La questione è aperta dal 2013, anno in cui il criminale nazista fu trovato morto in un'abitazione messagli a disposizione per scontare gli arresti domiciliari dall'avvocato difensore Paolo Giachini. “Chi è causa del suo mal pianga se stesso”, commentava lo stesso a Il Corriere della Sera sempre nel 2013, considerando decisivi gli interventi di Pacifici, attraverso manifestazioni di piazza, e di Vecellio, attraverso la cancellazione di un'intervista in Rai, per il mantenimento dell'ex capitano delle SS in uno stato di nullatenenza.

 

L'accusa di sequestro di persona venne loro mossa nel 1996, quando a seguito della sentenza con cui il Tribunale di Roma giudicava l'impossibilità a procedere contro Priebke per intervento della prescrizione, la Comunità ebraica guidò un vero e proprio assedio che costrinse l'imputato a barricarsi nel palazzo, prima di essere riarrestato per ordine dell'allora ministro della Giustizia Giovanni Maria Flick, e infine condannato all'ergastolo.

 

Per i fatti di quella notte l'ex agente della Gestapo denunciò i due come mandanti del suo sequestro, perdendo poi in tutti e tre i gradi di giudizio. E qui si inserisce la beffa.

 

“Una notizia di questi giorni ci porta a conoscenza di un ennesimo scandalo che offende la storia, il buon senso e l'intelligenza degli italiani – ha commentato il presidente dell'Associazione Italia-Israele di Trento Marcello Malfer – un fatto che dovrebbe far riflettere, e molto, chi siede nel governo e nel parlamento. Un obbrobrio giuridico in ogni caso e l'ennesimo esempio di cecità della burocrazia e delle sue procedure con cui gli italiani devono fare i conti quotidianamente, ma che in questa vicenda assumono anche l'aspetto di una tragica beffa, un epilogo assurdo e inaccettabile di un processo che ha aggiunto infinita sofferenza al dramma patito dalla Comunità ebraica e dalla città di Roma e per chi ha combattuto, sofferto e penato anni per rendere giustizia alle 335 vittime di quel massacro e portarne in giudizio uno dei responsabili”.

 

Malfer, come molti altri, Pacifici e Vecellio in testa, si sono rivolti alle istituzioni affinché questa stortura giudiziaria venga riparata. “Ci auguriamo davvero – ha concluso Malfer - che le istituzioni sappiano comprendere quanto gravi possono essere gli effetti e le ricadute di questa stortura giudiziaria e riportare nei giusti canali il messaggio che la memoria di una società democratica e civile deve diffondere”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 ottobre - 19:05

La procura ha avviato un'indagine per contestare la carenza di documentazione contabile e la destinazione delle spese. In pratica non verrebbero distinte le risorse utilizzate per attività istituzionali e che sono ammesse da quelle commerciali per le quali la legge non permette di utilizzare fondi di derivazione pubblica

15 ottobre - 14:06

Gli sportivi turchi che sostengono l’invasione e il governo di Ankara festeggiano i propri risultati con il saluto militare ma, nonostante le minacce, si levano anche alcune voci critiche.  Nel frattempo la squadra tedesca del St. Pauli licenzia un giocatore che aveva espresso il suo sostegno a Erdoğan "valori in contrasto con quelli del club"

15 ottobre - 17:23

L'indagine è partita dopo i ripetuti episodi di avvelenamento di animali domestici e selvatici, registrati negli ultimi mesi in Vallagarina. L’operazione, che ha consentito anche una bonifica del territorio e la ricerca di esche mediante il ricorso a cani specificamente addestrati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato