Contenuto sponsorizzato

Il vescovo Tisi: ''Chi non accoglie va contro il vangelo, ogni intervento contrario mi trova in dissonanza'' e su chi ostenta simboli religiosi: ''Il Cristianesimo è altro''

Le parole del vescovo in occasione della presentazione dell'indagine “Accogliere per crescere” condotta dalla Chiesa trentina tra Comuni e parrocchie. In riferimento a chi ostenta simboli religiosi, tema all'ordine del giorno quando Salvini saliva sui palchi baciando il rosario, Tisi spiega: "Il Cristianesimo lo si accredita con i gesti della vita e non certo con altro"

Pubblicato il - 25 settembre 2019 - 13:17

TRENTO. “Chi non accoglie è contro il vangelo”, il vescovo di Trento Lauro Tisi lo ripete come quasi un mantra da ormai tre anni e anche oggi in occasione della presentazione dell'indagineAccogliere per crescere” condotta dalla Chiesa trentina tra Comuni e parrocchie ha voluto sottolinearlo.

 

Lo ha fatto perché era inevitabile il collegamento tra l'indagine condotta proprio nei luoghi del Trentino nei quali la precedente giunta provinciale aveva avviato dei progetti accoglienza e la successiva azione di smantellamento portata avanti dalla giunta Fugatti.

 

Dal vescovo nessuna “intromissione” politica ma solo un ribadire quello che dice il vangelo. “Io non voglio assolutamente entrare – spiega Lauro Tisi – nelle varie decisioni politiche che sono state prese perché non spetta ad un vescovo entrare nel dettaglio e dire come si fa una cosa o l'altra. Quello che però voglio ribadire è che in una prospettiva evangelica e di Chiesa, non accogliere un migrante è andare contro il vangelo”.

 

Quindi, precisa il vescovo “Tutto quello che va in direzione opposta mi vede certamente in dissonanza”.

 

Tisi non sembra però tirarsi indietro nemmeno nel commentare chi ostenta i simboli religiosi. Un tema al centro delle cronache anche politiche quando l'ex ministro Salvini si presentava sui palchi baciando il rosario.

 

“Non voglio finire dentro la polemica dei simboli religiosi a cui abbiamo assistito – ha affermato l'arcivescovo – però il Cristianesimo lo si accredita con i gesti della vita e non certo con altro”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 13:03

La decisione per il capoluogo è arrivata nell'ultimo meet up, una seduta straordinaria per chiudere questo strumento e far confluire nell'Associazione Trentino 5 stelle. Presentati anche i facilitatori: Marini si occupa di relazioni esterne, Rudi Tranquillini di formazione e Teresa Fortini per le relazioni interne

20 febbraio - 05:01

Critico Carlo Andreotti, ex presidente della Provincia: "Sindaco e maggioranza hanno sbagliato a rinviare la seduta in quanto aveva i numeri per impedirlo". Il primo cittadino Andreatta: "Decisione dei capigruppo, la seduta è stata spostata e si è aggiunto un consiglio: tutto salvaguardato"

20 febbraio - 12:34

In primo grado era stato condannato a tre mesi ma in appello l'avvocato Valer ha fatto cadere l'aggravante penale (che avrebbe potuto spingere la condanna fino a 4 anni e 6 mesi di reclusione). Nel giugno 2018 l'allora parlamentare leghista Segnana chiedeva l'espulsione e che Salvini attenzionasse l'uomo. Oggi è l'assessora alla sanità e l'uomo è seguito dagli assistenti sociali dell'Apss 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato