Contenuto sponsorizzato

La montagna per tutti, con ‘Natura senza barriere’ anche le persone con disabilità salgono in quota

Arriva ‘Natura senza barriere’ la due giorni di Federtrek per promuovere l’escursionismo condiviso e l’accessibilità dei percorsi naturali anche per le persone con disabilità. Bazzucchi: “L’escursionismo non può essere un’esperienza riservata a pochi, molte barriere possono essere superate con un semplice cambiamento di visuale”.

Di Tiziano Grottolo - 18 giugno 2019 - 17:41

TRENTO. Sbarca in Trentino ‘Natura senza barriere’ la due giorni dedicata all’escursionismo condiviso e all’accessibilità dei percorsi naturali. Venticinque iniziative per unire l’Italia da nord a sud nel segno dell’inclusività: “Così è come se ci muovessimo tutti assieme” - racconta Daniel Bazzucchi segretario di Federtrek, la federazione di associazioni legate al mondo dell’escursionismo che ogni anno promuove quest’iniziativa.

 

“L’idea viene dal desiderio di sentirsi uniti nel dire ad alta voce che l’escursionismo non può essere un’esperienza riservata a pochi - ha affermato Bazzucchi - molte barriere possono essere superate con un semplice, ma significativo, cambiamento di visuale”. L’iniziativa promossa da Federtrek coinvolge ogni anno centinaia di persone e svariate decine di associazioni e cooperative. Per questo particolare tipo di eventi cooperative e associazioni, impegnate nell’assistenza alle persone con disabilità, progettano gli incontri assieme ai vari enti che si occupano della gestione delle aree protette nazionali: “Con questa sinergia - ha spiegato Bazzucchi - puntiamo a coinvolgere persone con disabilità come non vedenti e persone che non riescono a muoversi in autonomia”.

Per questi eventi saranno messe a disposizione anche delle particolari carrozzine da escursione le così dette ‘joëlette, brevetto francese che consente anche ai non deambulanti di partecipare alle escursioni sui sentieri sterrati. Inventate dall’alpinista francese Joël Claudel, questo particolare tipo di carrozzina monoruota si sta rapidamente diffondendo in tutta Europa, con l’ausilio di questo mezzo e l’aiuto di tre accompagnatori il sogno di molte persone con disabilità di potersi godere i sentieri di montagna è diventato realtà.

 

In Trentino sono tre gli eventi che aderiscono alle giornate di ‘Natura senza barriere’ e coinvolgono importanti enti di protezione ambientale come il Parco naturale Adamello Brenta, il Parco nazionale dello Stelvio Trentino e la Rete di Riserve Fiemme-Destra Avisio.

Il 21 giugno ci si incontra in località Nudole con ‘Un sentiero per tutti in Val di Daone’ evento nato dalla collaborazione fra Parco Naturale Adamello Brenta, Accademia della Montagna del Trentino, Parco Fotografico Trentino e con la partecipazione di Anffas Trentino Onlus. I partecipanti, affiancati da un assistente ambientale del Parco e da un fotografo locale percorreranno e visiteranno il primo luogo del progetto ‘Bellezza accessibile’, spazio di valorizzazione e promozione del territorio ideato dal fotografo di montagna e scrittore Alberto Bregani, che da anni si occupa di promozione e comunicazione del territorio attraverso la fotografia.

 

Il 23 giugno, dalle 10:00, in Val di Rabbi (loc. al Plan) alcuni operatori del Parco Nazionale dello Stelvio Trentino saranno a disposizione per l’attivazione e la visita guidata alla segheria veneziana dei Bégoi con dei percorsi accessibili a tutti: “La Val di Rabbi - spiegano gli operatori del parco - è un esempio di come l’uomo, per secoli, abbia interagito con le risorse naturali cercando di mantenere un certo equilibrio”. In questa giornata diverse associazioni di volontariato, tra queste Admo, Avis, Lilt e Aido solo per citarne alcune, collaboreranno con gli organizzatori fornendo informazioni sulle loro realtà.

 

Infine, lunedì 24 giugno ultimo appuntamento con la ‘Rete di Riserve Fiemme-Destra Avisio’, che in collaborazione con la Magnifica Comunità di Fiemme, propone una mattinata dedicata all’escursionismo condiviso e all’accessibilità dei percorsi naturali. Ritrovo alle 9:30 in località Vecchia Stazione a Castello di Fiemme, l’escursione durerà circa 2 ore e 40.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:55

Diverse le valanghe, due in particolare di grandi dimensioni, che sono piombate sulla carreggiata lungo la strada statale 42, diversi i veicoli sfiorati, mentre due vetture sono state centrata dallo scivolamento della neve dalla rampa dell'arteria

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato