Contenuto sponsorizzato

La Provincia mette i cartelli ai confini per segnalare l'Euregio. Ma davvero non ne potevamo fare a meno?

"Benvenuti nell'Euregio" e "Arrivederci dall'Euregio" saluteranno all'entrata e all'uscita - in forma trilingue - gli automobilisti che passano il confine tra Trentino e province confinanti. Una misura approvata dalla giunta con lo scopo di rafforzare la percezione della diversità del Tirolo storico. Ma l'identità, almeno una critica e problematica, si costruisce in altro modo, puntando innanzitutto sull'istruzione

Di Davide Leveghi - 19 September 2019 - 19:22

TRENTO. “State entrando nel Tirolo storico”. Non bastano più i vecchi cippi di confine, o i monumenti come quello di Borghetto che indicano la vecchia frontiera tra Regno d'Italia e Impero austro-ungarico. Ora, a segnalare i confini dell'euroregione dell'Euregio, accanto alla “farfalla” di Battisti ci saranno 16 cartelli posti a tutte le entrate della provincia confinanti con Lombardia e Veneto.

 

 

La misura, analogamente riproposta in Alto Adige/Südtirol e Tirolo e che vedrà ai margini nazionali e regionali di tutta l'euroregione l'apposizione di un cartello trilingue in tedesco, italiano e ladino, è stata approvata oggi dalla giunta provinciale. Lo scopo? Aumentare la percezione dell'Euregio fra la popolazione dei tre territori e fra coloro che per turismo o lavoro la visitano.

 

Un provvedimento che onestamente lascia perplessi e sulla cui efficacia si può perlomeno essere scettici. C'è forse infatti bisogno di insistere ulteriormente sull'identità tirolese? O forse sarebbe meglio riflettere sulla trasformazione di quest'identità in un mondo decisamente cambiato nell'ultimo secolo – passato tra l'altro per due terzi dell'euroregione, in maniera piuttosto tribolata, all'Italia?

 

Eh sì perché l'identità è cosa seria ma anche pericolosa, quando si trasforma in un'ossessione. A maggior ragione quando è svuotata da ogni conoscenza storica, critica, conscia della complessità, problematica, e si è converte in uno slogan propagandistico aggressivo, in un'ennesima e (inutile) bandiera.

 

L'essere trentini e l'essere parte dell'Euregio non si sentono orientandosi con i cartelli segnaletici o sventolando la bandiera con l'aquila di San Venceslao. Si vive, si prova, si apprende con una conoscenza non appiattita sugli slogan ma assimilata criticamente. Forse sarebbe bene cominciare a pensare di dedicare un po' di spazio alla storia regionale nelle scuole, ad esempio – o in generale alla storia novecentesca – badando più alla sostanza che alla forma. Almeno si risparmierebbe sui cartelli.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 16:42
La senatrice ha interessato  i ministeri della Salute, del Lavoro e delle politiche sociali e della Giustizia. La giovane ginecologa di 31 [...]
Cronaca
24 giugno - 14:42
E' successo la scorsa notte e tutta la scena è stata ripresa dalle telecamere del locale. Fortunatamente l'arrivo del titolare ha fatto scappare [...]
Ricerca e università
24 giugno - 15:37
Per la prima volta i ricercatori hanno usato gli organoidi realizzati in laboratorio, allo scopo di ricreare tessuto cerebrale tumorale in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato