Contenuto sponsorizzato

L'esclusiva tecnologia giapponese e Acqua Levico. A Rovereto apre lo stabilimento IceTop, il ghiaccio puro del Trentino

Il cubetto di IceTop presenta una densità fino a tre volte superiore a quella degli altri ghiacci industriali presenti sul mercato. Questo aspetto trasferisce al cubetto una caratteristica unica, il ghiaccio ideale per drink, cocktail e bevande alcoliche di qualità

Pubblicato il - 20 maggio 2019 - 20:40

ROVERETO. Il ghiaccio puro di qualità superiore, prodotto nel nuovo stabilimento, unico nel suo genere in Italia, inaugurato a Rovereto lunedì 20 maggio. Forte della purissima e leggera acqua di fonte alpina Levico (1.660 metri), IceTop presenta caratteristiche uniche per una proposta destinata alla fascia alta di hotel, ristoranti e catering (mercato Horeca).

 

Il ghiaccio puro prodotto a Rovereto nasce dall’esclusiva tecnologia Hoshizaki, la più avanzata sul mercato mondiale, che fa di IceTop, il ghiaccio ideale per gli appassionati di drink, cocktail e bevande alcoliche di qualità, quali gin e rum.

 

Il cubetto di IceTop presenta una densità fino a tre volte superiore a quella degli altri ghiacci industriali presenti sul mercato. Questo aspetto trasferisce al cubetto una caratteristica unica: una volta immerso nel bicchiere e a contatto con il drink, IceTop scioglie molto più lentamente, consentendo così di raffreddare più a lungo il prodotto, senza annacquarlo

 

IceTop è un'iniziativa industriale nata grazie alla sinergia con Levico Acque, tra le migliori per caratteristiche organolettiche dell’arco alpino. Le ragioni che hanno spinto a diversificare attività ed investimenti sono presto dette. Le spiega il presidente Mauro Franzoni: “Contare sulla materia prima, Acqua Levico, acqua di fonte leggera e purissima, tra le migliori dell’arco alpino e d’Italia, rappresenta un vantaggio indubbio”.

 

Il mercato del ghiaccio registra in Italia una crescita annua costante del 20-25%. “Al momento - spiega il presidente - il mercato è caratterizzato dall’autoproduzione in quanto non vi è ancora una distribuzione organizzata del ghiaccio industriale in modo capillare. Siamo convinti che, come già accade in altri Paesi all’estero, l’utilizzo del ghiaccio da fornitori esterni diventerà la soluzione preferita dagli esercenti”.

 

La produzione industriale di ghiaccio puro risolve infatti molte problematiche che oggi sono in capo al punto vendita. Dar forma all’acqua è a tutti gli effetti una produzione di un alimento e, come tale, richiede competenze specifiche e gestione sanitaria dell’elemento base, l’acqua minerale pura da fonte. Talvolta il locale pubblico, oberato da altre priorità, rischia di trascurare aspetti importanti della filiera di produzione di ghiaccio di qualità che in certi casi compromettono la stessa salubrità del prodotto.

Il ghiaccio che rilancia i sapori. Il cubetto IceTop, grazie alle sue proprietà, resiste molto più a lungo, permettendo di raffreddare il prodotto e di non miscelare l’acqua al drink. “Da qualche tempo - continua Franzoni - il consumatore si è evoluto e il mercato è tornato a preferire l’assoluta qualità delle materie prime. I gin, ma anche i rum e i cocktail, trainano tale tendenza. Per questa ragione, i titolari dei locali o ristoranti, piuttosto che i consumatori, avvertono l’importanza di completare il drink con un prodotto alimentare di alta qualità, non banalizzando ciò che anche l’aspetto visivo trasmette”.

 

Un altro fattore di competitività di IceTop sono i controlli igienico sanitari: “È preferibile - aggiunge Franzoni - controllare una linea industriale che migliaia distributori dispersi nei singoli locali. Inoltre, anche dal punto di vista economico, è dimostrabile che solo per consumi veramente importanti vi è la convenienza dell’autoproduzione”.

 

IceTop e la tecnologia Hoshizaki, la perfezione del freddo. Elemento di indiscusso vantaggio però rimane l’aspetto qualitativo. Produrre ghiaccio con acqua pura di sorgente, anziché acqua potabile clorata e filtrata, garantisce al IceTop un’identità assoluta.

 

A questi vantaggi si aggiunge la tecnologia giapponese Hoshizaki, la più avanzata del mercato per la produzione di ghiaccio puro. Nessuna azienda ha mai utilizzato questo metodo in Italia. La tecnologia giapponese si contraddistingue sia per la sostenibilità del ciclo produttivo (consumi energetici e trattamento della materia prima) sia dall’utilizzo di “celle chiuse”, che permettono, a differenza delle altre case produttrici di macchine per ghiaccio, un cubetto con una densità tre volte superiore alla media.

 

La produzione dello stabilimento in Rovereto è unica per tecnologia e processo, caratterizzata da un innovativo sistema di subraffreddamento del prodotto e da uno speciale sistema di essiccazione che porta il ghiaccio alla temperatura secca di -30 gradi. L’intero ciclo produttivo di IceTop avviene in un ambiente controllato, igienicamente sano, circoscritto in un tunnel di produzione a temperatura controllata di 10 gradi.

 

La filiera produttiva è dunque di assoluta qualità e questo trasferisce valore intrinseco al prodotto con marchio IceTop. “La decisione di investire a Rovereto non è casuale - spiega a questo proposito ancora il presidente -. In Trentino abbiamo trovato le condizioni ideale per fare imprese, una amministrazione attenta ed un territorio di eccellenza. Oggi ampliamo, in un settore complementare qual è la produzione di ghiaccio puro, il nostro campo di interessi. Il tutto nell’ottica di un futuro sostenibile garantito da un’azienda 4.0”.

 

“Il Trentino - conclude il presidente Mauro Franzoni - è riconosciuto a livello italiano ed europeo come un territorio ad alto valore naturale. Per questo motivo che abbiamo deciso di investire in Trentino, sfruttando la straordinaria sinergia con Acqua Levico e le sue caratteristiche che la rendono un’acqua minerale purissima e leggere. Tutti questi valori li ritroviamo in IceTop”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, sabato sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

22 settembre - 16:50

Zanetti è stato ritenuto “colpevole” di aver espresso solidarietà alla senatrice, recentemente passata da Forza Italia al nuovo gruppo fondato da Matteo Renzi, ma lui sottolinea: “Per capire serve cultura politica, c'è chi ce l'ha e chi no, per i secondi il silenzio è d'oro”

22 settembre - 14:57

Nelle sole due serate si sono superate le 22mila presenze. Alta la partecipazione anche a Poplar Cult nella fascia pomeridiana. Presenti persone di tutte le età e moltissime famiglie. Bocchio: "E' andato tutto bene e il successo di quest'anno dimostra un consolidamento del festival anche grazie al rapporto con le istituzioni". L'evento è stato seguito da Euregio Group che lo ha raccontato attraverso il Dolomiti, Radio Nbc, Radio Italia Anni 60 e Trentino Tv

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato