Contenuto sponsorizzato

Acqualevico la purezza diventa ghiaccio

Ice Top, ghiaccio autenticamente trentino, puro e significativo proprio come la sua struttura autenticamente naturale garantita dall’equipe di Levicoacque. Ice Top sarà presentato in anteprima assoluta alla kermesse Expo Riva Hotel

Pubblicato il - 01 febbraio 2019 - 20:25

LEVICO. Neve, tanta, per un sollievo idrico. Che sulle cime della Panarotta garantisce non solo la potenza delle sorgenti, ma l’impronta stessa dell’acqua Levico, la ‘minerale’ di sicura leggerezza che ora – novità assoluta – prende pure forma. Perché Acqua Levico diventa ghiaccio. Proprio così. Dar consistenza alla qualità. E farlo grazie ad una nuovissima iniziativa industriale, scaturita dall’intuizione dei manager di Levicoacque e l’innovativa azienda Ghiacciopuro di Rovereto.

 

Ice Top, ghiaccio autenticamente trentino, puro e significativo proprio come la sua struttura autenticamente naturale garantita dall’equipe di Levicoacque. Ice Top sarà presentato in anteprima assoluta alla kermesse Expo Riva Hotel, che apre i battenti nei prossimi giorni nel padiglione fieristico di Riva del Garda. Ghiaccio purissimo, ghiaccio per soddisfare le esigenze di barman, appassionati di ‘mixologia’, dei ‘peccati alchemici’ che necessitano indiscutibilmente del ghiaccio.

 

A Riva del Garda – dove Acqua Levico sarà tra i protagonisti – si potrà vedere, toccare, ma soprattutto constatare come Ice Top sia in grado di valorizzare qualsiasi appropriata bevanda. Non solo alcolica. Expo Riva Hotel è la rassegna di rifermento in Italia sulle tendenze del settore dell’ospitalità e della ristorazione, riservata prevalentemente agli operatori Horeca. Dove Levicoacque, azienda leader nel settore delle acque minerali leggere di alta montagna, opera da tempo e che ora s’appresta a proporre purissimo ghiaccio del Trentino.

 

Il valore distintivo di Ice Top è la materia prima (acqua trentina, elemento simbolo della purezza del territorio) e la tecnologia (sostenibile) utilizzata nel centro di produzione di Rovereto. ”Ice Top, ghiaccio puro dal Trentino” utilizza esclusivamente acqua minerale Levico che ‘prende forma’ in ghiaccio puro a Rovereto, in uno stabilimento per la produzione e lo stoccaggio del ghiaccio di circa 1.000 metri quadrati, di cui circa 300 destinati a cella.

 

“La sinergia tra Top Ice e Levicoacque - spiega il titolare Mauro Franzoni - ha permesso di sviluppare un prodotto unico sul mercato e destinato alla ristorazione di alto livello”. L’impianto di Rovereto, primo impianto in Italia, utilizza tecnologia giapponese che, oltre ad ottenere una qualità superiore del ghiaccio, ha un basso consumo energetico. Grazie all’utilizzo di materia prima di alta qualità - acqua purissima e leggera che sgorga dalla fonte alpina di Levico - il ghiaccio prodotto a Rovereto e destinato a ristoranti, hotel e locali, presenta caratteristiche uniche: l’assoluta purezza, data dalla minima mineralizzazione dell’acqua minerale naturale; cubetti a spigolo vivo, senza cavità interne e con la minima superficie di scambio termico, a parità di volume, rispetto ai normali cubetti tronco-conici; ghiaccio ad alta densità, grazie alla tecnologia “a cella chiusa”, che conferisce ai cubetti il più basso coefficiente di scioglimento del settore. Inoltre, i cubetti sottoraffreddati sono più resistenti durante tutte le fasi di stoccaggio e trasporto, e conferiscono al prodotto la particolare caratteristica “marmorizzazione” Hoshizaki.

 

​Levicoacque e Ice Top, il ghiaccio puro dal Trentino, sono iniziative industriali che sono nate e si svilupperanno in Trentino ed hanno visto il ruolo attivo della Provincia autonoma di Trento per lo sviluppo di imprese a forte valenza innovativa e aperte ai mercati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 aprile - 12:03

Ieri la scoperta della polizia locale oggi emergono i dettagli dell'inchiesta: una ditta dell'Alta Valsugana aveva messo in piedi questo macabro business. I resti provenivano da cimiteri del Veneto

18 aprile - 06:01

Il critico d'arte sull'incendio: ''Tanti cantori di sventure pieni di dolore e sgomento per una cosa triste, ma fisiologica''. Sul palazzo delle Albere: ''Fondamentale riabilitarlo''

18 aprile - 07:27

Si tratta dei lavoratori che si occupavano dei pasti della residenza Fersina che restano a casa con la cessione dell'appalto di Dussman

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato