Contenuto sponsorizzato

Luca e Silvana sono marito e moglie: la storia della coppia con la sindrome di Down approda alla Bookique

La cerimonia a Bolzano nella chiesa dei Domenicani. In città un incontro con il regista e la mamma dei protagonisti. Prosegue il crowdfunding online

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 15 gennaio 2019 - 18:45

TRENTO. Silvana e Luca si sono sposati. Lo hanno fatto il 5 gennaio, vincendo tutti i pregiudizi e gli ostacoli che hanno trovato sul cammino verso il lieto fine. La loro vicenda, che diventerà un documentario ("Luca+Silvana", per la regia di Stefano Lisci), ora approda anche a Trento in un incontro alla Bookique di via Torre d'Augusto.

 

La storia di Silvana e Luca è davvero una di quelle che sembrano uscite da un libro di fiabe, una di quelle che si concludono con un "e vissero tutti felici e contenti". I protagonisti di questa favola moderna hanno la sindrome di Down e sono innamorati. Volevano sposarsi, per questo motivo hanno chiesto circa due anni e mezzo fa a Stefano Lisci di realizzare per loro un breve video per poter dimostrare la loro autonomia nelle faccende domestiche.

 

Ma il racconto ha tanto affascinato il regista che ha deciso di farne un documentario, prodotto da Cooperativa 19. Un progetto sostenuto da una raccolta fondi online: il crowdfunding, attivo fino al 20 gennaio prossimo all'indirizzo www.eppela.com/luca+silvana, permette alle persone di essere parte attiva del progetto e prevede una ricompensa per ogni importo donato.

 

Tra i premi vi era pure la possibilità di prendere parte al taglio della torta assieme a Silvana e Luca nel loro grande giorno. Un traguardo che i due novelli sposi hanno raggiunto assieme. Raggianti, si sono promessi amore eterno in chiesa, circondati dall'affetto dei famigliari, degli amici e di tutta la troupe del documentario.

 

Se sono stati raccolti i soldi per consentire le riprese del matrimonio, per coprire l'intero budget rimane ancora un po' di strada da fare, fanno sapere dalla produzione: "Servono altre risorse che la produzione sta cercando. Realizzare un film non è facile come guardarlo. Per farlo servono fondi per pagare la troupe, il noleggio delle attrezzature, il montaggio e la post-produzione, ma ci vogliono anche competenze, tempo e determinazione".

 

Un'impresa che ormai è di una comunità intera e che giovedì sarà raccontata alla Bookique di Trento. A partire dalle 20.45 si terrà infatti un incontro in cui si parlerà della love story di Luca e Silvana, del documentario e delle tematiche che tratta alla presenza dei protagonisti stessi, dell'autore e di un referente dell'associazione Aipd Trentino.

 

Moderati da Anna Bressanini, fondatrice della casa di produzione trentina "Will o Wisp" insieme a Martin Alan Tranquillini, interverranno il regista Stefano Lisci, e Claudia Cannavacciuolo, psicologa, psicoterapeuta e mamma di Silvana, quindi anche protagonista del documentario assieme a Luca e Silvana. Ancora, alla Bookique ci saranno il produttore e presidente di Cooperativa 19 Massimiliano Gianotti e Francesca Cozzio, presidentessa di Aipd Trentino, un'associazione che opera senza fini di lucro a favore delle persone con sindrome di Down e delle loro famiglie.

 

Sarà un’occasione per scoprire retroscena e qualche anticipazione del film e, anche se per una sola sera, per sognare un po'.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato