Contenuto sponsorizzato

Peter Brunel a Masterchef ma solo per un giorno: ''Una fugace apparizione. Io resto dietro i fornelli del PB di Linfano''

Lo chef, che da 6 mesi si è lanciato nella nuova avventura del ristorante di Arco, in questi giorni è stato accostato al team di Canavacciuolo e Barbieri ma sarà solo ospite una puntata. Del resto il rapporto tra schermo e cucina è sempre più un’attrazione: fatale o letale?

Di Nereo Pederzolli - 04 December 2019 - 17:38

ARCO. Il cibo ostentato in TV può alimentare suggestioni, dare incredibile notorietà, ma anche scatenare dei veri e propri tam-tam mediatici. E così la notizia di Peter Brunel a Masterchef' subito ha scatenato un turbinio di reazioni. Ma calma e gesso, come si sul dire, perché il talentuoso cuoco ladino, da neppure 6 mesi in quel del Linfano, ristorante di charme tra i più importanti della regione, non intende assolutamente frequentare con costanza e altrettanta dedizione alcun ‘serial televisivo’.

 

Peter Brunel rimane nel suo PB, concedendosi eventuali sporadiche apparizioni televisive solamente per promuovere il suo concetto di cucina. Ma cosa c'entra Masterchef con lo chef in questione? ''E’ stata solo una fugace quanto improvvisa comparsata, durante le riprese di una puntata – ribadisce il cuoco –. Il set televisivo era allestito nella tenuta Colombara, quella dove si coltiva il riso Aquerello, il riso più blasonato, quello che viene fatto invecchiare per anni in speciali silos. Io sono pure ‘testimonial’ di questa specialità. Ma non farò assolutamente parte della squadra di Canavacciuolo e Co.''.

 

Dunque, tutto chiarito. ‘Comparsata’ solo per le riprese in esterna del fortunato programma tv. Puntata che dovrebbe andare in onda il 9 gennaio prossimo, ambientata in uno dei più suggestivi musei del riso. Una tenuta della famiglia di Piero Rondolino a Livorno Ferraris, dove è ancora gelosamente conservata ogni testimonianza del lavoro delle mondine, le giovani che fino agli Anni ’60 ‘mondavano’ le risaie, togliendo a mano ogni infestante. ‘Location’ sicuramente di grande fascino, dove Peter Brunel ha fatto, in quell’occasione, il giudice. Tutto qui, anche se i ‘rumors’ di vedere sullo schermo pure l’istrionico chef trentino hanno davvero suscitato illazioni, pure qualche invidia.

 

Del resto il rapporto tra schermo e cucina è sempre più un’attrazione: fatale o letale? Dipende dai punti di vista. Per qualcuno la TV conta più delle stelle Michelin. Lo ha recentemente ribadito Andoni Luiz Aduriz, uno spagnolo sul podio mondiale del buon mangiare. Che ha sottolineato come sia ''meglio uscire su Netflix che ottenere le tre stelle''. Altri cuochi invece si negano ai media digitali, ritenendo la televisione una sorta di antagonista alla cultura veritiera del cibo. In quanto, sullo schermo, si nota solo l’apparenza, niente profumi, men che meno sapori, neppure alcun elemento di condivisione sensoriale. Ecco perché ogni ‘new entry’ in uno dei tanti show di cucina genera gossip.

 

Cibo quasi sempre ostentato, al punto che alcuni gastronomi ‘vecchia guardia’ hanno giudicato l’eccessiva esposizione televisiva del food come ‘invasione pornoculinaria’.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 16:18

L'ex senatore prende il posto di Monica Morandini che dopo due mandati ha lasciato l'incarico

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato