Contenuto sponsorizzato

Pista ciclopedonale Alta val di Non, il nuovo tratto Waldheim-passo Mendola accoglie escursionisti e sportivi

La pista ciclopedonale dell’Alta val di Non si arricchisce di 5 chilometri e giunge a quota 37 chilometri. Il finanziamento globale, che riguarda tutto il tratto completo da Fondo alla Mendola, ammonta a circa 1 milione e 840 mila euro, mentre il costo del tratto Mendola-Waldheim è di 350 mila euro

Pubblicato il - 14 agosto 2019 - 17:14

FONDO. Il nuovo tratto di ciclabile in località Waldheim al passo della Mendola è stato inaugurato e scoperto da escursionisti e sportivi. La nuova ciclopedonale è lunga quasi 16 chilometri e collega l’abitato di Fondo a quelli di Malosco, Ronzone, Ruffrè e Mendola.

 

In attesa dell'opera completa, intanto viene inaugurata una tratta. Un progetto molto articolato che prevede tratti promiscui urbani per 5,4 chilometri, parti promiscue extraurbani per 1 chilometro e piste ciclopedonali larghe 2,7 metri per un’estensione di circa 9,5 chilometri. Il finanziamento globale, che riguarda tutto il tratto completo da Fondo alla Mendola, ammonta a circa 1 milione e 840 mila euro, mentre il costo del tratto Mendola-Waldheim è di 350 mila euro. Quando sarà completata, la pista rappresenterà un'estensione dell’anello ciclopedonale dell’Alta val di Non, inaugurato nel giugno 2012.

 

Proprio lo stralcio 2, quello che è stato inaugurato oggi, mercoledì 14 agosto, va dalla località Waldheim nel comune di Sarnonico a 1.242 metri alla stazione di arrivo della funicolare del passo della Mendola a 1.368 metri per una lunghezza di 5,290 chilometri, un dislivello di 168 metri e due corsie da 1,25 metri ciascuna.

La consegna del secondo lotto prosegue nei fatti la costruzione della nuova pista ciclopedonale Fondo–Mendola. Quando sarà completata rappresenterà una naturale estensione dell’anello ciclopedonale dell’Alta val di Non, inaugurato nel giugno 2012. Allora i chilometri interamente percorribili sulle due ruote saranno 48, di cui 41 asfaltati e 7 sterrati.

 

L’opera è stata curata dal Servizio opere stradali e ferroviarie della Provincia di Trento, nella persona dell’ingegnere Sergio Deromedis, direttore dei lavori, oltre che progettista assieme al geometra Francesco Weber. L’iniziativa è stata finanziata dai comuni dell’Alta Val di Non nell’ambito dei fondi del Patto territoriale.

 

Anche quest’opera si inserisce nell’ambito delle azioni volte a favorire la mobilità sostenibile in tutta l’area dell’Alta Val di Non. Da parte sua l’Azienda per il turismo della Val di Non si è dimostrata da tempo attenta all’argomento e in particolar modo a favorire gli spostamenti dei turisti che soggiornano in zona, nonché dei moltissimi ospiti che ogni giorno salgono dalla zona di Bolzano e Caldaro per effettuare una gita o un’escursione.

 

Un esempio è il servizio “Shuttle-bus-service", una nuova navetta attivato per l’estate 2019 in collaborazione con Joy-Val di Non Alps, amministrazioni comunali e operatori, che consente agli utenti di raggiungere tutte le più suggestive località dell’Alta Val di Non con partenza dal passo della Mendola, passando per la stazione a valle della seggiovia Monte Roen con ben dieci corse giornaliere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 19:33

Immediati i comunicati e le dichiarazioni di partiti ed esponenti provinciali dopo le dimissioni del premier Conte. Il Patt: "Attendiamo l'autorevole decisione di Mattarella". La senatrice forzista Conzatti: "Da oggi chi governerà dovrà rispettare le istituzioni"

20 agosto - 21:46

L'incidente è avvenuto intorno alle 18.30, la conducente stava guidando da Spiazzo in direzione Borzago, quando all'altezza della curva qualcosa è andato storto. A lanciare l'allarme un passante, tempestivo l'arrivo di ambulanza, elicottero, vigili del fuoco di Spiazzo e carabinieri

20 agosto - 20:03

A poche ore di distanza due segnalazioni, una a Torbole e una a Riva del Garda. Nel primo caso il colpo è stato completo, nel secondo probabilmente hanno dovuto lasciare la macchina prima del tempo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato