Contenuto sponsorizzato

Rimasto paralizzato dopo la caduta al mondiale in Val di Sole gli amici lanciano il crowfunding: "Sosteniamo David per ricostruire la sua quotidianità"

David Horvath, biker tedesco di 23 anni, era caduto il 2 agosto durante una prova del percorso nel mondiale di mountain bike in Val di Sole. Elitrasportato al Santa Chiara, era stato operato per una frattura alla colonna vertebrale, rimanendo paralizzato dalle braccia in giù. Gli amici hanno per questo organizzato una raccolta fondi per sostenerlo

Di Davide Leveghi - 23 ottobre 2019 - 19:47

TRENTO. Il 2 agosto 2019 nella rassegna di downhill mountain bike della Mercedes-Benz Uci Mountain bike World cup in Val di Sole, il giovane classe 1996 David Horvath cadde durante un giro d'allenamento rompendosi la colonna vertebrale (qui l'articolo). Gli amici hanno per questo deciso di sostenerlo nel suo percorso di recupero e nell'affrontare il futuro in carrozzina.

 

Una campagna di crowfunding è stata infatti lanciata a sostegno dell'atleta tedesco 23enne caduto mentre correva con la sua amata bicicletta. “David – recita la presentazione della campagna – aveva passato svariate selezioni a seguito del suo eccellente 4 posto nei campionati nazionali tedeschi di enduro. Per questo voleva provare nuove sfide, e fu nominato per la partecipazione ai mondiali di downhill in Italia”.

 

Caduto durante un giro di allenamento sul percorso della gara mondiale, David si ruppe diverse vertebre. Elitrasportato all'ospedale Santa Chiara, fu sottoposto a un'operazione chirurgica di diverse ore per riportare la frattura della vertebra toracica alla sua posizione naturale. Nonostante ciò, rimase paralizzato dalle braccia in giù, con “conseguenze terribili anche sull'attuale stato di salute”.

 

Noi, i suoi amici – prosegue l'appello – non possiamo pensare a nessuno più forte di David. Nondimeno ha bisogno di tutto il supporto possibile! Per quanto lungo e difficile possa apparire il suo percorso al momento, c'è sempre speranza e fiducia che parte della sensibilità e agilità nella parte alta del corpo o anche nelle gambe possa ritornare. Tutti noi conosciamo David come una persona gioiosa e spensierata che sempre si batte per aiutare gli altri, ma ora necessità il vostro aiuto”.

 

La copertura dei costi sanitari garantita dal sistema sanitario nazionale tedesco non basterà infatti per ovviare a tutte le spese che la famiglia si troverà ad affrontare. Per questo, “al fine di aiutare David a svolgere il miglior recupero possibile e a riadattarsi alla vita di tutti i giorni”, è stata lanciata una raccolta fondi per “acquistare una handbike e una carrozzina più idonea alle esigenze quotidiane, oltre al supporto alla famiglia per cambiare la situazione abitativa”.

 

Per chi fosse interessato, è possibile donare una somma a questo link.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 giugno - 10:01
"Sono l'ultimo che dovrebbe fare la morale a chi vuole divertirsi, ma quello che state lasciando in piazza d'Arogno è uno schifo". Così il [...]
Ambiente
21 giugno - 09:32
Romano Nesler, presidente della Federazione associazioni apicoltori del Trentino: "La lotta alla Flavescenza dorata sulle vite ha tristi precedenti [...]
Cronaca
21 giugno - 09:41
E' successo nella zona dell'Idroland Baitoni, sul posto i vigili del fuoco, i soccorsi sanitari e la polizia locale Valle del Chiese. L'uomo, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato