Contenuto sponsorizzato

Ritorna ''Chicco Sorriso'' in 42 Coop e Famiglie Cooperative, il riso che è speranza di vita

La campagna di raccolta fondi, arrivata alla sua dodicesima edizione, si tiene sabato 18 maggio in tutto il territorio provinciale. L'anno scorso Admo, associazione donatori midollo osseso, è riuscita a raccogliere circa 40 mila euro tra le diverse iniziative

Pubblicato il - 16 maggio 2019 - 20:27

TRENTO. Ritorna "Chicco sorriso", la campagna di raccolta fondi di Admo del Trentino. La dodicesima edizione di questa iniziativa è in calendario per sabato 18 maggio in 42 punti vendita Coop e Famiglia cooperativa in tutta la provincia.

 

Sono oltre 100 i volontari coinvolti che, in cambio di un'offerta, doneranno il riso carnaroli dell’azienda mantovana Zacchè, accompagnato da un campione di brodo di alta qualità Bauer. Chiunque vorrà potrà contribuire direttamente ad aumentare il numero dei potenziali donatori di midollo osseo, speranza di vita per quei malati in attesa di trapianto.


"Sono molte le persone che ogni anno, non soltanto in Italia ma anche nel resto del mondo, necessitano di trapianto – spiega la presidente Ivana Lorenzini -. Purtroppo, però, la compatibilità genetica è un fattore raro, che ha maggiori probabilità di esistere tra consanguinei. Per coloro che non hanno un donatore consanguineo la speranza di trovare un midollo compatibile per il trapianto è legata all'esistenza del maggior numero possibile di donatori volontari tipizzati, dei quali cioè siano già note le caratteristiche genetiche registrate in una banca dati tramite un semplice prelievo di sangue”. 

Le analisi genetiche indispensabili per l’iscrizione di un donatore nel registro nazionale, tipizzazioni, possono essere eseguite esclusivamente da laboratori certificati ad alta risoluzione con un aumento notevole di costi per l’Azienda provinciale per i servizi sanitari

 

L'associazione Admo, da molti anni, ha scelto di sostenere economicamente l’Apss e, in particolare, il laboratorio Hla del Servizio di Immunoematologia e trasfusionale dell’ospedale Santa Chiara di Trento.


Nel 2018, grazie alla campagna “Chicco Sorriso” e alle altre campagne di raccolta fondi (“Una Colomba per la Vita” e “Un Panettone per la Vita”), Admo Trentino ha destinato 40 mila euro al Servizio di Immunoematologia e trasfusione di Trento tra 20 mila euro per una borsa di studio di un biologo che, occupandosi della tipizzazione dei donatori, permette di incrementare il numero annuo dei tipizzati e fornire un importante supporto allo staff medico, e altri 20 mila euro per la tipizzazione di nuovi donatori di midollo osseo per il 2019. 

 

Altri 12 mila euro sono stati donati al Centro trapianti midollo osseo dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona. Un ulteriore contributo di quasi 5 mila euro è stato versato per l’acquisto di frigoriferi termostatici per la conservazione del sangue.

I punti vendita Coop e Famiglia Cooperativa che aderiscono a “Chicco Sorriso” sono:
ARCO
RIVA DEL GARDA P.le Mimosa
MATTARELLO
CALDONAZZO          
LEVICO TERME
GRIGNO
BONDO
RONCONE
DORSINO
SAN LORENZO IN BANALE
CASTEL TESINO
CINTE TESINO
PIEVE TESINO
CLES
TUENNO              
CAVALESE Piazza Battisti
MEZZOCORONA
SAN MICHELE
LAVARONE
MALE'
MOENA               
CIVEZZANO
PERGINE VALSUGANA P.zza Gavazzi
PINZOLO P.zza Collini      
COGNOLA
POVO                
PONTE ARCHE
PREDAZZO            
AVIO
MEZZANA
STORO
BOSENTINO
VIGOLO VATTARO Via Vittoria
BORGO VALSUGANA
LAVIS               
RAVINA
ROVERETO - PIAZZA NAZARIO SAURO
TRENTO - PIAZZA CANTORE
TRENTO- PIAZZA LODRON              
TRENTO -SOLTERI            
TRENTO- VIA MENGUZZATO
TRENTO- CORSO III NOVEMBRE

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 maggio - 18:59

Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto i membri della giunta se le signore fotografate da Ivan Cristoforetti e messe su Twitter con frasi del tipo ''gran figueria'' o ''festa della prugna'' fossero state loro parenti. O se oggetto degli insulti (per i quali è stato bannato da molti) lanciati dallo stesso braccio destro di Spinelli fossero state persone a loro vicine. Forse avrebbero capito che questo è proprio quel tipo di comportamenti che nelle scuole ai nostri figli cerchiamo di spiegare che è sbagliato

24 maggio - 15:52

Sul retroscena svelato oggi da Il Dolomiti i consiglieri provinciali Filippo Degasperi e Giorgio Tonini hanno già presentato due interrogazioni. "Dalla Giunta dichiarazioni confuse''

24 maggio - 17:11

La donna dopo aver acquistato lo spray ha voluto provarlo. Sul posto si sono portati anche i vigili del fuoco che hanno evacuato un intero piano del centro commerciale di Pergine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato