Contenuto sponsorizzato

Una telecabina da 10 posti e una pista lunga 2 km, tante le novità per la Skiarea Paganella

E' stato aperto al pubblico la Vigilia di Natale il nuovo impianto che garantirà un collegamento più efficace tra i versanti di Andalo e Fai della Paganella e che porterà in quota circa 2.400 persone all'ora. Aperta anche "Jana Granda", pista con una difficoltà intermedia che deve il suo nome ad una particolarità del territorio

Pubblicato il - 25 dicembre 2019 - 20:52

PAGANELLA. Grandi novità per la stagione invernale in Paganella. La Vigilia di Natale, infatti, è stato aperto al pubblico il nuovo impianto Dosson-Selletta. 

 

Si tratta di una nuova telecabina, da 10 posti (con una portata oraria di circa 2.400 persone), che garantirà un collegamento più efficace tra i versanti di Andalo e Fai della Paganella.

 

La telecabina - realizzata da Paganella 2001 S.p.a - parte da Pian del Dosson (stazione intermedia della telecabina che, dal centro di Andalo, arriva al Doss Pelà) e raggiunge località La Selletta a 1.980 metri s.l.m. La stazione di partenza, in località Dosson, è stata inserita nel contesto ambientale rispettando, il più possibile, l'armonia con la natura e le strutture già esistenti. La forma, i colori e i materiali sono stati scelti proprio per questo. Ad esempio, il tocco naturale del legno - usato per il rivestimento esterno - riproduce il profilo stilizzato delle Dolomiti di Brenta. 

 


 

A margine del nuovo impianto è stata realizzata anche una nuova pista, lunga 2 km, e dotata di un moderno impianto di innevamento artificiale. "Jana Granda", questo il nome dato alla pista, è un tracciato di difficoltà intermedia (rossa) e con una pendenza media che varia dal 26% al 43%.

 

Molto tempo è stato anche dedicato alla scelta del nome per questa nuova pista. Una scelta che è stata condivisa con tutti gli amanti della Paganella, che hanno proposto centinaia e centinaia di nomi. Non è stata una scelta facile dato che i nomi arrivati sono stati tanti e, tutti, molto belli. Alla fine si è deciso di optare per "Jana Granda" perché questo nome è strettamente legato al territorio e ad una qualità che lo contraddistingue. "Iana" o "jana" è, infatti, un termine dialettale con cui gli abitanti di Andalo identificano le cavità naturali del territorio. Il territorio della Paganella è carsico, ricco di cavità sotterranee. Proprio qui si trova la cosiddetta "Gana del Dosson", una delle grotte più lunghe del Trentino (si estende per circa 2 km, come la nuova pista). Ecco quindi il motivo della scelta. La Gana del Dosson è infatti localmente conosciuta come la “Jana dal Dosson”. Per questi motivi la nuova pista si chiamerà “Jana Granda”, cioè grande grotta, per rendere omaggio a una delle più lunghe grotte tra le 2000 censite in Trentino.

 

Per collegare al meglio la nuova pista alla rete già esistente, è stata realizzata anche una pista di raccordo. Il nuovo raccordo collega il Rifugio Malga Zambana alla nuova pista. Si tratta del raccordo "Gallo Cedrone", lungo 400 metri e di difficoltà rossa. Anche in questo caso il nome non è stato scelto a caso ma per rendere omaggio a questa specie protetta che sceglie i boschi della Paganella come dimora abituale

 

Tutte queste opere permettono una miglior connessione tra i versanti di Andalo e Fai della Paganella, un trasporto più sicuro e, soprattutto, l'alleggerimento del traffico della stazione intermedia della telecabina Andalo-Doss Pelà.

 

Per la prossima stagione invernale è prevista anche la realizzazione di uno skiweg lungo 200 metri che permetterà invece di raggiungere direttamente la nuova pista a chi si troverà alla partenza dell’impianto Albi de Mez-Cima Paganella.

 

Grazie ai nuovi lavori, e allo skiweg in programma, la Skiarea Paganella incrementerà del 10% la superficie sciabile disponibile e riuscirà a portare in quota più di 30 mila persone all'ora.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato