Contenuto sponsorizzato

Cercarsi calciatori trentini per il film su Roberto Baggio, "Divin Codino": bisogna avere tra i 20 e 30 anni e niente tatuaggi

Il mito di Roberto Baggio arriva al cinema con un film che da settembre verrà girato in Trentino. La settimana scorsa si sono svolti i casting generali, e ora sono aperti i più importanti: quelli per i calciatori che faranno da comparse. ​Ecco tutte le informazioni

Pubblicato il - 27 luglio 2020 - 12:32

TRENTO. Si cercano calciatori come comparse per il film sulla vita di Roberto Baggio. In Trentino infatti sono in corso i preparativi per l'inizio delle riprese per"Divin Codino", che avranno inizio a settembre 2020, nello specifico dall' 1 al 19.

 

La settimana scorsa si sono svolti i casting generali, in cui è stato scelto il giovane attore Andrea Arcangeli, volto già noto nel circuito Rai, come colui che vestirà i panni di Baggio. Sguardo magnetico, capelli selvaggi, Arcangeli potrebbe essere davvero, tra tutti, l’uomo giusto per ridare vita alla carriera del "divin".

 

Trovato il protagonista, ora sono aperti i secondi casting più importanti: quelli per i calciatori che faranno da comparse. 

 

Per questo motivo, Fabula Pictures ha pubblicato un avviso con tutte le caratteristiche e informazioni a riguardo. Si cercano infatti calciatori con fisico atletico, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, residenti in Trentino.

 

Tra le caratteristiche richieste, le comparse non dovranno avere tatuaggi visibili o tagli di capelli troppo moderni.

 

Gli interessati dovranno inviare all'indirizzo email lucianiitalia@gmail.com (oppure info@rccasting.itdue foto, una del proprio primo piano e una a figura intera, un contatto telefonico, la mail, uno scanner della carta d'identità fronte retro, l'iban e il codice fiscale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato