Contenuto sponsorizzato

Codice fiscale, a cosa serve e come leggerlo

Ormai in qualsiasi contratto, anche per le utenze domestiche, è indispensabile aggiungerlo ai propri dati anagrafici, dato che molto più di nome e cognome è in grado di rappresentare il cittadino. In particolare, si tratta di un codice alfanumerico su 16 posizioni, che in tanti ormai possono recitare a memoria anche se non ne conoscono il significato

Pubblicato il - 16 April 2020 - 11:53

TRENTO. Ogni cittadino italiano per lo Stato è anche un numero. Si tratta del Codice Fiscale, che in molti casi viene rilasciato insieme alla Tessera Sanitaria, ora anche Carta Nazionale dei Servizi, e serve a identificare il contribuente in maniera univoca.

 

Ormai in qualsiasi contratto, anche per le utenze domestiche, è indispensabile aggiungerlo ai propri dati anagrafici, dato che molto più di nome e cognome è in grado di rappresentare il cittadino. In particolare, si tratta di un codice alfanumerico su 16 posizioni, che in tanti ormai possono recitare a memoria anche se non ne conoscono il significato. Vediamo quindi di scoprire significato e funzioni di questo codice.

 

Cos’è il codice fiscale e come si compone. Il codice fiscale rappresenta la maniera con cui l’Agenzia delle Entrate identifica il contribuente sul piano fiscale. È la chiave che serve ad accedere al cassetto tributario di ciascuno degli italiani, e avere un quadro esatto e completo della sua posizione. Viene creato alla nascita e ci accompagna per tutta la vita. È una sequenza di lettere e numeri, lunga 16 posizioni, disposti secondo una logica ben precisa: le 6 lettere iniziale indicano le generalità, le prime tre il cognome e le altre tre il nome; le successive 5 invece indicano la data di nascita, con due cifre che stabiliscono l’anno, una lettera per il mese, ed altre due cifre per il giorno (cui si aggiunge 40 nel caso si tratti di una donna); poi c’è un campo di 4 posizioni, composto da una lettera e tre cifre, che indica il comune di residenza e infine c’è una lettera finale, calcolata da un algoritmo particolare, che serve ad evitare confusione in caso di omonimia.

 

A cosa serve e perché è essenziale. Il nostro Codice Fiscale serve ad essere identificati in maniera univoca, e va quindi citato in tutti gli atti ufficiali, dai contratti per le utenze alle compra-vendite, dalle ricette mediche alle ricevute fiscali. Conoscerlo a memoria, o portarsi dietro la tessera sanitaria, è quindi indispensabile, ed è importantissimo compilarlo correttamente ogni qualvolta ce ne viene fatta richiesta. Fortunatamente, se per esempio si è costretti a compilare documenti per qualcun altro e non si ha la certezza di avere il codice giusto, esistono servizi che permettono la verifica del codice fiscale completamente online, in modo da assicurarsi subito di non commettere errori nella compilazione. Qualora questa dovesse essere fatta in maniera errata o incompleta, infatti, farebbe attribuire ad un’altra persona qualsiasi cosa si stia richiedendo, compresa la ricezione di un compenso.

 

Come richiederlo. Il Codice Fiscale per chi nasce in Italia viene assegnato alla nascita, ma per chi si fosse trasferito successivamente, chiedendo la cittadinanza italiana, dovrà farsene attribuire uno che lo identifichi in maniera assolutamente univoca. Per ottenerlo bisogna presentare l’apposito modulo di richiesta all’Agenzia delle Entrate, e cioè il Mod. AA4/8, compilato in tutti i suoi campi. Lo stesso vale per la richiesta di un eventuale duplicato qualora lo si fosse smarrito. In ogni caso, la richiesta va inoltrata anche nel caso in cui ci si sposti di città e si debba cambiare la propria residenza sui documenti mentre, per chi risiede all’estero, la domanda va presentata presso il Consolato.

Conoscere il proprio codice fiscale è estremamente importante, soprattutto quando si devono compilare documenti importanti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 11:04

L’uomo non è l’unico essere vivente a intrecciare relazioni con le altre specie, per esempio corvi e lupi possono collaborare fra loro con gli uccelli che indicano ai carnivori la presenza di prede o carcasse. Ma non solo perché alcuni corvi sono stati visti giocare con i cuccioli del branco

20 January - 16:21

L'ingresso di Fratelli d'Italia sulla scena politica trentina e regionale aveva fin da subito creato alcuni malumori nelle forze di maggioranza, soprattutto in quota Svp. L'ormai ex assessore aveva spiegato di essere pronto al passo indietro per non creare attriti in maggioranza. Oggi è stata formalizzata la decisione: "Non ho mai creduto alla 'carriera politica', ho sempre creduto alla libertà di fare politica"

20 January - 15:20

Il sindaco di Trento interviene per fare chiarezza sulla destinazione dei fondi raccolti e sul futuro del gregge: “Capiamo la delusione di chi avrebbe voluto tenere insieme, in Valle dei Mocheni, le capre di Agitu, ma la soluzione temporanea che è stata trovata mira proprio a tutelare gli animali. Stiamo elaborando un progetto capace di tener viva la memoria di Agitu e di farsi interprete del suo amore per gli animali e per il territorio”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato