Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, da Ibris c’è la pizza sospesa per chi non può permettersela: “Mia mamma mi ha insegnato a condividere quello che ho”

L’iniziativa solidale da Ibris, il locale di Ibrahim Songne in via Cavour, dove è possibile lasciare una trancio di pizza o una focaccia in sospeso per chi non può pagare di tasca propria: “Quando una ragazza è entrata chiedendo da mangiare le ho parlato dell’iniziativa lei si è messa a piangere a dirotto, è tutta qui l’essenza della solidarietà”

Di Tiziano Grottolo - 10 novembre 2020 - 16:36

TRENTO. Ibrahim Songne è arrivato dal Burkina Faso a Trento appena 12enne, ora, che di anni ne ha 28 è riuscito a realizzare alcuni dei suoi sogni: dopo la gavetta tra un’officina e il panificio-pasticceria Sosi, con i soldi risparmiati ha aperto il suo locale in via Cavour a Trento (QUI la sua storia). In poco tempo Ibris, questo il nome dell’attività, è diventata famosa nel capoluogo per via delle eccellenti pizze, focacce e farinate che vengono preparate.

 

Eppure in tempo di lockdown questo locale è salito alla ribalta delle cronache anche come esempio di solidarietà. Già durante la prima fase della pandemia Songne aveva dato il via alla cosiddetta pizza sospesa: un’iniziativa alla quale chiunque poteva contribuire garantendo a tutti almeno un pasto caldo.Mia mamma mi ha sempre insegnato a condividere quello che ho – racconta Ibrahim – così in questo periodo particolare ho pensato di fare la mia parte senza aspettare che intervenga lo Stato”.

 

Il principio è molto semplice, la nostra società spreca ancora molto cibo e una buona parte finisce nella spazzatura, ma come spiega il titolare di Ibris, allo stesso tempo c’è chi per sopravvivere è costretto a frugare nell’immondizia: “Ho sempre collaborato con Trentino solidale donando i prodotti invenduti ma ho pensato di dare qualcosa di più, un pasto caldo che soprattutto in una stagione come questa può fare la differenza. Il fatto – prosegue – è che noi imprenditori abbiamo ricevuto comunque un aiuto dallo Stato ma tante altre categorie, come chi era già disoccupato, sono rimaste proprio escluse e gli sbocchi sono pochi”.

 

Così è arrivata l’idea di rendere stabile la sua iniziativa che si basa sulla condivisione: “La gente a Trento è buona e vuole donare, però è necessario essere trasparenti così sullo scontrino segno sia il nome di chi lascia qualcosa per gli altri sia di chi ne beneficia, poi pubblichiamo anche le foto sui social. È un modo per far vedere dove vanno i soldi e serve a creare un’interazione, in questo modo si può percepire che si sta aiutando concretamente una persona, con un nome”.

 

Il tutto funziona di fatto come una transazione vera e propria, chi vuole o più semplicemente può permetterselo lascia qualche euro in più sul suo scontrino che serviranno per offrire da mangiare a una persone che si trova in difficoltà. Su una cosa però Ibrahim è categorico, dev’essere un gesto che non si fa per pietà: “Se uno vuole fare un dono lo perché ha voglia di farlo, perché gli fa piacere aiutare una persona che non ha da mangiare. Quando una ragazza è entrata chiedendo da mangiare le ho parlato dell’iniziativa lei si è messa a piangere a dirotto, è tutta qui l’essenza della solidarietà”. Anche per questo il titolare di Ibris spera che anche altri esercenti seguano il suo esempio: “Alla fine dei conti non ci si perde e in più non si corre il rischio di buttare del cibo. Tutti possono aderire, di questi tempi è importante aiutarsi a vicenda e per fare qualcosa di concreto non c’è bisogno di aspettare”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 15:08

Le minoranze proprio questo pomeriggio hanno presentato una mozione per chiedere la creazione di una commissione d'indagine per verificare il tasso di effettiva diffusione del virus Covid-19 sul territorio Trentino, le modalità del suo monitoraggio e le azioni adottate per la sua gestione

26 gennaio - 15:30

La giornata di Conte è iniziata con l'ultimo Consiglio dei Ministri per poi proseguire al Quirinale e al Senato, dove ha annunciato la sua decisione a Mattarella e ai presidenti delle Camere. Al vaglio ora le varie opzioni: dal Conte "ter" allo scioglimento delle Camere

26 gennaio - 13:34

Bolzano fa un passo indietro dopo la mancata accettazione della classificazione del Cts e l'inserimento a livello europeo nella "zona rosso scuro". Pronta una nuova ordinanza che introduce restrizioni da domenica 31 gennaio. Kompatscher: "Sappiamo che le classificazioni nazionali e europee hanno conseguenze giuridiche. Per questo abbiamo deciso di prendere atto di questa situazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato