Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la Cisl Fp: ''Basta annunci, la Pat ci convochi per definire il comparto sanità e l'uso dei 6,6 milioni di euro da Roma''

Il sindacato di via Degasperi chiede un riconoscimento che deve riguardare tutti gli operatori della sanità pubblica e privata, degli appalti e agli operatori delle case di riposo e delle strutture socio sanitario coinvolte

Pubblicato il - 10 April 2020 - 21:42

TRENTO. "Le Regioni a statuto ordinario sono più avanti del Trentino: la Toscana ha già firmato un accordo da 38 milioni, il Lazio assicura la corresponsione del 100% della retribuzione contrattuale dei lavoratori, nell’integrale rispetto dei contratti applicati", queste le parole di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, che aggiunge: "Il governo ha già stanziato per l'emergenza Covid-19 e la quota per il nostro territorio ammonta a 6 milioni e 650 mila euro". 

 

La richiesta è quella di aprire un tavolo per destinare queste risorse. "E' sempre più urgente un tavolo di confronto per chiudere il contratto 2016/18 e sull’una tantum da 5 milioni. Sono risorse già disponibili e diventa necessario cambiare passo per superare slogan e annunci. E' ora di sbloccare i finanziamenti e intervenire in modo concreto a favore del sistema sanitario trentino". 

 

Un riconoscimento che deve riguardare tutti gli operatori della sanità pubblica e privata, degli appalti e agli operatori delle case di riposo e delle strutture socio sanitario coinvolte. "Nessuno deve restare escluso o rimanere indietro. E' necessario sviluppare un protocollo - conclude Pallanch - servono regole chiare, un quadro normativo certo per garantire il personale sanitario e non. Basta parole, annunci e chiacchiere: ora è arrivato il tempo degli atti concreti. Siamo già a Pasqua e ancora nulla è stato deciso".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 05:01

La vicenda legata alla chiusura del quotidiano di via Sanseverino resta molto complicata: i giornalisti non sono in cassa integrazione perché non funziona come nel 1800 che il padrone chiude e buona notte. Gli abbonamenti sono stati convertiti con quelli del giornale fino a ieri concorrente senza possibilità di rimborso e non si capisce chi sia il direttore del sito (che Ebner e la proprietà altoatesina hanno detto di voler rilanciare) visto che intanto vi lavorano persone dell'Adige, dell'Alto Adige e un fortunato ex del Trentino

19 January - 19:52
Sono 317 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 5 decessi, mentre sono 22 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività
19 January - 22:21

I senatori di Italia Viva, come annunciato nel corso del pomeriggio, si sono astenuti dal voto. Alla fine il Governo è riuscito ad incassare la fiducia anche al Senato ma non c'è la maggioranza assoluta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato