Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, ordinare prodotti locali per sostenere gli agricoltori trentini: ecco quali sono le aziende con consegna a domicilio

Gli agricoltori trentini di Nutrire Trento si sono attivati per dare vita ad una consegna a domicilio dal "produttore al consumatore", con l'intento di non fermare le proprie attività e contribuire alla raccomandazione data ai cittadini di non uscire di casa

Pubblicato il - 27 marzo 2020 - 13:05

TRENTO. A causa dell’emergenza sanitaria sono diversi gli esercizi commerciali che si sono attivati in queste settimane per offrire un efficace servizio di consegna a domicilio. E tra questi anche gli agricoltori trentini hanno deciso di adoperarsi per dare vita ad una consegna "dal produttore al consumatore" vera e propria.

 

La regola è chiara e va rispettata: non bisogna uscire di casa se non per urgenze particolari. Tanti quindi i cittadini che hanno deciso di rivolgersi ai servizi che portano la spesa a domicilio, e così sono aumentate le richieste, allungando le liste di attesa per le consegne. Per ampliare il servizio, sostenere i produttori agricoli che continuano la loro attività e promuovere il contatto diretto tra domanda e offerta, il progetto Agricoltura e promozione del territorio si è attivato contattando i soggetti aderenti al progetto Nutrire Trento e tutte le associazioni di categoria degli agricoltori maggiormente rappresentative.

 

Cliccando QUI è possibile accedere all'elenco di contatti delle aziende agricole trentine che hanno dato disponibilità per la consegna a domicilio dei propri prodotti. L’elenco è in costante aggiornamento ed eventuali ulteriori disponibilità di aziende agricole potranno essere segnalate al seguente indirizzo di posta elettronica: progetto.agricoltura@pec.comune.trento.it . Le aziende andranno poi contattate direttamente dai cittadini interessati, in quanto la piattaforma non vende online.

 

Alla luce dei provvedimenti che limitano gli spostamenti tra un Comune e l’altro, l’invito alla cittadinanza è quello di privilegiare i produttori più vicini alla propria residenza, compatibilmente con le disponibilità del venditore e le esigenze personali di rifornimento.

 

Il progetto Nutrire Trento, avviato nel giugno 2017 dalla collaborazione tra Comune e Università di Trento nell’ambito del protocollo Unicittà, ha come obiettivi migliorare la qualità del cibo con cui si nutre la città, promuovere il consumo di prodotti sani e salutari, che assicurino un'adeguata remunerazione per tutti gli attori della filiera alimentare, lavorare per valorizzare un'economia locale basata su nuove relazioni fra città e campagna e tra agricoltori e consumatori.

 

La piattaforma informatica Nutrire Trento è pensata come uno strumento di informazione e sensibilizzazione, non di vendita, strutturata come una mappa per dare visibilità a tutte le categorie presenti: produttori locali, mercati contadini e mercato dell'economia solidale, gruppi di acquisto solidale, orti urbani, negozi alimentari, altri attori interessati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

20 ottobre - 18:46

Sono 15 i milioni che saranno investiti nella realizzazione del nuovo collegamento funiviario che, in soli 7 minuti, percorrerà un tracciato di 3.8 chilometri per un dislivello di 644 metri. L'impianto collegherà l'abitato di San Cipriano con Malga Frommer, posta tra le piste da sci del comprensorio di Carezza. Intanto, però, si continua a scavare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato