Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Pergine piange l'artista 78enne Olimpio "Mauso" Cari. Un uomo "libero come un violino zigano"

Tra i tanti che finora che ci hanno lasciati a causa dell'epidemia di Coronavirus, c'è anche Olimpio "Mauso" Cari, artista poliedrico di fiere origini Sinti e perginese d'adozione. Pittore, scultore, musicista e poeta, grande amante della libertà, espose in giro per l'Europa portando in alto la sua appartenenza ad un popolo incompreso. Lascia la moglie Wolftraud De Concini

Pubblicato il - 25 marzo 2020 - 11:18

PERGINE. Era un personaggio libero, “libero come la musica zigana”, come recitava una sua poesia. Olimpio “Mauso” Cari, artista perginese, si è spento a 78 anni, portato via dal Coronavirus mentre risiedeva in una casa di riposo nel centro valsuganotto.

 

Classe 1942, Cari - pittore, scultore, poeta e musicista - era fiero delle sue origini sinti. Origini che si rispecchiavano nella sua arte, nei suoi dipinti e nelle sue poesie. L'amore della libertà di un popolo nomade e perseguitato, riflesso nei colori sgargianti, nella creatività delle sue sculture, nelle parole delle sue poesie.

 

Artista poliedrico, divenne un perginese d'adozione. Stabilitosi lì con la sua compagna nel 1984 – anch'ella artista, scrittrice e fotografa – Wolftraud De Concini, raccontava gli aspetti tradizionali della vita dei Sinti nei suoi scritti e nei testi delle canzoni che egli stesso musicava. Recuperava “legni morti” restituendo loro vita nelle sue sculture, ottenendo successo di critica come nella mostra tenuta a Pergine, in sala Maier, nell'ottobre 2017.

 

Ha esposto in Trentino, in Alto Adige, in Veneto, nelle Marche, in Toscana, nel Lazio, in Austria, Francia, Svizzera e altri luoghi. Ma per capire chi era, forse, dicono di più le parole di una sua poesia, che il pedigree d'artista: “Sono nato sotto una tenda/ in una notte d'estate/ in un accampamento zingaro/ ai margini della città. / I grilli mi cantavano la ninna nanna/ la luna mi fasciava di raggi d'oro/ e le donne vestivano gonne fiorite./ Sono cresciuto su un carro/ dalle ruote scricchiolanti. / Eravamo ragazzi/ senza ieri e senza domani/ mendicavamo il pane nella pioggia e al sole/ correvamo incontro ai nostri sogni/ alle nostre fantasie nel bosco. / Ora sono diventato grande/ la mia tenda è distrutta/ il mio carro si è fermato. / Ma cammino ancora per essere libero / come il vento che scuote il bosco / come l'acqua che scorre verso il mare / come la musica di un violino zigano”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 marzo - 19:21

Le vittime sono 8 donne e 10 uomini. Sono 7 i decessi avvenuti nelle Rsa. L'età media è di 87 anni. Sono 2.340 i positivi per coronavirus in Trentino, 104 casi e ci sono, purtroppo, 18 nuovi decessi. Complessivamente le vittime per complicanze legate a Covid-19 sul territorio salgono a 120 per un totale di 184 morti a livello regionale

28 marzo - 18:33

Se n’è andato alla soglia della sua 87esima vendemmia. Un cultore della tradizione, viticola anzitutto. Curava i suoi vigneti con ritmi ancestrali, usando legare le viti con le ‘strope’, per rispettare l’habitat, per non disperdere la gestualità rurale e pure per non inquinare con qualche legaccio sintetico

28 marzo - 17:57

Sono 2.340 i trentini positivi a Covid-19. L'aggiornamento di Provincia e Azienda provinciale per i servizi sanitari riporta 104 nuovi contagi sul territorio provinciale. Fugatti: "Le notizie sui decessi sono drammatiche ma il trend sembra stabilizzarsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato