Contenuto sponsorizzato

''Grazie al volontariato per coraggio, dedizione e generosità nell’emergenza Covid-19'', Pro loco Trento e Centro Santa Chiara premiano il Cnca

Nel corso delle Feste Vigiliane è stato consegnato da Mariachiara Franzoia, vice sindaca del Comune di Trento, e da Marco Lazzeri, presidente Proloco Centro storico di Trento, e dal Centro servizi culturali Santa Chiara un riconoscimento ufficiale per ringraziare Cnca

Pubblicato il - 01 luglio 2020 - 11:35

TRENTO. "Un momento di forte emozione aver ricevuto un riconoscimento per l'impegno messo in campo dalle realtà aderenti nella fase di emergenza di Covid-19", queste le parole di Claudio Bassetti, presidente di Cnca, che aggiunge: "Esprimiamo gioia nel ricevere questo premio, perché non siamo abituati a ricevere riconoscimenti, siamo abituati invece a riconoscere: difficoltà di vita, fragilità, sofferenza, solitudine, distanza".

 

Nel corso delle Feste Vigiliane è stato consegnato da Mariachiara Franzoia, vice sindaca del Comune di Trento, e da Marco Lazzeri, presidente Proloco Centro storico di Trento, e dal Centro servizi culturali Santa Chiara un riconoscimento ufficiale per ringraziare Cnca.

 

La motivazione del riconoscimento su richiesta delle istituzioni coinvolte è stata avallata dal CSV Trentino, che durante il lockdown ha continuato a supportare il volontariato locale: "Con questo simbolico premio vogliamo testimoniare la nostra gratitudine a tutte le associazioni di volontariato che con coraggio, volontà e dedizione, hanno dimostrato una grandissima generosità e professionalità nell’affrontare l’emergenza sanitaria Covid-19. Con viva stima e riconoscenza, da tutti noi un Grazie di cuore".

 

"Questo riconoscimento è arrivato in buona parte inaspettato - aggiunge Bassetti - da un mondo che opera e lavora con finalità diverse dalle nostre. Che promuove momenti di incontro collettivi, per festeggiare il proprio patrono ma soprattutto la voglia di una comunità di stare insieme e anche riflettere. E’ in questa idea di sviluppo di comunità che troviamo un comune denominatore. Noi e le nostre realtà ci adoperiamo per accogliere, includere e aiutare chi è in difficoltà".

 

Nelle fasi critiche della pandemia sono stati intensificati gli sforzi e gli impegni, inventando soluzioni, costruendo progetti ancora più convinti. "Un impegno complesso, difficile faticoso - dice il presidente di Cnca - abbiamo trovato l’aiuto e la vicinanza anche di privati, come ItaSolidale, che ha permesso di poter acquisire decine di migliaia di strumenti Dpi indispensabili in questi mesi per l’attività, proprio quando ne eravamo sprovvisti. E la casa editrice Erikson, con la messa a disposizione di importanti materiali didattici per bambini, ragazzi e adulti seguiti da noi".  Alla base, una vera e propria rete per sviluppare progettualità di volontariato d’impresa coordinata dal CSV Trentino. 

 

Un segnale alla comunità trentina è molto forte: "La solidarietà fa ancora parte del tessuto sociale di questa terra - conclude Bassetti - malgrado chi rema contro, malgrado chi semina divisioni e alza muri, malgrado chi ha tutto l'interesse a soffiare sul fuoco delle paure. Il valore economico si assomma a quello, incalcolabile, del sostegno, della vicinanza, del sentirsi ognuno parte di una comunità viva, capace di relazioni, di aiuto reciproco, di solidarietà. Questo premio riconosce che tutte queste realtà non valgono solo per quanto fanno ciascuna nel suo ambito, ma valgono anche in quanto 'rete', in quanto soggetto dotato di molte anime e di un unico cuore".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

06 marzo - 15:14

Ha preso avvio il progetto pilota per effettuare l'autotest nasale nelle scuole primarie altoatesine. Dopo il no della Ripartizione italiana, sono state 11 le strutture che hanno preso parte, con 1145 bambini su 1673 testati, di cui 3 risultati positivi. L'assessore alla Salute Thomas Widmann: "Il metodo sembra funzionare"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato