Contenuto sponsorizzato

Il treno supersonico (che copre Trento-Verona in 5 minuti) non è più fantascienza: Hyperloop arriva in Italia e quest'anno parte la prima tratta a Dubai

Qualche giorno fa il Ceo della multinazionale, Gresta, a Roma ha presentato la società italiana che si occuperà di sviluppare sei tratte nel nostro Paese. Già incontrati i rappresentanti di sei regioni, Anas, Fs e Ferrovie Nord. Intanto entro quest'anno sarà al via il primo convoglio: coprirà i 140 chilometri tra Dubai e Abu Dhabi in 12 minuti

Pubblicato il - 02 febbraio 2020 - 09:44

TRENTO. Trento-Verona in 5 minuti o Verona-Trieste in mezz'ora. Al momento sembra ancora essere fantascienza ma altrove sta per trasformarsi in realtà ed è imminente il lancio della linea Dubai-Abu Dhabi: 140 chilometri da percorrere in 12 minutiHyperloop Italia, si è presentata qualche giorno fa (era mercoledì 29 gennaio) a Roma e ha già costruito le prime relazioni importanti con sei regioni italiane (Puglia, Basilicata, Sicilia, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia) che hanno dimostrato interesse per l'attività di questa innovativa startup, oltre che con Anas, Fs e Ferrovie Nord.

 

A metterci la faccia in prima persona è Gabriele ''Bibop'' Gresta, fondatore dell'azienda americana Hyperloop Transportation Technology (Htt), che, ovviamente, è il primo a credere nel suo treno superveloce a levitazione magnetica alle cui spalle ci sono, nientemeno, che le ''big'' Tesla e Virgin. La tecnologia alla base di questo prodotto si basa sul tentativo di ridurre al minimo l'attrito tra il tubo che mette in collegamento i diversi luoghi che si vuole raggiungere e ciò che corre all'interno del tubo, i treni-capsule. La tecnologia vactrain, permette, quindi, al treno di non toccare le rotaie ma spostarsi nel tunnel in cui viene creato un vuoto d’aria. Il tutto con un bassissimo impatto ambientale e addirittura, grazie alla levitazione passiva, con una produzione extra di energia del 30%

 

 

 

 

La prima tratta, che dovrebbe essere inaugurata già nel 2020 per Expo Dubai, vedrà questa speciale tecnologia spingere le capsule ferroviarie (gli odierni vagoni del treno) fino alla velocità di 1.200 chilometri all'ora per coprire le distanze in attimi, poche manciate di minuti. I 140 chilometri di Dubai-Abu Dhabi saranno percorsi in 12 minuti e già si pensa alle distanze italiane con un Trento-Verona che in 5 minuti permette di trasferire i passeggeri da un capoluogo all'altro. Il numero uno di Hyperloop Italia, Gresta è un ternano che prima era alla guida operativa della società americana ed è il primo ad avere la licenza competa, al mondo, per commercializzare la tecnologia di Hyperloop TT. 

 

 

Sei sono le tratte italiane che a partire dal 20 febbraio verranno analizzate. Uno studio che dovrebbe partire dai tracciati ferroviari e dalle autostrade per andare lungo quei percorsi, già esistenti quindi, ad innestare i tubi. ''Sembrava fantascienza e ora diventa realtà - ha spiegato Gresta durante la presentazione di Roma -. Oggi annunciamo la nascita della società italiana, interamente indipendente dalla multinazionale americana e a breve vi presenteremo il primo studio di fattibilità. Si potrà quindi partire concretamente, non più con annunci, ma con l’ideazione di concrete tratte italiane''.

 

''Hyperloop - ha proseguito - non è il nuovo treno più veloce al mondo, ma bensì una capsula supersonica in grado di raggiungere una velocità di oltre 1223 chilometri all’ora, ideata e progettata dai migliori specialisti del pianeta. L’evoluzione del trasporto terrestre prenderà forma entro questo decennio, e sono orgoglioso di poter pensare che il mio Paese sarà tra i primi al mondo a viaggiare alla velocità supersonica. Hyperloop segnerà il punto di svolta tra la terza e la quarta rivoluzione industriale, utilizzando le tecnologie a disposizione nel XXIº Secolo per sviluppare un sistema di trasporto sicuro, efficiente e sostenibile''.

 

In questo modo ''cambieranno gli stili di vita, le distanze saranno abbattute e le persone avranno più tempo per loro stessi, impiegando meno tempo per spostarsi da un punto all’altro della terra. Le città - ha proseguito il Ceo di di Hyperloop Italia - e i territori verranno ripensati in maniera positiva. È una evoluzione necessaria per ridurre l’inquinamento e migliorare la qualità della vita. Il nostro sistema produce più energia di quanto consuma e non provoca emissioni. Per il futuro sono già al vaglio importanti ipotesi progettuali per 6 collegamenti a cui seguiranno altrettanti studi di fattibilità. Tratte per nulla antagoniste al sistema ferroviario e aereo, ma assolutamente complementari. Nei mesi che hanno preceduto questo annuncio, ho fatto decine di incontri con politici, partner industriali e operatori del settore, per capire se l’Italia fosse il Paese gusto per partecipare in prima linea a questa rivoluzione e devo dire che ancora una volta per competenza, capitali e tecnologie, questo Paese non è secondo a nessuno''.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 May - 20:36
Trovati 71 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 60 guarigioni. Sono 859 i casi attivi sul territorio provinciale
Politica
12 May - 20:12
Bocciata la proposta di Futura per consentire di riaprire all’aperto anche ai circoli dell’associazionismo. Zanella: “Resta l’amarezza, la [...]
Politica
12 May - 19:44
La Provincia intende acquistare 2,8 milioni di quote di Itas Mutua. Sono emersi dubbi, in particolare da parte di Onda civica, Partito [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato