Contenuto sponsorizzato

La 2A della scuola Giacomo Bresadola vince il primo premio nel concorso letterario di Italtrans dal tema "Arriva un camion carico, carico di..."

Una grande soddisfazione per gli alunni che hanno prodotto il miglior elaborato sul tema: "Arriva un camion carico, carico, di…". Cosa immaginate per il domani? Il vostro immaginario camion, che percorrerà le strade del mondo, di cosa dovrebbe essere carico per costruire un futuro migliore?". All'interno dell'articolo l'incipit del testo vincitore

Di Lucia Brunello - 15 aprile 2020 - 20:30

TRENTO. La classe 2A della scuola secondaria di 1° grado "Giacomo Bresadola" di Trento si è classificata prima assoluta nel concorso nazionale Italtrans2019 dal tema: “Arriva un camion carico, carico di…” nella categoria "Medie gruppo classe". Il concorso intendeva favorire una riflessione sui temi della sostenibilità, del futuro e della responsabilità personale e collettiva odierni, con l'intendo si sviluppare nei ragazzi e nelle ragazze più giovani "un'attenta sensibilità".

 

La consegna era la seguente: "Arriva un camion carico, carico, di…". Cosa immaginate per il domani? Il vostro immaginario camion, sulle strade del mondo, di cosa dovrebbe essere carico per costruire un futuro migliore?".

 

Davvero un risultato di cui essere fieri, e che certamente acquista ancora più valore ricevuto "a distanza", simbolo del momento delicato che stiamo vivendo e che, a molti e in molti casi, ha fatto riscoprire il bello della scrittura come finestra di riflessione e viaggio.

 

Ad aver partecipato al concorso, (con quattro differenti classifiche in base al grado di studio) sono stati ben 57 istituti comprensivi da tutta Italia, con 199 elaborati totali esaminati. E’ questa una testimonianza della passione e della preparazione di tanti allievi e insegnanti. "Siamo davvero contenti di aver promosso riflessioni e approfondimenti, ben oltre le nostre aspettative, nelle aule scolastiche. Anche e forse soprattutto da qui passa una cultura della sostenibilità e del rispetto delle persone e dell’ambiente", si legge sul sito internet del concorso.

 

Complimenti a tutti gli alunni partecipanti. Qui di seguito l'incipit dell'elaborato vincitore scritto dalla classe 2A della scuola secondaria di 1° grado "Giacomo Bresadola":

 

"Ho sognato di essere un camionista. Cavalcavo un triciclo e pedalavo intorno al tavolo della cucina. Mia madre rideva, perché ostacolavo i suoi movimenti.  A un certo punto mi sono trovato in strada, in mezzo a una folla caotica e urlante. Ero spaventato, tutti erano arrabbiati, infelici o indifferenti. Allora ho pedalato fino alla casa di una mia alunna – quindi ero anche un professore di scuola media. Il triciclo era diventato un camion.

-Prof, che ci fa qui?

-Salta su, Paula. Abbiamo molto da fare.

-Cosa?

-Dobbiamo aiutare la gente! Porta qualcosa di utile.

-Ok! Vanno bene carta, penna e fantasia per dare a ognuno la possibilità e la libertà di esprimersi? E mattoni, per costruire ponti e collegare in pace le persone?

-Wunderbar! Andiamo... dove?

-Da Giulia! Dopo la nuvola, a destra".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato