Contenuto sponsorizzato

La legge italiana sulla marijuana legale

Con la comparsa del testo normativo il dibattito ha iniziato ad accogliere anche il concetto di canapa leggera. In base a questa legge, per poter essere considerata legale la marijuana deve avere una percentuale di Thc inferiore allo 0.6%. il Thc non è altro che il principio attivo psicoattivo della cannabis: in pratica, quello che fa sballare chi la consuma

Pubblicato il - 05 October 2020 - 15:44

TRENTO. Da quando è entrata in vigore la legge n. 242 del 2016, il modo di approcciarsi alla cannabis nel nostro Paese ha conosciuto un cambiamento significativo. Fino a quel momento, infatti, alla marijuana si faceva riferimento solo quando si parlava di spaccio o in discorsi relativi al suo potenziale terapeutico. Tuttavia, con la comparsa del testo normativo il dibattito ha iniziato ad accogliere anche il concetto di canapa leggera. In base a questa legge, per poter essere considerata legale la marijuana deve avere una percentuale di Thc inferiore allo 0.6%. il Thc non è altro che il principio attivo psicoattivo della cannabis: in pratica, quello che fa sballare chi la consuma.

 

La New Canapa Economy. Nel corso degli ultimi anni gli esperti del settore hanno parlato sempre più spesso di New Canapa Economy. Si tratta di un’espressione che ci riporta indietro nel tempo, quando l’economia globale ha accolto l’avvento del web. Per avere un’idea delle dimensioni del fenomeno, è sufficiente sapere che tra il 2013 e il 2018 i terreni coltivati a canapa sono aumentati di 5 volte. Insomma, il giro di affari è decisamente importante, con un fatturato che si aggira sui 40 milioni di euro. Il business coinvolge tanto i grow shop, cioè i punti vendita tradizionali, quanto gli store virtuali, cioè gli e-commerce. Il settore online ha messo in evidenza un trend crescente negli ultimi tempi, come dimostra il caso di The Weedzard.

 

Perché comprare la canapa light su The Weedzard. The Weedzard è uno dei migliori e-commerce in cui comprare cannabis Italia, ovviamente in maniera del tutto legale. In un contesto italiano – ma anche mondiale – in cui l’opinione pubblica sta acquisendo una consapevolezza sempre maggiore a proposito della canapa, avere la possibilità di fare acquisti in un negozio virtuale affidabile e sicuro è senza dubbio un buon incentivo, anche e soprattutto per i neofiti e per coloro che si avvicinano per la prima volta a questo settore. Ormai i benefici terapeutici della canapa sono riconosciuti e noti a chiunque, ed è per questo che The Weedzard attira l’attenzione di chi è in cerca di prodotti selezionati con cura: il suo catalogo comprende unicamente articoli che provengono da coltivazioni di canapa biologica indoor. Che cosa si può comprare in questo store virtuale? Non solo olio Cbd in concentrazioni differenti, da un minimo del 4 a un massimo del 30%, ma anche infiorescenze e molti altri prodotti derivati dalla canapa legale, sempre ad alto tasso di Cbd, inclusa una linea di articoli pensata addirittura per gli animali domestici.

 

Che cosa comprare. Tra i prodotti che da qualche tempo fanno registrare un notevole successo in questo comparto, vale la pena di citare i liquidi per le sigarette elettroniche che contengono il Cbd. Per trovare i prodotti migliori, cioè in grado di garantire i più alti standard di qualità, è necessario rivolgersi a un rivenditore serio e affidabile. Ma come si fa a riconoscerlo? I parametri da tenere in considerazione sono diversi, ma di certo la presenza di informazioni dettagliate è un buon punto di partenza. Può essere utile anche verificare se il punto vendita o l’e-commerce ha dei profili sui social network, così da leggere i commenti e le opinioni degli utenti.

 

Come si assume il Cbd. Il Cbd, che è il principio attivo della cannabis light che non dà assuefazione ma produce solo una sensazione di rilassamento, può essere assunto in tanti modi differenti. L’olio di Cbd è uno dei più comuni, anche perché è semplice da gestire: proprio per questo motivo è consigliato ai neofiti e a tutti coloro che sono alle prime armi. L’olio di Cbd è decisamente popolare, insomma, ma non è la sola opzione a cui si possa fare riferimento: i consumatori più esperti, per esempio, possono propendere per i cristalli, che si contraddistinguono per un livello di purezza più elevato. I cristalli si possono assumere vaporizzati, ma è possibile anche scioglierli mettendoli sotto la lingua; volendo, poi, si mischiano senza problemi con gli alimenti. Infine non vanno dimenticate le infiorescenze, un grande classico.

 

Il successo della cannabis. Nel corso degli ultimi mesi il trend della cannabis light è quasi esploso, con un incremento delle vendite online. Facile intuirne il motivo, se si pensa da che marzo è iniziato il lockdown che ha costretto a casa decine di milioni di persone. Gli italiani, durante il periodo della quarantena forzata, hanno dovuto fare i conti con una situazione di notevole stress, o comunque di ansia: ecco quindi che i prodotti a base di Cbd si sono rivelati ideali, un rimedio eccellente per tenere alla larga le preoccupazioni e le fatiche mentali. Le ricerche scientifiche hanno dimostrato da tempo gli effetti del Cbd sull’insonnia e sull’ansia, fermo restando che non si deve pensare a questa sostanza come una panacea di tutti i mali: insomma, la depressione è cosa ben diversa e non si può certo curare con gli estratti della canapa legale.

 

Prospettive di crescita. Anche ora che il lockdown si è concluso, e nella speranza che non ce ne sia un altro, il trend delle vendite di cannabis light continua a essere in ascesa. Tante persone, infatti, hanno avuto modo di sperimentare gli evidenti effetti benefici della canapa leggera e dei prodotti a base di Cbd: la marijuana legale non è un prodotto per ragazzi che cercano lo sballo, ma una soluzione utilizzata soprattutto da over 35, tra i quali ingegneri, avvocati, professori universitari. Insomma, professionisti che di tanto in tanto hanno bisogno di staccare la spina e di abbandonare le tensioni. Le canne tradizionali, oltre a non essere legali, hanno effetti collaterali non gradevoli: si pensi agli occhi rossi, alla gola secca e alla bocca impastata. Tutti questi inconvenienti vengono meno con i prodotti a base di Cbd, sia che si tratti di ingredienti alimentari usati per decotti e torte, sia che si tratti di oli assunti in gocce.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 1 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
01 dicembre - 20:22
A seguito delle dimissioni del comandante dei vigili del fuoco di Imer nelle scorse ore a rimettere il proprio incarico sono stati anche il [...]
Cronaca
01 dicembre - 19:55
Trovati 188 positivi, 3 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 138 guarigioni. Sono 52 i pazienti in ospedale. Sono 843.595 le dosi [...]
Cronaca
01 dicembre - 19:26
Oggi all'Adige il numero uno di Patrimonio del Trentino ha spiegato che ''l'abbiamo provata per un mese (..) ma abbiamo chiesto di cambiarla'' [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato