Contenuto sponsorizzato

L'ex ministro del Lavoro Giovannini in live streaming con Trento: ''Dopo il lockdown gli italiani si aspettano una ripresa economica all’insegna dell’economia sostenibile''

Per il “World Citizen Lab, prospettive di cittadinanza globale”, mercoledì 24 giugno a partire dalle 17 l'ex ministro dialogherà con ospiti di spicco quali anche Johnny Dotti, Eleonora Vlach e Andrea Bianchi:''L’Unione europea metterà a disposizione fondi ingenti per interventi a favore del green new deal. La speranza è che il nostro Paese sappia programmare il suo futuro usando questi criteri, che sono i criteri dell’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile''

Pubblicato il - 23 giugno 2020 - 16:16

TRENTO. Sarà Enrico Giovannini, co-fondatore e portavoce dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (AsviS) e già capo della Direzione statistica dell’OCSE (2001-2009), Presidente dell’ISTAT (2009-2013) e Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali (2013-2014) ad aprire l’atteso evento, organizzato dall’Associazione Nadir Onlus in modalità live streaming “World Citizen Lab, prospettive di cittadinanza globale”, mercoledì 24 giugno a partire dalle 17, e che vede coinvolti ospiti di spicco quali anche Johnny Dotti, Eleonora Vlach e Andrea Bianchi.

 

Al “World Citizen Lab, prospettive di cittadinanza globale” si affronteranno temi quali: Economia Sostenibile, Istruzione, Salute e Benessere, Città e Comunità Sostenibili per promuovere il concetto di educazione alla cittadinanza globale con riferimento agli obiettivi previsti dall'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

 

Professor Giovannini, gli obiettivi dell’Agenda 2030, che sembrano scomparsi dal dibattito pubblico sull’onda dell’emergenza Covid-19, torneranno tra le priorità? La sanità verrà prima dell’ambiente?

 

Le persone durante il lockdown hanno capito che esiste una relazione forte tra ambiente e salute e tra salute ed economia. C’è una domanda ancora maggiore di sviluppo sostenibile che coniughi gli elementi sociali, economici ed ambientali. Un sondaggio fatto da Ipsos indica come il 63% degli italiani si aspetti una ripresa economica all’insegna dell’economia sostenibile, quindi green. Il 71% dice che se il Governo non affronterà la tematica del cambiamento climatico avrà fallito il suo compito”.

 

Ma servono fondi per promuovere lo sviluppo sostenibile.

 

L’Unione europea metterà a disposizione fondi ingenti per interventi a favore del green new deal, delle politiche sanitarie, della formazione e per la lotta alla disoccupazione. La speranza è che il nostro Paese sappia programmare il suo futuro usando questi criteri, che sono i criteri dell’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

 

Concretamente l’Italia cosa deve fare?

 

È evidente che la Ue non finanzierà progetti basati sulle energie fossili. Sappiamo però che ci sono interessi che spingono ad usare quel tipo di energie e la politica deve fare le scelte. Ma sopratutto l’opinione pubblica deve chiarire dove vuole andare. Vuoi andare verso la vecchia economia? Lo fai con i tuoi soldi, perché l’Unione Europea non finanzierà nulla del genere. Purtroppo l’opinione pubblica dà per scontato che questi soldi arriveranno e si sta dibattendo su come spenderli. Possiamo illuderci che si possa continuare come prima, ma il mondo sta prendendo decisioni diverse da quelle che prendeva quattro mesi fa. Prima l’Italia si adegua e capisce che questa è la direzione da prendere, meglio sarà per tutti.

 

Chi può assumersi la leadership per guidare questi processi?

 

Ognuno di noi è chiamato a giocare il proprio ruolo a livello locale, regionale, nazionale sovranazionale. La leadership non è solo pubblica, ma privata. Per le imprese questo è il futuro. I dati Istat mostrano che se uno salta l’economia circolare e quindi ha un’economia più sostenibile, ha dei guadagni di produttività non delle perdite. Molta parte dell’imprenditoria lo ha già capito. I cittadini hanno una maggiore attenzione per questi temi. Se la politica se ne rendesse conto verrebbe premiata.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 05:01

I deputati Sutto e Binelli alle comunali hanno raccolto rispettivamente 45 e 113 preferenze, avrebbero dovuto tirare la volata ma alla fine sono stati trascinati in Consiglio dai candidati locali. Male le candidate sindache leghiste Cattoi ad Ala, Ceccato a Lavis e Parisi a Comano: nessuna supera supera il 30%

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato