Contenuto sponsorizzato

L'ex senatore Giorgio Postal riconfermato presidente della Fondazione museo storico del Trentino

Questa la decisione della Giunta provinciale su indicazione dell'assessore Mirko Bisesti. L'amministrazione ha contestualmente nominato i componenti del Collegio dei revisori dei conti, rappresentanti della Provincia per i prossimi quattro esercizi

Pubblicato il - 19 gennaio 2020 - 18:57

TRENTO. L'attuale presidente della Fondazione museo storico del Trentino, l'ex senatore Giorgio Postal, è stato riconfermato nel ruolo.

 

Questa la decisione della Giunta provinciale su indicazione dell'assessore Mirko Bisesti.

 

L'amministrazione ha contestualmente nominato i componenti del Collegio dei revisori dei conti, rappresentanti della Provincia per i prossimi quattro esercizi.

 

Il presidente è Danilo Chemolli, quindi Giorgio Appoloni, designato dalle minoranze del Consiglio provinciale. Davide Pasqualini è stato nominato componente supplente.

 

La Fondazione museo storico ha tra i compiti la realizzazione e l'organizzazione di attività di esposizione permanenti e temporanee di tema storico, oltre alla valorizzazione della storia della città di Trento, del Trentino e dell'area regionale corrispondente al Tirolo storico, attraverso attività di studio, ricerca, formazione e divulgazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 febbraio - 12:15

Il candidato sindaco della destra nel tentativo di colpire l’amministrazione comunale di Trento offre involontariamente un assist ai suoi avversari: dallo scorso anno la macro area della giustizia-sicurezza è scesa dal 18esimo al 42esimo posto, anche se complessivamente la Pat guadagna due posizioni tornando sul podio

29 febbraio - 12:44

E' successo in via Innsbruck intorno alle 18, una jeep con a bordo una coppia di italiani è piombata a velocità altissima nel deposito degli autobus. In quel momento le stanghe erano alzate per consentire e agevolare l'entrata dei diversi mezzi tra fine e inizio turno, quando il veicolo è sopraggiunto a tutto gas senza badare ai segnali di divieto, ma anche alle indicazioni del lavoratore

29 febbraio - 09:22

La comunicazione del caso positivo è arrivata dalle autorità tedesche. La proprietaria della piccola struttura, risultata l’unica persona di stretto contatto del caso positivo, è stata posta in isolamento domiciliare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato