Contenuto sponsorizzato

L'uso dell'ozono per sanificare gli ambienti

La sanificazione ambientale con l’ozono è uno dei metodi che il ministero della Sanità riconosce in quanto tecnica di pulizia sicura ed ecologica: proprio per questo motivo costituisce un presidio naturale per sterilizzare gli ambienti contaminati. Con l’ozono è possibile disinfettare l’acqua, ma anche ossigenare, igienizzare e rigenerare l’aria

Pubblicato il - 27 febbraio 2020 - 15:37

TRENTO. La sanificazione ambientale con l’ozono è uno dei metodi che il ministero della Sanità riconosce in quanto tecnica di pulizia sicura ed ecologica: proprio per questo motivo costituisce un presidio naturale per sterilizzare gli ambienti contaminati. Con l’ozono è possibile disinfettare l’acqua, ma anche ossigenare, igienizzare e rigenerare l’aria. Diverse ricerche scientifiche affermano che il ricorso all’ozono per la sanificazione e la disinfezione si dimostra 2mila volte più efficace rispetto a qualsiasi altro genere di sanificazione, dal momento che permette di eliminare più del 99 per cento dei batteri che si trovano sulle superfici e nell’aria.

 

Quando conviene impiegare l’ozono. I generatori di ozono in vendita sono raccomandati, tra l’altro, quando si ha la necessità di prevenire le infezioni, le asme e le allergie, visto che assicurano la salubrità degli ambienti in cui vengono utilizzati. Quando il trattamento si conclude, l’ozono viene trasformato in ossigeno, e non rimangono residui chimici o tossici. Il metodo di pulizia che viene messo in pratica è naturale al 100 per cento, e anche per questo motivo può essere sfruttato per una grande varietà di applicazioni.

 

I pregi dell’ozono. L’ozono, in virtù delle sue specifiche caratteristiche, ha la capacità di penetrare nelle fibre dei tessuti: vi si può ricorrere, dunque, per igienizzare le poltrone, i divani e i materassi, ma anche le moquette e i tappeti. Non bisogna pensare, per altro, che la sanificazione con ozono sia utile solo per i locali delle case private, degli alberghi o degli ospedali: anche gli interni dei veicoli possono essere igienizzati tramite questa procedura. Così è possibile eliminare qualsiasi tipo di microrganismo, a prescindere dalla sua ubicazione. Quando i lavaggi tradizionali non permettono di raggiungere i punti più nascosti, i generatori di ozono assicurano risultati impeccabili.

 

Gli ozonizzatori contro i batteri. Non sempre i condotti di aerazione e i tubi dei condizionatori vengono puliti con la necessaria regolarità. A causa di questa mancanza, con il passare del tempo lo sporco finisce per accumularsi creando conseguenze negative per l’ambiente. L’impiego degli ozonizzatori e la sanificazione con l’ozono permettono di eliminare i batteri e offrono la possibilità di provvedere a una pulizia approfondita grazie a cui i cattivi odori possono essere eliminati in maniera permanente.

 

I vantaggi offerti dall’ozono. Appare facile da capire, a questo punto, il motivo per il quale un numero sempre più elevato di imprese di pulizie nel corso degli ultimi anni ha deciso di sfruttare la sanificazione con ozono, non solo per la rimozione di macchie da materiali e tessuti di ogni genere, ma anche per la pulizia approfondita di hotel, ristoranti e molti altri luoghi pubblici, inclusi gli edifici scolastici e le case di riposo. La disinfezione a base di ozono si rivela molto più efficace nel confronto con le tecniche di pulizia tradizionali in virtù del grande potere disinfettante che contraddistingue questo gas naturale. Grazie ad esso è possibile rimuovere non solo le muffe, le spore e gli insetti, ma anche i cattivi odori, come quello lasciato dal fumo di sigaretta.

 

La reazione di ossidazione. È la reazione di ossidazione che si innesca al contatto tra la materia organica e l’ozono a fare in modo che le superfici possano essere igienizzate e i microrganismi viventi possano essere eliminate. Sempre l’ossidazione trasforma le molecole responsabili delle puzze in molecole differenti che l’olfatto umano non riesce a percepire. Vale la pena di mettere in evidenza, infine, che l’ozono non è per niente pericoloso ma, al contrario, garantisce i più alti standard di sicurezza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato